PAIDEIA konko arriva in clinica

RASSEGNA STAMPA SS LAZIO- I tifosi della Lazio aspettano Konko, ormai diventato un oggetto misterioso in questa stagione. Non tanto tecnicamente, il francese ha dimostrato di essere uno dei terzini più forti e completi d’Italia, quanto a livello fisico, un cruccio ormai più che noto da anni. Quattordici lesioni muscolari, un’infiammazione tendinea e un problema al ginocchio da quando è arrivato alla Lazio, con cui ha collezionato appena tre presenze in questa stagione (Chievo, Roma e Legia). ‘Il Tempo’ ha intervistato l’agente dell’ex Genoa e Siviglia, Daniele Conte.

Conte, che momento sta attraversando Konko?

«È molto arrabbiato, ha voglia di rientrare in campo per dare una mano alla squadra. Quando non gioca soffre molto, si annoia e non vede l’ora di tornare. La sua è una rabbia positiva».

Cosa è successo in questa stagione. Perché il ragazzo è out da 5 settimane per una lesione di primo grado?

«C’è stato un errore di valutazione da parte di tutti, giocatore compreso. Ha voluto accelerare i tempi di recupero e una semplice lesione al retto femorale si è trasformata in una lesione trasversale. C’è stata una ricaduta importante, ma con società, staff tecnico e medico siamo in piena sintonia. Adesso verrà inserito in campo gradualmente per evitare ulteriori sorprese e stare più tranquilli».

I tifosi hanno perso un po’ la pazienza, vorrebbero vederlo di più in campo, lo chiamano Konkomodo per i suoi rientri ritardati.

«Lui non si è mai tirato indietro. È assurdo dire o pensare che Konko non sia un cuor di leone, ha sempre dato il 100% per questa maglia e vuole continuare a farlo. Il ragazzo è sereno e pensa solo al rientro, ma ripeto: per stare più tranquilli tornerà solo quando sarà al 100%».

Il futuro è alla Lazio?

«Sogna di rimanere a lungo e di vincere con la Lazio, ha un contratto che intendiamo rispettare. Gioca in una grande squadra e si trova benissimo a Roma».

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.