PRIMAVERA. Bollini: “Abbiamo una bella mentalità offensiva”

BOLLINI

 

Al termine del vittorioso match della Lazio Primavera che ha battuto per 5-1 la Juve Stabia, un soddisfatto Bollini, coach dei giovani biancocelsti, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel. Queste le sue parole

È stata una partita in discesa per la Lazio, ma all’inizio aveva qualche timore?

Il timore poteva essre quello di dover giocare contro una squadra che sa star ben in campo e ed è ostica fisciamente. Nei duelli aerei, infatti,  ha dimostrato di avere caratteristiche importanti. Noi dovevamo essere bravi a fare il nostro gioco e ci siamo riusciti. Ma oggi questo 5-1, sul piano del gioco, è in linea a quello che abbiamo fatto contro la Ternana e il Palermo, solo che oggi abbiamo concretizzato. Sono soddisfatto anche per il rigore realizzato, meglio così.  La strada è questa e nelle ultime due prove la squadra sta dimostrando di aver un’identità e uno spiccato gioco offensivo. Dobbiamo sempre crescere sul piano della maturità e della lettura del gioco.

Oggi 5 marcatori diversi…

È una nostra preorgativa, ma vuol dire che la squdra sa interpretare bene il collettivo. Non c’è egoismo. Lo stesso Keita, per fare un esempio, ha cercato più l’assist che il gol personale.

Restate in scia al Napoli e al Catania che affronterete sabato prossimo..

Il Napoli è forte e ne abbiamo fatto le spese con loro in Coppa italia: hanno tutto e non è un caso che sia in finale. Il catenai non è più una sorpresa e ha un gradne reparto offensivo che si associa a spiccate caratteristiche fisiche e agonistiche.  Noi proveremo a raggiungerle e a scavalcare ma dipendiamo anche dai loro risultati

Campo pessimo oggi…

Si e non è facile giocare un calcio lineare e pulito in queste situazioni. Si corre il rischio di spostare troppo la partita sul piano fisico e agonistico ma siamo stati bravi noi  a rimanere sereni e a cercare sempre il buon gioco.

 Cataldi ottima prova oggi…

Ottima prova è vero. È un gioatore che ha tecnica e sta maturando molto tatticamente e fisicamente. Dopo le 3 giornate di squlifica che ha ricevuto, mi ha dimostrato negli allenamenti che era sereno e pronto a scendere in campo perché aveva imparato la l’azione. Anche così si cresce

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.