JUVENTUS LAZIO 2-1. LE PAGELLE DI PAOLO CERICOLA

Ancora un grande Mauri. Marchetti perfetto fino al gol di Del Piero

(getty images)

Marchetti: 6 Gioca solo contro tutti,parando tutto . Si deve arrende alla rovesciata dell’esterno di Conte dove non può arrivare. Meriterebbe 8 ma sbaglia tutto sul goal vittoria di Del Piero

Scaloni: 6 Vucinic è un cliente scomodo, gli scappa nella ripresa in maniera pericolosa ma con esperienza se la cava egregiamente

Diakite: 7 Inutile l’intervento su Vidal che dopo 12 minuti gli regala l’ammonizione, commette l’errore di tenere in gioco Pepe sul goal ma poi fa più di un miracolo

Biava: 6 Spesso in anticipo sulle punte bianconere, ammonito per un fallo inutile

Garrido: 5 Scelto da Reja per contrastare Lichtsteiner ma lo svizzero lo surclassa

Cana: 5 Deve chiudere su Pirlo ma è troppo in protezione della difesa e la Juve prende campo

Ledesma: 5.5 Fatica da matti a costruire gioco, non riesce a far salire la squadra

Gonzalez: 6 Corre tanto ed ovunque, è l’unico a reggere il ritmo dei bianconeri

Mauri: 7,5 Fa solo vittime illustri. Dopo Roma e Napoli è la Juventus a farne le spese; chi lo vorrebbe distratto da Palazzi è servito…era diffidato, si fa ammonire (intenzionale, salta Novara ??) per un fallo inutile.

Candreva: 6 Non ripete la prestazione contro il Napoli ma il suo lavoro è utilissimo

Rocchi: 6 Lotta da solo contro la difesa bianconera ricevendo palloni con il contagocce ma corre tantissimo

Reja: 5 Costruisce una trincea con una Lazio rinunciataria ma è Marchetti a tenere a galla la barca che fa acqua da tutte le parti nel primo tempo, nella ripresa, dopo che Mauri gli ha regalato il pari, registra meglio la squadra ma la giocata di Del Piero fa cadere il castello di carte. Le uniche gioie arrivano da Roma e Napoli.

Kozak: 5 Viene espulso in maniera inspiegabile. Non fa fallo su Bonucci ma l’arbitro vede altro, due gialli in pochi minuti sono troppi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

2 Commenti

  1. Il problema è sempre lo stesso…in trasferta come anche a volte in casa non si riesce ad imporre unminimo di gioco e personalità. Questa squadra si regge a galla per le improvvisazioni che sono le cose che ci riescono meglio altrimenti è una squadra forgiata sul non Coraggio, sul difendiamoci (male spesso) e tiriamo a campare. Reja e la sua filosofia che fino a questo punto stranamente sta pagando ma quando incontriamo squadre veloci che tengono ritmi alti andiamo in apnea. nonostante i Miracoli che stiamo facendo ho la sensazione che ormai siamo alla frutta…in calendario ci sono almeno altre due sconfitte prevedibili Udine e Bergamo…poi quelle a casa bisogna giocarsele..ma nn sarà facile affrontare un lecce in palla un siena scorbutico e un Inter che potrebbe a questo punto lottare per il terzo posto. Ripeto questa lazio è solo da applaudire più di questo nn può fare…e reja anche è arrivato al massimo delle sue capacità! Anno nuovo tecnico nuovo giovane e coraggioso tanto qui nn si vince un cavolo allora meglio vedere almeno bel gioco!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.