Senti chi parla…della Lazio. Rongoni: “Klose un ragazzino, quella squadra era più forte della Roma”

SENTI CHI PARLA DELLA LAZIO – La rubrica di Lazionews.eu dedicata ai commenti, ai pensieri e alle riflessioni dei giornalisti, degli speaker radiofonici e degli opinionisti del mondo Lazio.

PAOLO RONGONI (ex preparatore) a TMW Radio: “Miro era un giocatore che oltre i trent’anni aveva l’accelerazione di un ragazzino. Quella Lazio era più fisica della Roma che ho avuto. La Lazio aveva giocatore fisicamente più forti, rispetto ai giallorossi che tecnicamente avevano qualcosa in più”.

DINO ZOFF (ex allenatore) a TMW Radio: “La Lazio è un ottima squadra e lui sta facendo particolarmente bene. Non segue le mode e punta al risultato, che nel calcio è sempre la cosa migliore. Un grande complimento a lui con la speranza che continui a far rendere la squadra in questo modo. Se lo vedo bene in futuro come allenatore della Juve? Sono cose che non si dovrebbero dire, specialmente ora a campionato appena iniziato. Strakosha? Che debba migliorare è fuor di dubbio. Sta facendo però davvero cose egregie, vista anche la giovane età. E’ una sicurezza e se continuerà così fara grandi cose”.

SEBASTIANO SIVIGLIA (ex giocatore) ad Elle Radio: “Secondo me Inzaghi, sin dalle prime partite quando aveva sostituito Pioli, ha dimostrato di saper gestire una squadra importante come la Lazio. Sa leggere le partite e le situazioni di gioco, sa tenere il gruppo in mano ed è un vincente. La Lazio è organizzata, è un vero collettivo compatto e coeso. Il DS Tare già una volta mi disse chiaramente che lo riteneva un predestinato. Immobile? Ha uno stato di forma eccezionale, è il miglior attaccante italiano in questo momento, anche superiore a Belotti. Da un anno e mezzo va come un treno, è formidabile sotto tanti punti di vista, ha trovato il suo abito naturale e una squadra che lo supporta. Potrebbe arrivare a vincere la classifica cannonieri e soprattutto far concretizzare per la Lazio il sogno del piazzamento tra le prime quattro e la qualificazione in Champions League”.

XAVIER JACOBELLI (giornalista) a Radio Incontro Olympia: “Ci sono tutte le premesse perché questa sia una stagione ancora più bella della scorsa. La squadra non smette di stupire, la reazione di Verona è stata doppiamente importante: per i tre punti e perché Inzaghi ha dimostrato ancora di essere padrone della situazione e perfettamente a conoscenza delle peculiarità dei giocatori che allena”.

FURIO FOCOLARI (giornalista) a Radio Radio: “Io penso che Nani può essere decisivo soprattutto in Europa. Nelle gerarchie credo venga dietro Felipe Anderson ed oggi, se gioca Nani, non gioca Luis Alberto, un calciatore che al momento è però insostituibile”.

ROBERTO RENGA (giornalista) a Radio Radio: “Immobile non è un centravanti statico, ama moversi molto ed uno come Nani, che parte dalle fasce laterali, può essere devastante in coppia con lui”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.