(Getty Images)

IL CORRIERE DELLO SPORT (D. Rindone). Nell’edizione di oggi de “Il Corriere dello Sport”, tre ex allenatori della Lazio, Papadopulo, Rossi e Reja parlano dei derby vinti sulla panchina della Lazio.

PAPADOPULO ricorda il derby del 6 gennaio 2005, vittoria della Lazio 3-1: “Ci davano per battuti. Dissi alla squadra di crederci, che quella partita ci avrebbe potuto cambiare la vita e il campionato. […] Eravamo consapevoli dei nostri difetti e li abbiamo trasformati nella nostra forza. Utilizzammo giocatori in ruoli non naturali per via dell’emergenza […] tutti furono bravissimi. […] La partita non bisogna caricarla troppo, lo è già naturalmente. Non servono tante sollecitazioni, interiormente ognuno deve sentirla per conto proprio. […] Il mio derby non lo dimenticherò mai”.

DELIO ROSSI e i suoi tris di successi: “Il derby sfugge ad ogni regola […] va preparato e  vissuto tecnicamente e mentalmente. […] Non bisogna arrivare troppo carichi all’evento […] Il rischi è bruciare energie nervose […] L’importante è partire con il presupposto di fare cose normali in campo. […] Prima del derby del 3-0, era un giovedì, arrivai all’allenamento a partitella iniziata. […] La formazione la dettai per telefono. […] Rispetto alla squadre del mio periodo questa squadra è sulla carta più affidabile della Roma”.

REJA e l’ultimo derby vinto dalla Lazio. “Bisogna dare sicurezza alla squadra, serenità e tranquillità. Quindici minuti prima del gol (il successo del passato campionato deciso dalla rete di Klose allo scadare ndr) dissi: se vinciamo corro in campo e do un bacio in bocca all’autore del gol. Con Klose fu un abbraccio molto sentito  […] Lazio e Roma si conoscono molto bene ma l’accortezza non deve mai mancare”. Per vincere “bisogna lavorare sui difetti degli avversari e cercare di sfruttarli favorevolmente”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.