Accadde oggi. 27 novembre: tanti auguri a Roberto Mancini, incarnazione della classe

ACCADDE OGGI – Torna la rubrica di Lazionews.eu in cui vi raccontiamo giorno per giorno gli eventi della storia biancoceleste. Il 27 novembre 1964 nasce a Jesi uno dei calciatori senza dubbio più forti nella storia del calcio italiano e di conseguenza anche di quella della Lazio. Roberto Mancini è ‘la classe’, uno che ha segnato la storia della Sampdoria sfiorando anche la conquista della Coppa dei Campioni e poi ha cambiato anche quella della Lazio. Arriva a Roma, rifiutando l’Inter, nel ’97 dopo una vita in blucerchiato, a 32 anni, ma dimostra da subito di non voler svernare. Mancini ha ancora voglia di essere decisivo e lo sarà fin da subito: in tre stagioni da calciatore biancoceleste regala perle di rara bellezza tra gol meravigliosi e assist deliziosi. La Roma ancora ha gli incubi che vedono protagonista il numero 10 jesino, che ha castigato i giallorossi con alcune prodezze indimenticabili, anche perchè se pensi a gol di tacco pensi automaticamente al ‘Mancio’. Con la Lazio vincerà sei trofei, da calciatore: due Coppe Italia, una Supercoppa Italiana una Coppa delle Coppe, una Supercoppa Europea e uno Scudetto. Proprio il 14 maggio 2000 è l’ultima apparizione vera in campo per Roberto (tornerà con la maglia del Leicester, ma per una manciata di partite) che si conclude con il suo secondo campionato personale dopo quello con la Samp.

IN PANCHINA – Si vedeva già, che il suo destino fosse in panchina e il passaggio è stato praticamente minimo, quanto immediato. La sua avventura laziale si interrompe per un momento, all’addio di Eriksson con il conseguente ingaggio di Zoff che non va troppo giù a Mancini, chiamato dalla Fiorentina. Poi Roberto torna in biancoceleste ed è proprio sotto la sua gestione che la Lazio gioca forse il miglior calcio della sua storia, spettacolare e allo stesso tempo pragmatico, soprattutto in trasferta. E c’è da credere che senza le cessioni forzate di Nesta e Crespo, quella squadra avrebbe potuto tranquillamente vincere un altro scudetto. Invece no, le pesanti condizioni economiche societarie non gli hanno permesso di mantenere quella squadra che tanto divertiva. Roberto Mancini lascerà la Lazio con una vera e propria impresa, vincendo la Coppa Italia nel 2004 con la doppia sfida contro la Juventus. E’ l’unico uomo della storia biancoceleste a vincere un trofeo con la Lazio sia da giocatore che da allenatore. 

Francesco Iucca
TWITTER: @francescoiucca

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.