INTERVISTA, Parolo: "Complimenti alla Roma. Ora ripartiamo, sappiamo rialzarci" (VIDEO)

Pubblicato 
sabato, 29/09/2018
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 2 minuti

ROMA LAZIO INTERVISTA PAROLO - La Lazio esce sconfitta per 3 a 1 nel derby contro la Roma. Marco Parolo ha giocato da titolare, come sempre, al fianco di Leiva e Milinkovic, per poi essere sostituito nella ripresa da Badelj. Il vice capitano biancoceleste è intervenuto a 'SKY' per commentare l'esito negativo del match: queste le sue dichiarazioni.

DERBY - "È una brutta sconfitta perché abbiamo perso il derby. Io penso che questa partita sia stata decisa dai momenti, perché fare gol al 44' su un rimpallo ti agevola. Due minuti dopo la palla è rimpallata male a Ciro. Nel secondo tempo poteva cambiare l'inerzia ma dopo il pareggio hanno pareggiato. La Roma era un po' intimorita, ci è mancata la fortuna in area di rigore. Ciro e Luis Alberto sono stati sfortunati. Loro sono stati bravi nelle ripartenze. Noi avevamo il controllo ma il gol ha dato loro fiducia. Da lì hanno fatto un secondo tempo di sostanza, anche se la punizione ci ha tagliato le gambe. Complimenti alla Roma che ha vinto, è una squadra forte. Dobbiamo rimboccarci le maniche e fare il meglio possibile. Bisogna capire cosa abbiamo fatto di buono e cosa di sbagliato. Credo che qualcosa di buono lo abbiamo fatto. Dobbiamo ripartire perché siamo comunque davanti alla Roma in classifica. Il campionato è lungo. Il nostro obiettivo è arrivare più in alto possibile. Io penso che rispetto alle altre partite questa sia stata impostata bene, avevamo il controllo del gioco, se la sblocchi nei primi 20 minuti cambia tutto. Tante volte la fortuna aiuta la cattiveria. Potevamo essere più cattivi. Non siamo stati bravi a sfruttare le situazioni".

FUTURO - "Fa male, dispiace soprattutto per i tifosi. Dobbiamo andare avanti e ripartire e analizzare la partita tra di noi. Giovedì abbiamo una partita importante in Europa League. Questa squadra ha dimostrato di sapersi rialzare e ripartire. Dobbiamo pedalare e girarla a nostro favore. La capacità di portare a casa il risultato di partite precedenti oggi non c'è stata".

INZAGHI - "Inzaghi era arrabbiato perché quando giochi e non segni ti arrabbi quando vai sotto. Peccato".

,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram