RASSEGNA STAMPA SS LAZIO- Domenica sarà il giorno di Parolo. La Lazio ha fissato infatti in quel giorno l’ultimatum per il giocatore, ancora indeciso se unirsi o meno alla compagine biancoceleste. Il mondiale degli azzurri è terminato e a breve sarà tempo di risposte. Tra l’altro il temporeggiare del giocatore non è stato gradito dal ds Tare che vuole solo giocatori fortemente motivati e felici di giocare con la squadra. L’alternativa su tutti è Husbauer, centrocampista completo dello Sparta Praga, valutato attorno ai 5 milioni e con una gran voglia di Serie A. Saltasse anche questo affare ci sarebbero i due pupilli di Pioli al Bologna: Kone e Taider. In difesa si lavora per i soliti Astori e De Vrij ma, pronti in caso di fallimento della trattativa, ci sono Paletta, De Maio e Gaston Silva. Da quanto scrive Il Tempo (G.Cherubini), ci sarebbe stato un contatto telefonico fra Lotito e Ferrero, il presidente della Sampdoria, a cui è seguito poi un incontro in Lega fra il patron biancoceleste e Osti, il d.s. blucerhiato, per trattare Cacciatore. Il giocatore potrebbe arrivare se partisse Konko mentre Rozzi potrebbe finire a Genova. In uscita non ci sono per il momento offerte ufficiali ma Radu, Lulic e Machetti potrebbero andar via. Sul romeno ci sono Napoli e Fiorentina mentre la Juve torna indietro su Lulic, non esaltato dal mondiale e valutato eccessivamente, forse potrebbero farsi avanti Chelsea e Bayern Monaco per il bosniaco. Marchetti vuole rilanciarsi e giocare la Champions ma è pronto a rimanere se non dovessero arrivare offerte convincenti. Quelli che invece andranno via di certo sono Cavanda e Pereirinha, rispettivamente verso la Premier e la Bundesliga, nonché uno fra Cana, Ciani e Novaretti. Felipe Anderson, nonostante l’interesse di Torino e Verona, rimarrà a Roma e cercherà di stupire i biancocelesti mentre si attende il ritorno dalle vacanze di Keita per il rinnovo del giovane talento.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.