Tempo di lettura: 3 minuti

Suicidio contro Lecce e Novara…

 

Vincere sperando in Montella. Lazio-Inter di domenica prossima avrà questo comun denominatore. Una corsa all’ultima curva, come lo scorso anno, con i friulani che, anche in questa stagione, sono in pole. Ma questa stagione è diversa dalla precedente. Lo scorso anno non c’era Klose l’uomo dai 20 goal, si è infortunato ma i numeri dicono 26 partite 13 reti, non c’era Lulic che per gran parte della stagione è stato una pedina imprescindibile, c’era invece Hernanes che invece in questo finale di stagione è venuto a mancare per infortunio ma prima per le scelte del tecnico goriziano. Ma soprattutto non ci sono stati una sequela infinita di infortuni. Reja si è affrettato in settimana a liberare da responsabilità il suo staff difendendo la preparaione ed il lavoro svolto ma è abbastanza chiaro che l’errore da qualche parte è stato commesso. Più di trenta infortuni, 9 solo ai flessori, non possono essere casuali e se nelle ultime ore il Milan attraverso il suo tecnico ammette che qualcosa è stata sbagliato la stessa cosa ci può stare anche in casa Lazio. Qualcosa è certamente stato sbagliato. I tanti impegni, l’età non più giovanissima di quasi tutti quelli che si sono infortunati, lavoro settimanale possono essere tante le cause che hanno portato la Lazio ad essere la seconda squadra del nostro campionato per numero di infortunati ma certamente non può essere l’alibi per dichiarare positiva una stagione come questa. Lo può diventare solo se domenica il Catania batterà l’Udinese e la Lazio farà lo stesso con l’Inter; tradotto: Champions League. Una stagione va valutata nella sua totalità. In questa analisi ci devono necessariamente essere le tre competizioni. In Europa League la Lazio ha passato il primo turno per il rotto della cuffia. In molti faranno fatica a ricordare oggi il Girone G, quello dei biancocelesti. Vi erano oltre ai capitolini, lo Zurigo, il Vaslui e lo Sporting Lisbona. Una passeggiata di salute si disse al sorteggio ed invece è finita con il regalo svizzero altrimenti si restava a casa già al primo turno. Poi l’Atletico Madrid di Simeone ha spazzato via i biancocelesti senza grandi sforzi. In Coppa Italia la Lazio è stata eliminata dal Milan. In quella serata a San Siro i rossoneri schierarono Amelia, Abate, Mexes, Bonera, Mesbah, Merkel, Van Bommel, Nocerino, Seedorf, Robinho, El Shaarawy; non certamente quindi le bocche da fuoco. Finì 3 a 1 e Lazio a casa. Ma c’era il campionato da tutelare ed una corsa alla Champions League da vincere. Ma in un mese il castello di carte è rovinosamente caduto. I tanti infortuni la obbligavano a fare delle scelte mirate in difesa della corsa al terzo posto che però vive una sorta di suicidio; Lecce e Novara. Contro le due quadre retrocesse la Lazio ottiene un solo punto. Ieri la brillante vittoria di Bergamo, con la formazione peggiore di tutte, non per i protagonisti ma per le numerosissime assenze, testimoniano che gli infortuni non possono essere un alibi. L’Atalanta in casa ha fatto un campionato eccellente, la Lazio in trasferta escluso in derby nel girone di ritorno è stata un disastro. Eppure ieri lotta, soffre e vince senza mai concedere ai padroni di casa un solo tiro in porta. Risultato; se non si andrà in Champions League sarà per un suicidio dove gli infortuni non avranno alcuna parte da protagonista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

1 commento

  1. dopo aver letto attentamente il tuo appunto, non posso che essere d’accordo su tutto, certamente mi verrebbe isyintivamente la voglia di contrastare solo un pensiero , quello relativo agli infortuni,teoricamente verrebbe da dire che non si può non dare una attenuante per le numerose assenze che hanno falcidiato la squadra, ma poi mi rendo conto che effettivamente non si può dare primo perchè hai ragione riguardo alla partita di Bergamo, partita che farebbe cascare tutto il ragionamento sulle assenzee poi io in particolar modo andrei a contraddirmi riguardo ciò che ho detto durante tutto l’anno, cioè che questa squadra ancor prima di problemi tecnici, di gioco e fisici, li ha mentali, caratteriali, legati all’approccio..troppe volte anche l’anno scorso ho visto cosse che rappresentano tutto il modo di essere di questa squadra, ne dico una per tutte per non fare 1000 esempi…l’anno scorso a Napoli, dove hai perso non il quarto posto, ma addirittura il terzo…si siamo d’accordo, non c’era il rigore , non c’era l’espulsione( anche se io non credo nel complotto ma in un errre arbitrale e basta) però vai in vantaggio, raddoppi al15 del secondo tempo…e già una grande qsuadra mentalmente parlando la partita l’ha chiusa….in due minuti ti fai rifare 2 gol..ma ripasi in vantaggio…anche un toro sarebe stroncato..tu becchi il pareggio e poi non ne parliamo..per tutto questo credo che il tuo articolo non faccia una piega
    Sandro Scapicchio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.