Restiamo in contatto

APPROFONDIMENTI

Il caso Luis Alberto: si può ancora fare a meno del Mago?

Pubblicato

il

Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO SARRI LUIS ALBERTO – Nel difficile momento della Lazio, travolta a Verona, ci si pongono diversi interrogativi: sulle idee tattiche di mister Sarri, sul fatto che gli schemi non siano stati appresi, sulla fragilità difensiva e…sul caso Luis Alberto. Ovviamente tutti gli argomenti hanno un’interconnessione tra loro, se non fosse perchè la mancata solidità difensiva farebbe vacillare la validità di alcune scelte dolorose.

LEGGI ANCHE –> Il tabellino e la cronaca di Hellas Verona – Lazio

LEGGI ANCHE –> Verona-Lazio 4-1, le pagelle dei quotidiani: disastro in difesa ma non solo

Sarri, nella sua Lazio non c’è posto per Luis Alberto

Con 17 gol presi in 9 gare – mai così male dal 1983-84 – la Lazio sta naufragando in difesa. E pensare che proprio la volontà di proteggere maggiormente il reparto arretrato sarebbe alla base dell’uscita di Luis Alberto dalla formazione titolare. Qualche segnale c’era stato anche prima della gara con l’Inter, ma la partita contro i Campioni d’Italia ha certificato lo status di sacrificato per il Mago. Sull’altare di una maggior copertura sulla linea mediana che però, onestamente, non si vede. Con l’Inter la Lazio ha vinto, ma per larghi tratti del match i nerazzurri hanno dominato a metà campo. Per non parlare del match di ieri al Bentegodi: se il motivo, ed è quello, per tener fuori il Mago risiede nella convinzione che un mediano al posto suo possa garantire maggior equilibrio alla squadra, tale obiettivo appare miseramente naufragato. Maurizio Sarri è chiamato a lucidare la lampada alla ricerca di quell’intuzione giusta per far convivere Milinkovic-Savic con lo spagnolo. Perchè in parecchi faticano a credere che con i “due incompatibili” in campo contemporaneamente, la Lazio avrebbe fatto una figura perggiore di quella di ieri…

Alessio Cherubini

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *