Tempo di lettura: 2 minuti

GLI ALTRI LAZIALI – La Lazio è un sogno per molti, soprattutto per i più giovani. La società biancoceleste, vincolata dalle nuove limitazioni FIGC per le rose delle squadre italiane, ha dovuto fare delle scelte sul mercato. Molti giocatori sono stati ceduti, mentre altri sono stati mandati in prestito. La redazione di Lazionews.eu vi terrà costantemente aggiornati sul rendimento di quei calciatori che, ancora di proprietà della Lazio, stanno cercando fortuna altrove.

PORTIERI:

Marius Adamonis (1997) – Dura poco meno di 40′ il vantaggio della Salernitana sulla Cremonese. Al gol granata siglato da Ricci, risponde infatti Alini. Un pareggio utile ad entrambe le squadre per confermarsi in zona play off. Adamonis in panchina.

Luca Borrelli (1998) – L’Union Feltre guadagna in casa un punto sudato e sofferto. Finisce 2-2 con la Liventina. La classifica resta quasi immutata, con cinque lunghezze sulla zona playout ed altrettante dal quinto posto. Appena sufficiente la prestazione di Borrelli, poteva fare di più. Nei 4′ minuti finali di recupero, devia sulla traversa la punizione di Furlan.

DIFENSORI:

Luca Germoni (1997) – Un Parma gigante, quello che in casa batte l’Ascoli 4-0. Ora, i ragazzi gialloblù iniziano a sognare; sono primi in classifica insieme al Bari. Digerito lo stop di Frosinone, la squadra di D’Aversa, sotto gli occhi del neo presidente Lizhang, travolge gli ospiti, centrando la quinta vittoria nelle ultime sei giornate. Out l’influenzato Germoni, nemmeno convocato.

Lorenzo Filippini (1995) – Pro Piacenza-Pisa in programma lunedì 20 novembre alle 20.45.

Danilo Cataldi (1994) – Il Benevento perde in casa contro il Sassuolo 1-2. Nonostante stesse collezionando buone prestazioni, questa volta Cataldi appare decisamente sottotono. Si vede poco, manca di carattere in fase offensiva, risulta macchinoso in difesa. Insufficiente.

Joseph Minala (1996) – La Salernitana in casa viene beffata dalla Cremonese: finisce 1-1 all’Arechi. Minala, dopo la gara sottotono della scorsa settimana, torna quello di sempre: si conferma il solito leone a centrocampo, copre tutti gli spazi e avvia spesso le ripartenze. Fondamentale.

Ravel Morrison (1993) – Finisce 1-1 Atlas-Pachuca. Ravel Morrison rimane in panchina, nonostante in Messico abbia trovato continuità, qualità e sostegno dei tifosi. In una terra raramente toccata prima da un giocatore inglese, Morrison sembra essere ‘risorto’, tanto che il club starebbe pensando al riscatto.

 ATTACCANTI:

Ricardo Kishna (1995) – Infortunato;

Cristiano Lombardi (1995) – All’ultimo secondo il Sassuolo espugna il Vigorito, disilludendo le speranze del Benevento, che invece incassa la tredicesima sconfitta consecutiva dall’inizio del campionato (record per i top cinque tornei europei), allungando il record negativo assoluto della serie A. Lombardi rimane in panchina.

Francesco Orlando (1995) – Infortunato;

Daniel Bezziccheri (1998) – Il Lecce vince in rimonta 3-2 sulla Reggina e sale a quota 36 punti in Serie C, conquistando il primato. Bezziccheri rimane in panchina.

Alessandro Rossi (1997) – All’Arechi finisce 1-1 tra Salernitana e Cremonese. Rossi subentra a Rodriguez al 62′, entra tra gli applausi del pubblico che ripaga ancora una volta con un’ottima prestazione. Il giovane attaccante ha ormai trovato il suo equilibrio e la sua continuità, è una forza della natura.

Alessandra Marcelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.