CALCIOMERCATO

ACCADDE OGGI. La Lazio annienta la Roma e mette a segno un record storico: i giallorossi dicono addio alla Champions

- Advertisement -
- Advertisement -

Tempo di lettura: 2 minuti

ACCADDE OGGI – Torna la rubrica di Lazionews.eu in cui vi raccontiamo giorno per giorno gli eventi della storia biancoceleste e non solo…

LAZIO – 11 aprile 2009. Dopo tre sconfitte consecutive, la Lazio contro la Roma ha oggi un solo obiettivo: vincere. E lo fa nel migliore dei modi: battendo i cugini romanisti con un risultato netto, 4-2. Dopo un minuto di silenzio in onore delle vittime decedute dopo il terremoto a L’Aquila, Morganti fischia l’inizio di un match infuocato: Delio Rossi schiera il 4-4-2 con la coppia d’attacco PandevZarate, la Lazio parte subito bene. Al 2′ è l’albanese a portare avanti i suoi; dopo neanche due minuti, da un fallo laterale, la sfera giunge a Zarate che insacca e non lascia scampo a Doni. È la rete del 2-0 che fa scoppiare di gioia lo stadio. Al 10′ è Mexes ad accorciare le distanze, ma al 58′ Lichtsteiner segna la rete del 3-1. Spaventa il gol di De Rossi all’80’, ma Kolarov chiude la gara cinque minuti dopo mettendo la firma al risultato di 4-2. Gioia, euforia ed emozione biancoceleste all’Olimpico: la Lazio porta a casa non solo tre punti fondamentali, ma centra anche il record del maggior numero di reti segnate alla Roma in una gara di Campionato: quattro. Non era mai successo negli 82 anni di derby. I giallorossi, d’altro canto, con questa sconfitta vedono allontanarsi il quarto posto e dicono addio alla Champions: da segnalare il record negativo del proprio capitano Francesco Totti, alla dodicesima sconfitta nelle stracittadine romane.

STORIA – 11 aprile 1987. Muore a seguito di una brutta caduta, Primo Levi, scrittore, chimico e partigiano antifascista. Autore di uno dei più famosi racconti autobiografici di sempre, “Se questo è un uomo”, si dedicò tutta la vita alla testimonianza e al racconto delle atrocità viste e subite nei campi di concentramento durante i regimi fascista e nazista.

SPORT – 11 aprile 1921. Negli Stati Uniti d’America va in onda la prima radiocronaca sportiva di sempre.

 

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI