lazionews-corona-virus
Getty Images
Tempo di lettura: 59 minuti

CORONAVIRUS ITALIA – Tutti gli aggiornamenti e le news in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e le sue ripercussioni sul mondo dello sport e non solo.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 31 marzo

Ore 15:05 Kit per il monitoraggio da casa nel Lazio

La Regione Lazio ha predisposto la consegna di un kit per il monitoraggio di chi è in isolamento domiciliare. Saranno 500 e saranno affidati entro questa settimana. In questo modo i pazienti potranno anche ‘parlare’ con i medici e dare misurazioni in automatico tra cui l’ossigenazione del sangue che, insieme alla temperatura, è uno degli elementi di alert. Nei kit, tra l’altro,  ci sarà un saturimetro e un termometro e i dati, via web, saranno inviati ai medici di riferimento.

Ore 14, Gabbiadini: incubo Covid-19 finito

Manolo Gabbiadini, uno dei tanti giocatori blucerchiati colpiti dal Coronavirus, ha finalmente scacciato l’incubo, come dimostrano le dichiarazioni rilasciate oggi a Sky TG24: “Mi sono tornate le forze, mi sto allenando con continuità da due settimane. Nelle prime due settimane, invece, non stavo bene ed ho evitato: non ero in gran forma. Non smettiamo mai di sostenere gli ospedali”.

Ore 13:30 Il Newcastle mette i dipendenti in disoccupazione parziale

In questo periodo di emergenza anche le società di calcio devono guardare alle perdite economiche. E in quest’ottica, il Newcastle, come riporta la BBC, ha deciso di mettere tutti i suoi dipendenti in disoccupazione parziale. Lee Charnley, presidente del club bianconero, si è trovato costretto a prendere questa decisione per salvaguardare il futuro del club. 

Ore 12:00 La sindaca di Roma, Raggi: “Ce la faremo per i nostri cari e per il Paese”

Dopo il minuto di silenzio in ricordo delle vittime del Coronavirus, la sindaca di Roma, Virginia Raggi ha lanciato un messaggio a nome di tutti i primi cittadini d’Italia: “In questo momento tutta Italia si stringe insieme per ricordare le vittime del Covid, i nostri cari e le persone che abbiamo amato, e alle quali non siamo riusciti a dare neanche l’ultimo saluto. E’ una ferita che unisce il Paese, un dolore che ci rende comunità. Dobbiamo farcela, per loro, per non rendere vano il loro sacrificio. Dobbiamo farcela per tutti coloro che in questo momento stanno lottando per tutelare la nostra salute, mettendo a rischio la propria. Mi riferisco a tutti coloro che stanno mandando il Paese, dai medici ai dipendenti dei supermercati. Stare a casa è necessario per salvare tutti noi dobbiamo farcela. Insieme ce la faremo per loro e per il Pease“.

Ore 9:00 Bandiere a mezz’asta in segno di lutto: alle 12:00 l’Italia si ferma

Oggi alle 12 l’Italia si ferma per rendere omaggio a tutte le vittime del Coronavirus, in segno di vicinanza ai familiari e di partecipazione nazionale al cordoglio delle comunità più colpite dalla pandemia. L’iniziativa, partita dai sindaci italiani, si è allargata ad altre istituzioni: la banidera italiana a mezz’asta sarà esposta su tutti gli edifici pubblici. I sindaci della Penisola infatti, con indosso la fascia tricolore, saranno davanti ai propri municipi in silenzio e con le bandiere esposte a mezz’asta “in segno di lutto” e in “segno di solidarietà con tutte le per comunità che stanno pagando il prezzo più alto”.

Ore 07:00 Zingaretti annuncia: “Sono guarito, con unità supereremo questo dramma”

Il segretario del Pd e presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha annunciato su Facebook la guarigione dal coronavirus: “Ciao a tutte e a tutti! Dopo 23 giorni di isolamento domiciliare sono risultato negativo ai due tamponi consecutivi. Ho passato delle brutte giornate ma sono guarito, ce l’ho fatta. Prima di tutto grazie a tutti gli operatori della sanità, a chi mi è stato vicino in questi giorni a cominciare dalla mia famiglia. Il mio primo pensiero va ai deceduti, a coloro che non ce l’hanno fatta e alle loro famiglie che stanno soffrendo in questo momento drammatico e ovviamente a tutti coloro che sono in cura. C’è un grande bisogno di unità per superare questo momento, tutte e tutti abbiamo bisogno degli altri. Ora uniti dobbiamo sconfiggere questa bestia, aiutando le persone e le famiglie, sostenendo le imprese e da subito dobbiamo cominciare a immaginare insieme l’Italia che verrà. Ci vediamo presto per continuare questa battaglia e riprendere a ricostruire questo nostro bellissimo Paese”.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 30 marzo

Ore 20:30. Il ministro della sanità, Speranza, ha confermato che le misure restrittive verranno prorogate oltre il 3 aprile

Con un intervento al Tg1, il ministro della Sanità, Roberto Speranza, ha parlato delle intenzioni del governo sulle misure restrittive: “Le misure estese in tutta Italia verranno prorogate fino a Pasqua”.

Ore 20:00. Secondo uno studio dell’istituto Einaudi, intorno alla prima metà di maggio i casi di positività potrebbero azzerarsi totalmente.

Prendendo come riferimento il bollettino del 29 marzo emergono inoltre delle stime per ciascuna regioni. Il Trentino Alto Adige dovrebbe essere la prima regione a vedere l’azzeramento dei casi il 6 aprile, seguita il 7 aprile da Liguria, Umbria e Basilicata, e poi da Valle d’Aosta (8), Puglia (9 aprile), Friuli Venezia Giulia (10 aprile), Abruzzo (11),  Veneto e Sicilia (14 aprile), Piemonte (15) Lazio (16), Calabria (17), Campania (20), Lombardia (22), Emilia Romagna (28), Toscana (5 maggio).

Ore 18:00. La Protezione Civile aggiorna il bollettino delle ultime 24 ore.

“I positivi hanno raggiunto le 75.528 unità con un incremento di 1.648 positivi rispetto a ieri. I morti sono saliti purtroppo a 11.591, con 812 decessi nelle ultime ventiquattr’ore. Le persone guarite sono arrivate a 14.620, qui quindi ci sono stati 1.590 guariti più di ieri. È il dato più alto dall’inizio dell’epidemia Il 6% dei malati è in terapia intensiva”. 


Ore 17:30 Arrivano i primi aiuti da parte dell’Unicef a Roma

Quest’oggi a Roma sono arrivati i primi aiuti da parte dell’Unicef. Queste le parole del presidente dell’associazione in Italia, rilasciate attraverso una nota.

“Oggi sono giunti in Italia i primi aiuti – maschere chirurgiche, guanti chirurgici e per test, tute e occhiali protettivi, mascherine, camici e termometri – destinati dall’Unicef per dare un primo concreto sostegno agli operatori sanitari impegnati in prima linea nel nostro paese nella lotta al COVID-19″.

Ore 14:50 UFFICIALE, le Olimpiadi di Tokyo inizieranno il 23 luglio 2021

Adesso è ufficiale: le Olimpiadi di Tokyo che si sarebbero dovute disputare quest’estate sono state rinviate al 2021 ed inizieranno il 23 luglio.

Ore 11:15 Pedro Troglio: “Dimentichiamoci del calcio”

Pedro Troglio ha vestito la maglia della Lazio tra la fine degli Ottanta e l’inizio degli anni Novanta. Adesso fa l’allenatore e siede sulla panchina dell’Olimpia. In una intervista a El Litoral ha parlato dell’emergenza Coronavirus: “Il calcio doveva fermarsi ovunque nel momento in cui hanno sospeso i campionati in Europa. Non continuare un’altra settimana. Ora dobbiamo aspettare il momento giusto in cui il mondo tornerà alla normalità: fino a quel momento, dimentichiamoci del calcio. In Honduras siamo nella seconda settimana del coprifuoco. Qui è tutto chiuso, i supermercati aprono una volta alla settimana. La situazione è difficile per tutti. Mia figlia e il suo ragazzo hanno alcuni sintomi, ma sono ben curati. Quando vedi che non puoi andare a seppellire un parente o visitarlo in clinica, ti accorgi della grandezza degli eventi. Ricostruire l’Italia sarà molto difficile. Ma tutti devono cambiare. Dovremo cambiare abitudini”. 

Ore 10:00 Il Premier Conte avverte: “Rischio nazionalismi se l’Unione Europea non sarà all’altezza”

Il Premier Giuseppe Conte ha rilasciato un’intervista al quotidiano spagnolo El Pais, con la quale avverte dei possibili sentimenti anti-europeisti che potrebbero diffondersi in Italia ed in altri paesi se l’Unione Europea non si dimostrerà all’altezza della situazione. Conte ha anche sottolineato l’impegno per un’Europa che deve essere più sociale ed aggiunge: “Il numero di disoccupati che si avrà dopo questo tsunami sarà molto alto. Dobbiamo poter avvivare a capo di una ricostruzione prima che ciò avvenga”.

Ore 9:10 Placido Domingo ricoverato in Messico

Secondo quanto riportato dalla Cnn, l’illustre tenore Placido Domingo sarebbe stato ricoverato in Messico per complicazioni da Coronavirus. La star dell’opera aveva annunciato una settimana fa di essere positivo al Covid-19. 

Ore 9:00 Gallera: “Picco superato”

Giulio Gallera, assessore al welfare della Regione Lombardia, ai microfoni di SkyTg 24 ha dichiarato: “In Lombardia dovremmo aver superato il picco di contagi. Vediamo la via d’uscita, ma la strada è ancora lunga”.

Ore 8:30 Trump proroga le restrizioni negli Usa fino al 30 aprile

Per fronteggiare l’emergenza, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deciso di prorogare le restrizioni fino al 30 aprile: “Se potessimo limitarlo diciamo a 100.000 morti o meno, che comunque è un numero orribile, si potrebbe dire di aver fatto un buon lavoro. Lo sconfiggeremo. Quello che voglio è riavere indietro la vita di prima negli Stati Uniti e nel mondo. Per l’1 giugno saremo sulla strada della ripresa. Stiamo lavorando a stretto contatto con l’Italia”.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 29 marzo

Ore 18:50. Il Presidente dell’AIA, Marcello Nicchi, allontana l’ipotesi ripresa del campionato.

In un’intervista rilasciata a Radio Sportiva, il presidente dell’AIA, Nicchi, ha escluso la ripresa del campionato: “Nella drammaticità del momento continuiamo a lavorare sulla ripartenza, ma il quando non dipende da noi. Noi siamo pronti a riaccendere il motore, ma certo non possiamo mandare arbitri allo sbaraglio a rischiare la vita. Servono garanzie per tutti, anche per noi.”

Ore 18:20. Il capo della Protezione Civile, Borrelli, comunica i dati delle ultime 24 ore.

Il numero di casi totali di pazienti contagiati dal Coronavirus in Italia sta per arrivare a 100mila. Secondo l’ultimo bollettino presentato dal Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli sono arrivati a 97.689: 5.217 in più rispetto al dato di ieri. Le vittime collegate a questo virus sono arrivate a 10.779, 756 sono state registrate nelle ultime 24 ore. I pazienti guariti in totale sono 13.030, 646 solo nella giornata di ieri.

Ore 13:30 Gli aggiornamenti nel mondo

Prosegue l’emergenza a causa del coronavirus. A risentire in questo momento è soprattutto la Spagna che conta oltre 838 vittime nelle ultime 24 ore, facendo salire il bilancio totale a 6529. In Francia è morte l’ex ministro di SarzkozyPatrick Devedjian, 75 anni, attuale presidente del consiglio del dipartimento Hauts-de-Seine. In Inghilterra, invece, Boris Jhonson lancia l’allarme prendendo la Spagna come esempio: “Andrà peggio del previsto”.

Ore 10:00 Spadafora: “400 milioni di euro a sport di base

Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora ha rilasciato un’intervista a Repubblica in cui fa il punto della situazione per quel che riguarda lo sport. Stanziati 400 milioni a supporto dello sport di base e dilettantistico, mentre per la Serie A è irrealistico pensare di ricominciare a maggio. Qui l’intervista completa.

Ore 8:30 Oltre 30.000 morti nel mondo e quasi 665.000 contagiati

La Johns Hopkins University rende noto che, stando ai loro conteggi, sono stati superati i 30mila morti nel mondo, un terzo dei quali in Italia. Quasi 665.000 i contagi a livello globale di cui 124.665 solo negli Stati Uniti.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 28 marzo

Ore 19:30. Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, parla alla nazione.

Giuseppe Conte ha parlato alla nazione delle misure che il governo sta adottando per fronteggiare la crisi economica in corso. Per i comuni sono stati stanziati 4,3 miliardi di euro per alleggerire i loro bilanci. Il premier, con l’aiuto del ministro Gualtieri, ha spiegato anche le altre misure che a breve verranno adottate. Su tutte spicca la volontà di azzerare la burocrazia per permettere ai cittadini di avere un accesso più rapido agli aiuti economici statali.

Ore 18:00. La Protezione Civile comunica il bollettino odierno

“I positivi hanno raggiunto le 70.065 unità con un incremento di 3.651 positivi rispetto a ieri. I morti sono saliti purtroppo a 10.023, con ben 889 decessi nelle ultime ventiquattr’ore. Le persone guarite sono arrivate a 12.384, qui quindi ci sono stati ben 1.434 più di ieri. Il 6% dei malati è in terapia intensiva”. I contagi totali sono ​​​​​​​92.472.”

Ore 17:00 Il Coronavirus arriva anche in Vaticano

Sono 6 i casi da Coronavirus riscontrati all’interno del Vaticano, come riferito dal direttore della sala stampa vaticana Matteo Bruni. Tra di essi comunque non rientra né il Papa né i suoi più stretti collaboratori.

Ore 16:00 La Russia chiude tutte le frontiere

Per evitare la diffusione del contagio da Coronavirus la Russia ha deciso di chiudere tutte le frontiere del Paese. Ad annunciarlo sono le stesse autorità nazionali e il decreto sarà attivo a partire da lunedì.

Ore 14:00 Johns Hopkins University: “600.000 contagiati nel mondo”

Secondo i dati della Johns Hopkins University sono 602.262 i casi di contagio nel mondo, con 27.889 decessi e 131.854 guariti. Gli Stati Uniti sono in testa con 104.837 casi. Seguono Italia con 86.498 e Cina con 81.996. Italia prima per numero di morti.

Ore 12:00 Rischio rivolte al Sud, Orlando: “La Mafia potrebbe guidarle”

Il Sud inizia a preoccupare le autorità. Le attività produttive sono bloccate e la guerra civile è una possibilità concreta. Ne hanno parlato gli 007 italiani con relazioni naturalmente anonime: “Potenziale pericolo di rivolte e ribellioni, spontanee o organizzate“. A Palermo, dove le forze dell’ordine hanno dovuto respingere l’assalto a un supermercato, la tensione è alta. Ne ha parlato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: “Accanto a tantissimi che stanno vivendo questo momento di crisi gravissima con angoscia ma con dignità ci sono gruppo di sciacalli e professionisti del disagio che promuovono azioni violente. C’è il rischio che la mafia guidi la rivolta“.

Ore 11:00 Italia Viva, Renzi: “Torneremo ad abbracciarci tra uno e due anni”

Matteo Renzi, leader di Italia Viva, lancia l’allarme in un’intervista rilasciata a Avvenire: “Questo virus ci farà male non per settimane, ma per mesi e mesi ancora. Il vaccino non c’è e se andrà bene torneremo ad abbracciarci tra un anno, se andrà male fra due. Riapriamo tutti, non possiamo aspettare che tutto passi. Perché se restiamo chiusi la gente morirà di fame. Perché la strada sarà una sola: convivere due anni con il virus“.

Ore 9:00 Chiusure e divieti per altri 15 giorni, la proroga è ormai inevitabile

Il Governo sta lavorando a un nuovo decreto. Come riporta il sito de Il Corriere della Sera, sarà confermata la chiusura totale così come i divieti di spostamenti per altre due settimane. La proroga è certa. Si stanno valutando alcune minime deroghe per le aziende: sono queste le linee guida del nuovo decreto, che aggiornerà quello in scadenza il prossimo 3 aprile.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 27 marzo

Ore 19:30. Il primario del Sacco, Galli: “Si deve pensare già alla prossima stagione, lo dico con dolore.

Ai microfoni di TMWradio è intervenuto il primario dell’ospedale Sacco, Galli. Il medico, in prima linea contro la diffusione del Coronavirus, si è espresso tra le altre cose sulla stagione sportiva in corso: “La riapertura degli stadi a settembre mi sembra un’ipotesi remota. Purtroppo, e lo dico con dolore, bisognerà fare i conti con questa pandemia per ancora qualche tempo. Credo sia opportuno pensare direttamente alla prossima stagione sportiva.”

Ore 19:10. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha parlato alla Nazione dell’emergenza Covid-19.

“Viviamo una pagina triste della nostra storia. Riconoscenza della Repubblica a chi è impegnato sul fronte. L’Europa però deve fare di più, anche di questo avverto il dovere di rendervi conto. Molti Capi di Stato, d’Europa e non soltanto, hanno espresso la loro vicinanza all’Italia. Da diversi dei loro Stati sono giunti sostegni concreti.”

Ore 18:00. Papa Francesco invoca l’aiuto di Dio in una piazza San Pietro vuota

Pochi minuti fa si è concluso l’Urbi et Orbi di Papa Francesco in un clima surreale. Il Pontefice ha invocato l’aiuto di Dio, affinché arresti la pandemia di Covid-19, in una Piazza San Pietro completamente vuota.

Ore 17:30. Il bollettino della Protezione Civile:

Sono 5959 in più rispetto a ieri per una crescita del 7.4%. Di queste, 9134 sono decedute (+969, +11.9%) e 10950 sono guarite (+589, 5.7%). Attualmente i soggetti positivi sono 66.414.

Ore 14:00 Fontana: “Più tamponi e meno contagi, penso stia iniziando la discesa”

Le parole del Governatore della Lombardia Attilio Fontana sulla situazione legata al COVID-19. “Anche oggi – prosegue – ci sono stati più tamponi rispetto i giorni precedenti, ma si assiste a una riduzione del numero di contagi. E’ la dimostrazione che bisogna fare la media di almeno cinque giorni per avere una visione e la visione ci conferma che quello di ieri è stato un episodio particolare. Non sta crescendo la linea dei contagi e io credo che stia iniziando la discesa. Questo non deve far alzare la guardia, fare sacrifici costa fatica ma porta ottimi risultati. Dalle celle telefoniche s’è accertato che la percentuale degli spostamenti s’è ridotta, di un 7% rispetto alla scorsa settimana e anche questo va nella direzione giusta”. 

Ore 13:00 Il fratello di Dybala e la compagna sono stati denunciati

Come riporta TMW, Gustavo Dybala e la compagna sono stati denunciati per aver violato la quarantena. Infatti, il fratello della “Joya” era rientrato in Argentina il 12 marzo, dopo aver fatto visita al fratello a Torino e insieme alla sua compagna, sarebbe dovuto restare in auto-isolamento per 14 giorni. Invece, due giorni dopo l’inizio della quarantena ha violato il regolamento.

Ore 12:30 Positivo il Premier britannico Boris Johnson

Il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha comunicato sul suo profilo Twitter di essere risultato positivo al test per il Coronavirus. Le sue condizioni non destano preoccupazioni: da Londra fanno sapere che ha accusato solo lievi sintomi. Al momento è in autoisolamento nella sua abitazione

Ore 11:35 44 medici morti e 6414 operatori sanitari contagiati In Italia

Sale a 44 medici morti e 6414 operatori sanitari contagiati il bollettino per l’emergenza Coronavirus in Italia. A comunicarlo è l’istituto superiore di sanità.

Ore 10:10 Nuovo caso in Premier League: un Giocatore del Brighton positivo al Coronavirus

Il dirigente del Brighton, club di Premier League inglese, Paul Barber, ha annunciato un caso di positività al Covid-19 di uno dei giocatori sottoposti al tampone. Per ora il nome non è stato diffuso, ma il giocatore starebbe bene e si sta sottoponendo alle cure del caso.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 26 marzo

Ore 21:00 Consiglio europeo, Conte rifiuta la bozza

Oggi pomeriggio si è riunito in videoconferenza il Consiglio europeo e Giuseppe Conte ha usato parole dure verso i paesi più rigoristi. Insieme al presidente del Consiglio spagnolo Pedro Sanchez, ha chiesto ai presidenti di Commissione, Consiglio, Europarlamento, Bce ed Eurogruppo una soluzione istituzionale da proporre ai capi di Stato.

Ore 18:15 Il nuovo bollettino della Protezione Civile

Il Direttore operativo della Protezione Civile, Luigi D’Angelo, ha aggiornato il bilancio Coronavirus al 24 marzo 2020: “I positivi hanno raggiunto le 62.013 unità con un incremento di 4.492 positivi rispetto a ieri. I morti sono saliti purtroppo a 8.165, con purtroppo 662 decessi nelle ultime ventiquattr’ore. Le persone guarite sono arrivate a 10.361, ben 999 più di ieri. Il 6% dei malati è in terapia intensiva”. I casi totali sono quindi 80.539.

Ore 17:15 Bollettino Lombardia: 387 decessi in più

Continuano a crescere i numeri legati al Coronavirus nella regione Lombardia. Nelle ultime 24 ore ci sono stati altri 387 decessi numeri di nuovo in crescita rispetto ai 296 di ieri. I contagi sono 2543 in più tanti dei quali avvenuti a Milano, ben 848. Tanti i casi anche a Cremona: 214.

Ore 17:00 Azzolina: “Torneremo a scuola se ci saranno le condizioni”

La ministra dell’istruzione Lucia Azzolina ha parlato in un’audizione in Senato. Ecoo le sue parole riportate da Repubblica.it.

“Si tornerà a scuola se e quando, sulla base delle indicazioni degli esperti, le condizioni lo consentiranno. Le videolezioni sono una scelta obbligata, non abbiamo alternative. Più di tre quarti degli studenti nel mondo sono interessati a questa crisi, 1,5 miliardi, una sfida senza precedenti. L’esame di Maturità? Proporrò sei commissari interni e un presidente esterno”

Ore 15:00 Bernabeu messo a disposizione per emergenza sanitaria

Il Real Madrid ha deciso di mettere a disposizione, per l’emergenza sanitaria che sta colpendo soprattutto la capitale spagnola, il proprio stadio. Il Santiago Bernabeu verrà utilizzato come centro di raccolta e distribuzione di materiale utile per la lotta alla pandemia. A rivelarlo è la stessa società tramite i propri canali social.

Ore 14:30 Malagò: “Crisi gravissima che ha colpito anche lo sport”

Il presidente del Coni Giovanni Malagò ha parlato in videoconferenza al termine della giunta nazionale. Questo il suo resoconto, riportato da Sky, della situazione nel mondo dello sport a causa dell’emergenza Coronavirus.

“Con il calendario internazionale si naviga a vista, spostate le Olimpiadi al 2021, i Giochi del Mediterraneo di Orano saranno slittati al 2022. Questa è una gravissima crisi che ha colpito anche e soprattutto il mondo dello sport”

“Il ministro Spadafora ha raccomandato piena condivisione, complicità, veduta di idee da parte sia di interlocutori sportivi, Coni, ma anche federazioni, enti, territorio ma anche e soprattutto a Sport e Salute, e al Comitato Paralimpico. Bisognerà fare una valida rivisitazione di una serie di situazioni”

“Il presidente Bach ha già detto che tutti dovremo rinunciare a qualche cosa, a cascata potrebbero, un domani, esserci ripercussioni. Per la stragrande delle federazioni internazionali ci sarà un grosso problema, ci saranno difficoltà a seguito dei finanziamenti del Comitato Olimpico Internazionale”

Ore 13:30 Gravina: “Coverciano a disposizione per posti letto”

Il presidente della Figc Gabriele Gravina è intervenuto ai microfoni di Sky Sport 24. Tanti i temi trattati, su tutti la messa a disposizione del centro sportivo di Coverciano per l’emergenza sanitaria che garantisce 20-30 posti letto in più. Qui l’intervista completa.

Ore 11:30 Barcellona, primo caso positivo al Covid-19: è il medico

Il responsabile dei medici del Barcellona, Ramon Canal, è risultato positivo al Coronavirus. E positivo è risultato anche il dirigente sanitario della pallamano, Josep Antoni Gutiérrez. Sono tutti e due in ospedale. I giocatori del Barcellona sono sempre in isolamento a casa

Ore 11:00 Droni a Roma per individuare chi viola le norme

Nonostante i divieti, sono ancora tanti i cittadini che continuano a correre all’aperto nelle aree verdi più grandi di Roma per depistare ogni possibile controllo. Così, i Carabinieri, da questa mattina hanno iniziato i controlli sul Parco della Caffarella, 132 ettari di verde pubblico dall’Appia Antica a via Latina, utilizzando i droni. Saranno utilizzati per ricercare e individuare i cittadini che continuano a fare sport.

Ore 9:30 Borrelli negativo al Covid-19

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, è risultato negativo al tampone per il Coronavirus. Lo rende noto il Dipartimento della Protezione Civile sottolineando che Borrelli “che attualmente continua ad accusare un lieve stato influenzale” continuerà a lavorare da casa rimanendo in costante contatto con il comitato operativo e l’unità di crisi.

Ore 9:00 Il Ministro Sport francese: “Ligue 1 potrebbe finire a settembre”

Il ministro dello sport francese Roxana Maracineanu ha parlato ai media delle opzioni che si stanno studiando per la ripresa del campionato: “La ripresa della stagione è incerta. La Ligue1 sta studiando diversi possibili scenari, caratterizzati da una conclusione della competizione più o meno tardiva. L’opzione più ottimistica prevede la fine del campionato entro luglio, mentre la più pessimistica arriva fino al mese di settembre”.

Ore 8:00 Draghi: “Serve liquidità, le banche prestino denaro a costo zero alle imprese”

Mario Draghi ha parlato della pandemia da Covid-19 sulle colonne del Financial Times. L’ex presidente della Banca Centrale Europea ha definito la situazione attuale come “una tragedia di proporzioni bibliche”. “In primo luogo – ha detto – “bisogna evitare che le persone perdano il loro lavoro, altrimenti emergeremo dalla crisi con un livello di occupazione stabilmente più basso. Serve immettere subito liquidità nel sistema, con le banche che devono fare la loro parte, prestando danaro a costo zero alle imprese. I costi dell’esitazione potrebbero essere irreversibili”.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 25 marzo

Ore 18:10, Conte riferisce alla Camera sulla situazione Covid-19.

Il presidente del Consiglio, Conte, è intervenuto alla Camera dei Deputati per fare il punto della situazione sulle misure anti-Coronavirus. Il primo ministro, nel suo discorso, ha spiegato punto per punto la ragione di alcune misure restrittive contenute nei decreti.

Ore 18:00, il nuovo bollettino della protezione civile. Scendono i contagi e i decessi. Borrelli positivo

Secondo il nuovo bilancio, sono 3.491 i casi positivi in più, 683 nuove vittime che porta il totale a 7.503. Mentre il numero delle persone attualmente positive sale così 57.521 a pazienti. Dagospia riporta la positività al Covid-19 del capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli.

Ore 16:40, San Camillo, sei medici positivi

Sei medici che lavorano all’ospedale San Camillo di Roma sono risultati positivi al Coronavirus. Lavorano tutti nel reparto di gastroenterologia ed al momento sono tutti in buone condizioni di salute.

Ore 15:00 Borrelli con la febbre, annullata la conferenza stampa delle 18

Come riporta Skytg24, il capo della protezione civile Angelo Borrelli in mattinata ha accusato sintomi febbrili. La consueta conferenza stampa prevista per le 18 è stata annullata. I dati giornalieri verrano comunicati normalmente.

Ore 12:00 Bergamo, il sindaco Gori: “Atalanta-Valencia una bomba biologica”

Le parole del sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, rilasciate in un’intervista al quotidiano spagnolo Marca, confermano i sospetti sull’influenza del match Atalanta-Valencia sull’espansione del Coronavirus. Il primo cittadino bergamasco ha affermato che: “La partita era una bomba biologica. A quel tempo – 23 febbraio, ndr – non sapevamo cosa stesse succedendo. Il primo paziente in Italia è stato registrato proprio il 23 febbraio. Se il virus era già in circolazione, i quarantamila fan che andarono allo stadio di San Siro erano infetti. Nessuno poteva sapere che il virus stava già circolando dalle nostre parti. In molti andarono a vedere la partita in gruppo, e ci furono molti contatti tra le persone quella sera. Il virus è certamente passato da alcuni ad altri. Ovviamente non ci fu solo il problema della partita. Perchè la scintilla vera fu all’ospedale di Alzano Lombardo, che ospitava una paziente con una polmonite non ancora diagnosticata, e che probabilmente contagiò altri pazineti, medici ed infermieri. Quella è stata il focolaio dell’epidemia“.

Ore 11:30 Il Principe Carlo positivo al Covid-19

Come riportato da Sky News, un portavoce della Clarence House afferma che il Principe di Galles Carlo è risultato positivo al COVID-19 e “ha mostrato sintomi lievi, ma per il resto rimane in buona salute” aggiungendo che anche la Duchessa di Cornovaglia è ha effettuato il tampone ed è risultata negativa.

Ore 10:00 Messi e Guardiola donano 1 milione di euro a testa

Due grandi iniziative da parte di due grandi personaggi del calcio. Quelli che a detta di molti sono il miglior giocatore al mondo, Lionel Messi, ed il miglior allenatore in circolazione, Pep Guardiola, hanno fatto i fuoriclasse anche fuori dal campo. Entrambi hanno infatti donato 1 milione di euro a testa per la lotta al Coronavirus. L’argentino ha devoluto la cifra in parte all’Hospital Clinic di Barcellona, che ne ha dato notizia con un tweet, in parte a un ospedale in Argentina. Guardiola ha invece donato la sua cifra alla Fundació Àngel Soler Daniel, gestita dal Col.legi de Metges di Barcellona, specializzata nell’acquisto e nella fornitura di materiali medici. Mascherine, occhiali, disinfettanti, guanti in lattice e respiratori saranno acquistati grazie al gesto dell’allenatore del Manchester City.

Ore 9:00 Nuovo decreto: cinque anni per chi è positivo ed esce

Multe salate, da 400 a 3000 euro, per chi viola le regole anti contagio. Ma non solo. Viene punito col carcere da uno a cinque anni chi è in quarantena perché positivo al Coronavirus ed esce intenzionalmente di casa violando il divieto assoluto di lasciare la propria abitazione. Lo prevede, a quanto comunica Palazzo Chigi all’esito del Cdm, il nuovo decreto che inasprisce le sanzioni per le misure anti Coronavirus. Si incorre in un reato contro la salute pubblica, provocando il diffondersi dell’epidemia.

Coronavirus, news e aggiornamenti del 24 marzo

Ore 20:30 Primo positivo al Coronavirus nell’Atalanta

L’Atalanta ha reso noto che Marco Sportiello è il primo tesserato nerazzurro ad aver contratto il Coronavirus. Qui la news completa.

Ore 19:00 Conferenza stampa del premier Giuseppe Conte

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è intervenuto in conferenza stampa per chiarire i punti saliente del nuovo decreto legge. Sono state decise nuove misure per il coordinamento dell’operato tra Governo e Regioni, mentre le multe per chi non rispetta le disposizioni del Governo vanno da 400 a 3000 euro. Qui trovate la conferenza completa.

Ore 18:00 Nuovo bollettino della Protezione Civile

Come tutti i pomeriggi alle 18:00 il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli è intervenuto in conferenza stampa per il nuovo bollettino sui casi da Coronavirus. I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 743 mentre ieri erano 601. Salgono di nuovo le vittime dunque ma continuano a decrescere i contagiati, dai 3780 di ieri ai 3612 di oggi. Sono quasi raddoppiate le persone guarite, passate da 408 a 804.

Ore 16:15 Harris (Oms): “In Italia c’è un barlume di speranza, ma è ancora troppo presto”

Quasi tutti i paesi si sono adeguati al “modello Italia” dopo l’emergenza scattate nel bel paese. I numeri degli ultimi due giorni risultano positivi rispetto a quelli precedenti. Queste le parole di Margaret Harris (Portavoce OMS), che ha parlato con i giornalisti oggi a Ginevra “In Italia c’è un barlume di speranza – ha detto -. Negli ultimi due giorni abbiamo visto un minor numero di nuovi casi e di morti, ma è ancora molto, molto presto (per fare valutazioni ottimistiche, ndr)”.

Ore 15:00 La bozza del nuovo Cdm: ipotesi proroga delle restrizioni fino al 31 luglio (con rinnovi)

Nulla di certo, per ora resta in vigore il decreto fino al 3 aprile. Alle 14:00, il consiglio dei ministri si è riunito per il nuovo decreto legge. Secondo quanto raccolto da “Open” la bozza del decreto sarebbe già trapelata. Il blocco a tutte le attività ferme, da scuole a ristoranti, passando per musei, cinema e quant’altro, potrà essere prolungato fino al 31 luglio, con rinnovi di 30 giorni fino a quella data. Per chi trasgredirà alle norme vigenti la multa prevista non sarà di 2000 euro, bensì di 4000 euro. Filtra positività per quanto concerne l’utilizzo dei droni per controllare le strade.

Ore 14:20 Tokyo 2020, rinviati ufficialmente i Giochi Olimpici

I Giochi Olimpici di Tokyo saranno rinviati al 2021. Il Cio ha appena ufficializzato con un comunicato la notizia anticipata dal premier giapponese Abe: “I Giochi sono rinviati al 2021, non oltre l’estate, per salvaguardare la salute degli atleti e di tutti i partecipanti. Manterranno il nome di Giochi olimpici e paralimpici Tokyo 2020”. La fiamma olimpica rimarrà in Giappone.

Ore 14:00 Tokyo 2020, il primo ministro giapponese Abe chiederà il rinvio dei Giochi Olimpici

Il mondo è fermo di fronte all’emergenza del coronavirus e ora vuole chiedere il rinvio dei Giochi Olimpici programmati a Tokyo questa estate dal 24 luglio al 9 agosto anche Shinzo Abe. Il primo ministro giapponese, infatti, come riporta l’emittente nipponica ‘NHK’, in questa conversazione telefonica col presidente del CIO Thomas Bach spiegherà le difficoltà di organizzare i giochi olimpici, richiedendo una risposta a stretto giro per la decisione finale.

Ore 13:30 I benzinai annunciano lo sciopero a partire da mercoledì notte

Sciopero dei benzinai: ecco la nota ufficiale Faib Confesercenti, Fegica Cisl, Figisc/Anisa Confcommercio. “Da soli, non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio. Di conseguenza gli impianti di rifornimento carburanti semplicemente cominceranno a chiudere: da mercoledì notte quelli della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali; e, via via, tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria”.

Ore 13:20 In Sicilia arrivano 40.000 persone: non tutti si auto-segnalano

Aumenta la preoccupazione nel Sud Italia, in particolar modo in Sicilia dove sono arrivate circa 40.000 persone. Queste le parole di Ruggero Razza, assessore regionale della salute, ai microfoni di Storie Italiane su Rai1: Purtroppo non tutti si sono auto-segnalati. E mi fa rabbia, perché molti contagi che stiamo registrando ora sono causati da chi rientra”.

Ore 13:00 Guido Bertolaso positivo al Coronavirus

L’annuncio è arrivato pochi minuti fa sulla sua pagina Facebook. Guido Bertolaso, ex capo della Protezione Civile, richiamato in via straordinaria per l’emergenza che sta colpendo l’Italia è risultato positivo al Covid-19.

Ore 12:40 La Macron decide di realizzare le mascherine

La Macron, azienda leader nell’abbigliamento sportivo nonché partner tecnico della Lazio, ha deciso di realizzare mascherine per l’emergenza. A riferirlo è il CEO della società Gianluca Pavanello, intervenuto a il Corriere di Bologna: “Siamo in contatto con le autorità che censiscono le richieste di materiale sanitario mancante perché in Cina siamo pronti a produrre in alcune fabbriche mascherine di ogni genere, ma anche grembiuli, guanti, calzari e quanto occorre, usa e getta e non. Abbiamo una trentina di dipendenti là che possono operare per reperire prodotti certificati. I primi materiali potrebbero arrivare già in settimana, centinaia di migliaia di pezzi”. 

Ore 12:20 La Sindaca Virginia Raggi intensifica le operazioni di sanificazione

La Sindaca Raggi ha annunciato di aver “intensificato le operazioni di sanificazione straordinaria delle strade di tutta la città”. A Roma sono stati “raddoppiati i mezzi dedicati a questa attività: da questa mattina sono in giro per la città le autobotti del Servizio Giardini che sanificheranno le strade, in particolare vicino a mercati, farmacie e ospedali”

Ore 9:00 Trump vuole riaprire gli Stati Uniti

Sono circa 46mila i contagi negli Stati Uniti, con 520 decessi. Numeri importanti, ma il presidente Donald Trump pensa di riaprire il paese. In conferenza stampa ha infatti annunciato: “Se fosse per i medici tutto il mondo sarebbe chiuso. Dopo 15 giorni decideremo come muoverci. Gli Usa non sono fatti per lo shutdown, si può morire anche di crisi economica. I nostri esperti di salute pubblica, che sono incredibili, stanno studiando le variazioni e la malattia: utilizzeremo i dati per raccomandare nuovi protocolli che consentano alle economie locali di riprendere cautamente la loro attività al momento giusto”.

Ore 8:00 Il Papa: “Medici e infermieri esempi di eroismo”

Prima dell’inizio della messa di questa mattina, trasmessa come sempre in streaming, il Papa ha dichiarato: “Ho avuto la notizia che in questi giorni sono venuti a mancare alcuni medici, sacerdoti, non so se qualche infermiere, ma si sono contagiati, hanno preso il male perché erano al servizio degli ammalati. Preghiamo per loro, per le loro famiglie. E ringrazio Dio per l’esempio di eroicità che ci danno nel curare gli ammalati”.

Coronavirus, news e aggiornamenti di lunedì 23 marzo

Ore 21:00 Cambia ancora il modulo per l’autocertificazione

Cambia ancora il modulo per l’autocertificazione dei cittadini che vogliono fare spostamenti. Lo impone la circolare inviata ai prefetti dal capo della Polizia, Franco Gabrielli, alla luce del nuovo dpcm pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale e contenente altre misure contro la diffusione del Coronavirus.

Ore 19:00 D’Amato: “Dati in calo, ma non facciamoci illusioni”

L’assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, ha letto il bollettino quotidiano sull’emergenza Covid-19: “Oggi registriamo un dato in calo rispetto alle ultime 24h con 157 casi di positività, per la prima volta trend all’11%, mentre i decessi sono stati 10. Continua l’aumento delle persone guarite che sono 63 in totale. Sono usciti dalla sorveglianza domiciliare in 3.447. Non dobbiamo farci illusioni e tenere alta la guardia questa settimana sarà molto importante, molti dei nostri ospedali stanno mutando pelle per attivare 600 posti per COVID-19. Il sistema sanitario regionale sta reggendo bene e in attesa del test rapido abbiamo aggiornato le indicazioni per la sorveglianza fornite a tutte le aziende sanitarie locali e aziende ospedaliere per fare il tampone agli operatori sanitari a rischio”.

Ore 18:15 Il bollettino quotidiano della Protezione Civile

Come tutti i giorni il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli è intervenuto in conferenza stampa per il bollettino sui casi da Coronavirus. Nella giornata di oggi si registrano 408 guariti in più, in totale i guariti salgono a 7.423. Il numero dei nuovi casi è pari a 3.780, (ieri c’era stato un aumento di 3957 casi) con un totale attuale 50.418 soggetti attualmente positivi. Di questi, 26.622 sono in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi e 3.204 in terapia intensiva, pari al 6% delle persone positive. Sono 602 i nuovi deceduti (ieri 651), come sempre in attesa di validazione da parte dell’ISS circa le effettive cause del decesso.

Ore 18:00 Gallera: “Trend positivo, i sacrifici stanno producendo uno scopo”

L’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera ha letto il bollettino giornaliero sull’emergenza Coronavirus: “Non dobbiamo cantar vittoria, ma il trend è positivo rispetto alle giornate passate. I sacrifici che stiamo facendo stanno producendo uno scopo. Attenzione però perché potrebbe esserci un altro aumento. L’importante è continuare a rimanere concentrati e rispettare le misure di contenimento”.

Ore 17:40, Oms: “300 mila contagi negli ultimi 4 giorni”

Queste le dichiarazioni da parte del direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus guardo il Covid-19.

“Ci sono voluti 67 giorni per arrivare ai primi centomila contagi, 11 giorni per 200mila e 4 giorni per trecentomila. Il personale sanitario può svolgere efficacemente il proprio lavoro solo quando può lavorare in sicurezza. Continuiamo a ricevere notizie allarmanti da tutto il mondo di un gran numero di contagi tra gli operatori sanitari. Anche se facciamo tutto il resto nel modo giusto, se non diamo la priorità alla protezione degli operatori sanitari, molte persone moriranno perchè l’operatore sanitario che avrebbe potuto salvare loro la vita è malato”.

Ore 15:30 Termina oggi la quarantena preventiva dell’Inter. Nessun calciatore nerazzurro avrebbe sintomi riconducibili al Covid-19.

Termina oggi la quarantena preventiva di tutto lo staff tecnico dell’Inter. I 14 giorni di isolamento sono iniziati a seguito della notizia della positività di Daniele Rugani al Covid-19. Il difensore infatti l’8 marzo ha affrontato i nerazzurri con la maglia della Juventus. Come riporta l’Ansa, nessun calciatore del club di proprietà Suning avrebbe riscontrato sintomi riconducibili al nuovo Coronavirus.

Ore 14:30, 11 medici di base deceduti per epidemia Covid-19

Il segretario della federazione italiana dei medici di medicina generale, Silvestro Scotti ha annunciato che ad oggi sono 11 i dottori di famiglia deceduti a causa dell’epidemia di Coronavirus. Una ventina invece sono ricoverati in terapia intensiva.

Ore 11:00 Conte: “Oggi distribuiamo 4 milioni di mascherine”

In una intervista a La Stampa, il premier Giuseppe Conte ha dichiarato: “Nei giorni scorsi sono stati acquistati più di 6.500 respiratori e dalla prossima settimana arriveranno 120 milioni di mascherine, grazie all’incessante lavoro fatto all’estero. Solo in questa giornata distribuiremo 4 milioni di mascherine e 125 ventilatori. Decine di imprese italiane stanno riconvertendo le loro produzioni per rispondere all’emergenza, anche con il supporto dello Stato e delle risorse economiche inserite nel decreto Cura Italia. Il Paese sta rispondendo con tutta la sua forza. Ce la faremo”.

Ore 9:00 La Cina testa un vaccino

Come riportato da AFP, in Cina sarebbero cominciati i test per un vaccino per il Coronavirus. Le prime iniezioni ai volontari, 108 di eta’ compresa fra i 18 e i 60 anni e originari di Wuhan, sono avvenute venerdì scorso.

Ore 08:00 Conte ha firmato il decreto

Il presidente del Consiglio dei Ministri italiano Giuseppe Conte ha apposto la sua firma sul nuovo DPCM. Andrà soprattutto a regolare un’ulteriore restrizione delle attività aperte.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 22 marzo

Ore 20:00 Olimpiadi verso lo slittamento

Anche per le Olimpiadi di Tokyo 2020 si va verso il rinvio. La decisione verrà presa nelle prossime 4 settimane. Il Cio vorrebbe comunque farle disputare entro il 2020.

Ore 19:00 Germania, Angela Merkel in quarantena

La cancelliera tedesca Angela Merkel è in quarantena. Lo riferisce il portavoce, citato dall’agenzia Dpa, che afferma che la Merkel è entrata in contatto con un medico risultato poi positivo al Covid-19.

Ore 18:00 Il bollettino della Protezione Civile

Come tutti i giorni il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli è intervenuto in conferenza stampa per il bollettino sui casi da Coronavirus. I dati sono in lieve deflessione, con 651 morti nelle ultime 24 ore a fronte dei 793 di ieri. Sono 3957 i positivi in più, a fronte dei 4821 di ieri, di cui 12 membri della Protezione Civile. Salgono anche i guariti, da 943 a 952.

Ore 17:45, Stop agli spostamenti tra comuni

I ministeri della Salute e dell’Interno hanno emesso la seguente ordinanza: Da oggi è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in un comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative.

Ore 17:40, Undici dipendenti della Protezione Civile positivi al Coronavirus

Undici dipendenti del Dipartimento della Protezione Civile sono risultati positivi al coronavirus. Ne ha dato notizia il Capo del Dipartimento, Angelo Borrelli, informando tutto il personale in servizio. Dallo screening quest’ultimo è risultato negativo al tampone.

Ore 16:25, Arcuri: “Da domani o martedì tutte le regioni avranno mascherine per medici, operatori sanitari e malati”

Queste le parole del commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri.

“Da domani o martedì al massimo tutte le regioni avranno mascherine per medici, operatori sanitari e malati. A partire dalla settimana successiva contiamo di dare poi a tutti gli italiani i Dispositivi di protezione individuale”. 

Ore 13:20, Di Maio: “In arrivo rinforzi ed aiuti da tutto il mondo”

Il ministro degli esteri Luigi Di Maio, ha fatto il punto della situazione sugli aiuti in arrivo da fuori Italia. Queste le sue parole rilasciate su un post Facebook.

“Stanno arrivando i rinforzi per i nostri medici, infermieri, operatori sociosanitari. Per tutte le donne e uomini che stanno faticando negli ospedali per salvare vite umane. Grazie al lavoro fatto nell’ultima settimana, da tutto il mondo stanno arrivando le mascherine che vi servivano”

Ore 11:00, Cina: primo contagio nel massimo campionato, si tratta di Fellaini

Fino ad ora la Cina, nonostante l’emergenza non aveva registrato casi di Coronavirus nel massimo campionato. Ma ora è risultato positivo Marouane Fellaini, centrocampista ex United in forza allo Shandong Luneng, che è rientrato nella provincia di Shandong.

Ore 10:30, Spagna: muore Lorenzo Sanz l’ex Presidente del Real Madrid

Un’altra vittima di coronavirus, questa volta si tratta di Lorenzo Sanz, l’ex Presidente del Real Madrid. Aveva 76 anni ed era ricoverato in ospedale da martedì scorso a causa del virus.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 21 marzo

Ore 23:30, Conte: “Chiuse tutte le attività non essenziali”

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato all’Italia, anticipando le nuove misure contenute nel dpcm che entrerà in vigore domani: “Chiusura di tutte le attività non essenziali”

Ore 21:00 Nuove restrizioni in Lombardia

Attilio Fontana, governatore della Lombardia, annuncia nuove misure restrittive nella regione. Prevista la chiusura degli uffici pubblici, degli studi professionali e dei cantieri edili. Niente attività motorie all’aperto, neppure singolarmente. Il provvedimento entrerà in vigore il 22 marzo e durerà fino al 15 aprile.

Ore 20:45 Paolo e Daniel Maldini positivi al Coronavirus

È apparso sul sito ufficiale del Milan il comunicato che rivela la positività al Coronavirus di Paolo Maldini e del figlio Daniel.

Ore 19:00 Positivo anche Paulo Dybala

La Juventus ha comunicato che il proprio numero 10, Paulo Dybala, è risultato positivo al Coronavirus.

Ore 18:30 Peggiora la situazione in Spagna

Dopo l’Italia è la Spagna il paese europeo più colpito dal Coronavirus. Crescono costantemente i numeri di contagi e decessi. Come riporta il quotidiano spagnolo As sono 25.300 i casi confermati, mentre i morti hanno superato quota 1.300. La città più colpita è Madrid che conta circa 800 morti.

Ore 18:00 Il bollettino della Protezione Civile

Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile, è intervenuto in conferenza stampa per il conteggio giornaliero dei casi di Coronavirus in Italia. Il bollettino parla di un incremento di 4.821 contagiati nelle ultime 24 ore per un totale di 42.681 e di 793 morti in più rispetto a ieri, 4.825 in tutto. Salgono però anche le persone guarite che diventano 6.072, 943 in più rispetto a ieri.

Ore 17:10 Le parole di Gallera sulla Lombardia

Giulio Gallera, assessore lombardo al Welfare, ha dichiarato: “Crescono i decessi, 3.095 nella sola Lombardia, +546, dato che ci fa più male. Tutti gli esperti ci avevano detto che i giorni più duri sarebbero stati sabato e domenica il 13esimo e il 14esimo giorno dall’introduzione dell’effettiva misura di contenimento e, ahimé, gli esperti avevano ragione, dato che i dati sono tutti in forte crescita”.

Ore 17:00 Trump approva lo stato di calamità a New York

New York è lo stato degli Stati Uniti più colpiti dal Coronavirus. Per questo motivo, come annunciato dalla Casa Bianca, il presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di calamità. Questo provvedimento rende disponibili i fondi federali per affrontare la crisi.

Ore 12:00 La lettera del Governatore della Lombardia Fontana ai corregionali

Il Governatore della Lombardia Attilio Fontana ha scritto una lettera aperta ai suoi corregionali invitandoli a resistere e promettendo che verrà fatto il possibile per fronteggiare e sconfiggere il virus che sta dilaniando la regione. Ecco un passo della lettera: “In queste quattro settimane ho vissuto momenti che mai avrei pensato di vivere. Ho agito fin dal primo momento con la consapevolezza che la missione da compiere era solo ed esclusivamente finalizzata ad un solo obiettivo: il bene della mia gente. Ogni cosa che ho fatto e sto facendo è dettata esclusivamente dall’ascolto degli scienziati e dei medici che sono al mio fianco…Oggi, più che in ogni altra giornata, i numeri ci condannano a resistere e a seguire l’unica strada che attualmente conosciamo per contrastare il virus: tenerlo lontano, evitare i contatti, rimanere nelle proprie case. Mi raccomando dateci una mano. Ce la faremo!”.

Ore 10:00 Liga, positivo Wu Lei dell’Espanyol

Espanyol, positivo al Coronavirus il cinese Wu Lei. A renderlo noto è la Federcalcio cinese, con una nota pubblicata sul proprio sito ufficiale: “Siamo in continuo contatto con Wu Lei e il suo club, siamo pronti a fornirgli tutta l’assistenza di cui ha bisogno”.

Ore 09:00 Roma, la sindaca Raggi: “Chiuse le spiagge del litorale”

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha firmato una nuova ordinanza che dispone l’interdizione “dell’accesso sulle spiagge del litorale di Roma Capitale, nonché alle aree in gestione di Roma Capitale ricadenti nel perimetro della riserva statale del litorale romano, ovvero la Pineta di Castel Fusano e la Pineta Acqua Rossa”. Il divieto ha validità fino al 3 aprile 2020.

Ore 07:00 Cina: nessun contagio per il terzo giorno di fila. Escalation di casi negli USA

Per il terzo giorno di fila la Cina non ha registrato nuovi casi di contagio da Coronavirus generati sul fronte interno. Neppure nella città epicentro del virus, Wuhan. Per quello che riguarda gli USA invece, la situazione si presenta diametralmente opposta. Sono circa 75 milioni gli americani a cui è stato ordinato di restare a casa dai governatori di alcuni stati, tra cui quello di New York e la California. Il bollettino aggiornato parla di 225 morti e 17.500 casi di positività al Covid-19.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 20 marzo

Aggiornamento ore 21:30. Il ministero della salute emana una nuova ordinanza: chiusi i parchi. Restrizioni per lo sport fuori casa

“Vietato l’accesso a parchi, ville, aree gioco e giardini pubblici. Resta consentito svolgere individualmente attività motoria nei pressi della propria abitazione, purché nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona.” Inoltre l’ordinanza tocca anche alcune attività commerciali. Chiuderanno i bar nelle stazioni ferroviarie e lacustri, mentre gli le stazioni di sosta sulle autostrade rimarranno aperte.

Aggiornamento ore 18: bilancio molto negativo. 627 i decessi nella sola giornata di oggi.

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha annunciato il bollettino di oggi 20 marzo: “Ipositivi hanno raggiunto le 33.190 unità con un incremento di 4.480 positivi rispetto a ieri. I morti sono saliti a 3.405, con 427 nelle ultime ventiquattr’ore. Le persone guarite sono arrivate a 4.440, 415 più di ieri. L’8% dei malati si trova in terapia intensiva”.

Ore 15:30 Le parole della sindaca Raggi

La sindaca di Roma Virginia Raggi ha fatto chiarezza sull’inasprimento delle misure restrittive per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Ecco le sue dichiarazioni tramite un video apparso sul proprio profilo facebook.

“Dobbiamo darci una regolata adesso, o progressivamente arriverà l’esercito e verrà tolta anche la possibilità di fare jogging. Dobbiamo fermare questa pandemia. Dipende da noi. Ci sono persone che corrono, attività ancora consentita, ma ce ne sono ancora troppe che passeggiano, prendono il sole, sono in giro con gli amici. Stanno fioccando le denunce: ieri abbiamo denunciato alcune persone che erano andate a passeggiare come se nulla fosse. Non funziona così. Dobbiamo essere più rispettosi gli uni degli altri e soprattutto dobbiamo agire come una comunità che si deve proteggere e deve bloccare il contagio.”

Ore 14:00 Chiusura delle scuole verso la proroga

Il ministro dell’istruzione Lucia Azzolina ha parlato della situazione delle scuole, la cui chiusura verrà molto probabilmente prorogata oltre il 3 Aprile. Queste le sue parole.

“Penso che si andrà nella direzione che ha anticipato il Presidente Conte, con le scuole che resteranno chiuse anche oltre il 3 aprile. Tutto dipende dallo scenario dei prossimi giorni, non è possibile indicare una data certa. Quello che posso affermare è che riapriremo le scuole quando avremo l’assoluta certezza di poterlo fare. L’anno scolastico sarà comunque salvo, non possono essere gli studenti a pagare questa situazione. Per quanto riguarda invece gli esami di maturità e terza media stiamo pensando a varie opzioni e il ministero sta studiando varie opzioni. Non ci sarà inoltre nessun esame semplificato, sarà un esame serio, naturalmente tenendo in considerazione tutto quello che sta accadendo.”

Ore 13:00 Il bollettino dello Spallanzani

L’istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma ha diramato stamane il bollettino giornaliero sui casi da Coronavirus. Sono 211 i pazienti positivi ad oggi e salgono a 324 le persone dimesse.

Ore 11:00 Youtube e Netflix sospendono l’alta definizione

In tempo di Coronavirus l’alta definizione streaming è temporaneamente sospesa. Ad annunciarlo dopo una riunione i ceo di Google e YouTube Sundar Pichai e Susan Wojcicki. Il popolare servizio streaming ha deciso di abbassare la qualità al livello standard per alleggerire il flusso di dati che, con la gente tutta o quasi nelle proprie case, sta aumentando in maniera esponenziale. Stessa cosa ha fatto Netflix.

ore 10:30 Il paziente 1 sta meglio: dimissioni vicine

Una buona notizia arriva dalla Lombardia. Il paziente uno del Coronavirus è pronto a lasciare l’ospedale. Mattia è stato il primo caso da cui è partito il focolaio nel Nord Italia. L’uomo è stato trovato positivo il 21 febbraio e ha vissuto un mese durissimo. Tra lunedì e martedì l’uomo dovrebbe tornare nella propria abitazione per riprendersi. Respira autonomamente ed è in forma nonostante trenta giorni di sofferenza. Il 38enne guarda con fiducia al futuro dopo essersi messo il mostro alle spalle ed è pronto a ricominciare.

ore 10:00 L’allarme della virologa Ilaria Capua

La virologa Ilaria Capua, in un’intervista pubblicata in Francia dalla riviste “Le grand continent” ed in Italia su Fanpage.it, lancia l’allarme: “Il Coronavirus sta circolando in modo anomalo in Lombardia. È importante cercare di capire il perché. Se dopo Milano dovessero cadere altre grandi città come Londra, Parigi, Berlino sarebbe una catastrofe di proporzioni eccezionali. Questa pandemia è un cigno nero che cambierà per sempre il rapporto tra scienza e società. Quello che sta accadendo in Lombardia, ripeto, deve essere chiarito. La questione dei criteri di reporting dei casi è fondamentale: abbiamo bisogno di dati armonizzati a livello nazionale, europeo, mondiale. Altrimenti brancoliamo nel buio”.

Ore 08:00 Lazio, primo focolaio nella provincia di Fondi

Fondi è la prima zona rossa della regione Lazio. La città in provincia di Latina, a causa di una festa per anziani del 25 febbraio scorso a cui ha partecipato il nonno di una contagiata da coronavirus a Milano, ha rappresentato la principale fonte di Covid-19 della terra pontina. Nella giornata di giovedì tra i 147 positivi della provincia, almeno 47 erano legati al focolaio di Fondi. Si contano anche 192 persone in sorveglianza attiva e 760 in isolamento domiciliare.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 19 marzo

22:00, Coronavirus: la Spagna è in ginocchio

Un morto ogni 16 minuti in Spagna a causa del Coronavirus. In particolare la città più colpita è Madrid che registra già più di 3000 casi.

20:30, Coronavirus: Donald Trump attacca la Cina

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump durante il briefing odierno dalla Casa Bianca sull’emergenza coronavirus ha attaccato la Cina.

18:30 I Dati di oggi della Protezione Civile

Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 41.035. Le parole di Borrelli: “Sono 415 le persone guarite oggi per un totale di 4.440 dall’inizio del Coronavirus in Italia. Registriamo 4.480 persone positive per un totale di 33.190. 14.935 persone in isolamento domiciliare e 2.498 in terapia intensiva. Sono decedute oggi 427 persone”.

15:00 La Premier League prolunga lo stop

Inizialmente previsto fino al 3 aprile, la Premier League e le altre leghe inglesi hanno deciso di prolungare lo stop fino al 30 aprile.

Ore 14:30 Fontana: “Le regole devono essere più rigide”

Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia, ha parlato in conferenza stampa: “C’è ancora troppa gente che non rispetta le misure di sicurezza, a mio avviso dovrebbero essere ancora più rigide. Che si prendano i provvedimenti che sono stati suggeriti, oggi ne parlerò sicuramente con Conte”.

Ore 11:30, Espanyol: sei positivi In squadra

Il mondo del calcio continua a scoprire nuovi casi di positività al Coronavirus. L’Espanyol ha infatti comunicato che sei tesserati del club sono risultati positivi al Covid-19

Ore 11:10, Conte: “Blocco totale e chiusura delle scuole saranno prorogati”

Il premier Giuseppe Conte ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“Blocco totale e chiusura delle scuole saranno prorogati. Abbiamo evitato il collasso e le misure restrittive stanno funzionando. È ovvio che quando il contagio comincerà a decrescere non potremo tornare subito alla vita di prima. Al momento non possiamo dire di più, ma è ragionevole pensare che i provvedimenti presi saranno prorogati. Serve buon senso, sono d’accordo con chi ha chiuso ville e parchi. Al momento, comunque, non sono previste ulteriori misure restrittive, ma se i divieti vengono violati dovremo muoverci. Sarà determinante il parere degli scienziati, ai quali abbiamo in una certa misura doverosamente ceduto il passo”

Ore 10:00, Fontana: “A Roma faticano a rendersi conto”

Il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana ha rilasciato la seguente dichiarazione ai microfoni di Radio Capital.

“Con il governo ho sempre collaborato. Abbiamo avuto visioni diverse, su questo non ci sono dubbi. Ieri ho parlato con un medico che ha fatto tutte le guerre. E dopo aver visitato uno dei nostri ospedali mi ha detto ‘non avevo mai visto una cosa del genere, è peggio dell’Iraq e dell’Afghanistan’. Credo che chi non viva direttamente questa situazione faccia fatica a rendersi conto della realtà. A Roma faticano a rendersi conto”.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 18 marzo

Ore 20:00 Tennis, rinviati gli Internazionali di Roma

Gli Internazionali d’Italia sono stati rinviati. Lo rende noto l’Atp tramite un comunicato che ufficializza la sospensione di tutti i tornei di tennis fino al 7 giugno causa Coronavirus. Dopo questa data tutto dovrebbe tornare alla normalità, seppur con qualche modifica di calendario. Gli Internazionali di Roma dovrebbero trovare spazio per essere riprogrammati in futuro. Per ora, però, la stagione di tennis è sospesa.

Ore 18:00 I dati di oggi della Protezione Civile

L’emergenza Coronavirus e i dati giornalieri della Protezione civile raccontano di 28.710 malati in Italia, con un incremento rispetto a martedì di 2.648. Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 35.713. Ma mancano i dati della Campania. Sono 2.978 le vittime, con un incremento rispetto a martedì di 475. Ieri l’aumento era stato di 345. “I guariti sono oggi 1084 in più, un numero veramente importante, che li porta in totale a 4025, più 37% rispetto a ieri“, ha detto il commissario Angelo Borrelli in conferenza stampa. “Ci sono 2648 positivi in più, per un trend stazionario in questa settimana“, ha aggiunto.

E’ necessario contenere al massimo gli spostamenti“, è il nuovo appello lanciato da Borrelli nella conferenza stampa. “I dati di oggi ci fanno pensare positivo, ma vanno adottati comportamenti corretti. La curva è ancora in salita, il contagio si ferma restando a casa“.

Ore 10:00, Giuseppe Ippolito: “Le lesioni ai polmoni non sembrano permanenti”

Il direttore scientifico dell’istituto Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito ha parlato così dei pazienti con Coronavirus guariti. Queste le sue parole rilasciate a Il Fatto Quotidiano.

“Le lesioni ai polmoni generate dal coronavirus non sembrano essere permanenti e la guarigione si presenta completa”. 

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 17 marzo

Ore 20:00 Nuovi orari per i Supermercati di Roma e nel Lazio

La Regione Lazio ha disposto nuovi orari di apertura per i supermercati. La misura precvede l’apertura alle ore 8.30 e l’obbligatoria chiusura entro le 19.00. La domenica la chiusura è obbligatoria invece alle ore 15. Nel provvedimento resta l’obbligo di accesso con modalità contingentate, evitando assembramenti, con la distanza interpersonale di almeno un metro. Chi non garantirà tali misure si vedrà sospesa l’attività. Se le condizioni strutturali o organizzative non consentono il rispetto della distanza è obbligatoria la chiusura. L’ordinanza sarà consultabile sul sito della Regione Lazio (http://www.regione.lazio.it/rl/coronavirus/ordinanze/) ed entrerà in vigore da domani, 18 marzo 2020, fino al 5 aprile 2020.

Ore 18:15 Cassano: “Restate a casa, sennò l’epidemia dura fino al 2040”

Antonio Cassano ci mette ironia, ma lancia un messaggio serio dalla trasmissione Tiki-Taka andata in onda in streaming. L’ex attaccante ha dichiarato: “Se continuate a uscire, nel 2040 siamo ancora qui. Due settimane fa pensavo che questo virus fosse una cosa superficiale, invece c’è da prendersi paura. State a casa, vedete film e fate figli“.

Ore 18:00 I dati di oggi della Protezione Civile

Sono complessivamente 26.062 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a lunedì di 2.989. Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 31.506. Il dato è stato fornito dal commissario per l’emergenza Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione Civile. Crescono anche i guariti: sono 2.941, 192 in più di ieri. Sono 2.503 le vittime del coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a lunedì di 345. Ieri l’aumento era stato di 349. Lo stesso Borrelli fotografa come difficile la situazione di Bergamo dove non ci sono più posti in terapia intensiva. Un ospedale da campo degli alpini sarà installato nella città.

Aggiornamento 17:30, confermate le Olimpiadi di Tokyo

Le Olimpiadi al momento confermate. Al termine delle consultazioni con i vari portatori d’interesse, il Comitato Olimpico Internazionale ha dichiarato che a più di quattro mesi da Tokyo 2020 non è ancora necessario ricorrere a drastici cambi di programma e che ogni speculazione a riguardo rischia di essere controproducente. Questo il comunicato ufficiale: ” L’emergenza legata al virus COVID-19 sta influenzando i preparativi per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 e sta cambiando di giorno in giorno. Il CIO rimane pienamente impegnato nei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 e, con più di quattro mesi prima dei Giochi, non crede sia necessario prendere decisioni drastiche in questa fase. E che qualsiasi speculazione in questo momento sarebbe controproducente. Il CIO incoraggia tutti gli atleti a continuare a prepararsi alle Olimpiadi di Tokyo 2020 nel miglior modo possibile“.

Aggiornamento ore 17:20, anche in Russia stop al campionato

“A causa della minaccia della diffusione dell’infezione da coronavirus in Russia (2019-nCoV), sospende dal 17 marzo 2020 al 10 aprile 2020, inclusivamente, tutti gli eventi sportivi calcistici organizzati sotto gli auspici della RFU, comprese le competizioni organizzate / condotte dalle leghe, federazioni calcistiche regionali e loro associazioni”. Questo il comunicato della federazione russa.

Aggiornamento ore 16:40, positivo anche il noto conduttore Piero Chiambretti

Secondo quanto riporta Dagospia, Piero Chiambretti e sua madre sarebbero positivi al tampone del Coronavirus. Entrambi sarebbero ricoverati all’ospedale Mauriziano di Torino.

Ore 11:40, Afp: “Superati i 7050 morti nel mondo”

Secondo il bilancio dell’Afp compilato attraverso dati ufficiali i morti nel mondo a causa del nuovo Coronavirus avrebbero toccato la cifra di 7063 con 180.090 casi di contagio totali

Ore 10:00, Conte: “È il momento di restare uniti”

Il premier Conte ha voluto pubblicare un lungo post su Facebook per rilasciare un messaggio alla nazione durante questa emergenza Coronavirus. “159 anni fa veniva proclamata l’Unità d’Italia. Da allora il nostro Paese ha affrontato mille difficoltà, guerre mondiali, il regime fascista. Ma gli italiani, con orgoglio e determinazione, hanno sempre saputo rialzarsi e ripartire. A testa alta. Oggi stiamo affrontando una nuova prova. Difficilissima. Sono tanti gli italiani che in queste ore versano lacrime per la perdita di un familiare, che vivono l’angoscia di un ricovero, che soffrono per la lontananza dei propri cari, per la chiusura della propria attività commerciale, per l’incertezza del futuro. Ebbene, che tutti sappiano che lo Stato è al loro fianco, non li lascerà soli. Lo Stato non è solo strutture e istituzioni. Lo Stato siamo noi: 60 milioni di cittadini che lottano insieme, con forza e coraggio, per sconfiggere questo nemico invisibile”. 

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 16 marzo

Ore 21:00, negli Usa parte il test sull’uomo per un vaccino

Negli Stati Uniti è partita la sperimentazione di un vaccino contro il Covid-19. Come riportato da Associated Press i ricercatori lo hanno somministrato a un volontario di Seattle. Nei prossimi giorni ci saranno nuovi volontari. Gli scienziati tuttavia fanno sapere che per avere risultati scientificamente validi servono circa 18 mesi.

Ore 20:30, La Juventus con la propria raccolta fondi arriva a 400 milioni di euro

La Juventus, tramite i propri canali social, ha comunicato di aver superato quota 400 milioni di euro con la raccolta fondi “Distanti ma uniti. Dona insieme alla Juventus”.

Ore 20:20, nel Lazio 87 positivi e 3 morti più di ieri

Arrivano degli aggiornamenti riguardo il coronavirus anche nella regione Lazio. “Registriamo un dato di 87 casi di positività e 3 i decessi. Prosegue il lavoro di implementazione della rete dedicata all’emergenza COVID-19. Attivato questa mattina il COVID 2 HOSPITAL Columbus con 32 posti letto di malattie infettive e ulteriori 21 posti letto di terapia intensiva. A regime saranno un totale 133 posti. Sempre oggi attivati 26 posti di malattie infettive presso il Policlinico Umberto I (struttura Eastman). Sarà attivato mercoledì il COVID 3 HOSPITAL di 80 posti letto di cui 48 di terapia intensiva a Casal Palocco come ‘spoke’ dello Spallanzani e il COVID 4 HOSPITAL grazie allo svuotamento di un’intera torre del Policlinico di Tor Vergata per ulteriori 80 posti (40 di pneumologia e 40 di infettivologia). Con i posti nelle province arriviamo ad una rete complessiva di circa 1.500 posti a disposizione dell’emergenza in tutta la Regione Lazio”.

Ore 18:00, i dati di oggi della Protezione Civile

La Protezione Civile ha fornito i nuovi dati riguardo il coronavirus. Oggi sono sono stati registrati 2.470 casi nuovi (conteggio parziale per mancanza di dati) sono decedute 349 persone e ne sono guarite 414. Le persone attualmente contagiate sono più di 23.000.

Ore 16:00 La Serbia sospende i campionati, l’Inter consegna i pasti a domicilio

Il mondo dello sport continua ad attuare nuove forme per cercare di limitare il diffondersi della pandemia. La Serbia ha annunciato lo stop di tutte le competizioni calcistiche, così come gli allenamenti. L’Inter consegna invece i pranzi e le cene a casa dei propri giocatori per mantenere una dieta equilibrata anche in questo periodo di quarantena. È Nicolò Barella a svelarlo in una storia su Instagram in cui pubblica i contenitori di primi e secondi contrassegnati con nome arrivati dalle cucine di Appiano Gentile secondo le indicazioni del nutrizionista.

Ore 15:00 Il premier Conte: “Manovra da 350 miliardi, ora l’Europa ci segua”

Il Premier, Giuseppe Conte, è intervenuto in conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri dove si è deciso il piano economico da effettuare per aiutare famiglie, lavoratori ed imprese durante l’emergenza Coronavirus: “Manovra economica da 350 miliardi, ora vogliamo che l’Europa ci segua”. QUI tutte le dichiarazioni del capo del governo.

Ore 12:30 Roma, apre un nuovo ospedale

Il sindaco di Roma Virginia Raggi ha annunciato l’apertura a Roma di un nuovo ospedale per accogliere i malati: “Da questa mattina è operativo il Columbus Covid 2 Hospital di Roma. In una settimana è stato aperto un ospedale per accogliere malati di Coronavirus. Ringrazio il Policlinico Gemelli per la grande impresa al servizio dei cittadini”.

Ore 10:30 Ipotesi scuole chiuse oltre il 3 aprile

Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità ha spiegato, sulle pagine del Corriere della Sera, che la chiusura delle scuole potrebbe andare anche oltre il limite del 3 aprile: “L’ipotesi di prolungare potrebbe porsi anche perché i dati delle ex zone rosse di Lodi e Codogno dicono che la riduzione di casi è stata netta”.

Ore 9:00 Conte: “Non abbiamo ancora raggiunto il picco”

In una intervista al Corriere della Sera, il premier Giuseppe Conte ha dichiarato: “Gli scienziati ci dicono che non abbiamo ancora raggiunto il picco, queste sono le settimane più rischiose e ci vuole la massima precauzione. Non possiamo abbassare la guardia. È la sfida più importante degli ultimi decenni, per vincerla serve il contributo responsabile di 60 milioni di italiani”.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 15 marzo

Ore 20:30, nel Lazio 436 contagi

Arrivano degli aggiornamenti riguardo il coronavirus anche nella regione Lazio. “Sono 436 nella Regione Lazio i casi positivi al Covid-19. Di questi, 142 sono in isolamento domiciliare, 223 sono sono ricoverati non in terapia intensiva, 31 sono ricoverati in terapia intensiva, 16 sono deceduti e 24 guariti”, comunica la pagina facebook “Salute Lazio”.

Ore 18:15, i dati di oggi della Protezione Civile

La Protezione Civile ha fornito i nuovi dati riguardo il coronavirus. Oggi sono sono stati registrati 2.853 casi nuovi, sono decedute 368 persone e ne sono guarite 369. Le persone attualmente contagiate sono 20.603.

Ore 17:30, primo focolaio anche in Campania

Altro focolaio in Italia, stavolta nel centro-sud. La cittadina in questione è Ariano Irpino in provincia di Avellino. Il governatore Vincenzo De Luca ha messo il comune in isolamento, vietate entrate ed uscite dal paese di 22mila abitanti. Dei 37 contagiati dell’intera provincia ben 21 vengono da qui, per questo sono state decise queste misure preventive.

Ore 17:00, aumentano i casi anche nel Regno Unito

Dopo l’aumento dei casi in Spagna, attualmente il secondo Paese più colpito in Europa dopo l’Italia, anche nel Regno Unito i numeri salgono. Come riporta SkyTG24 sono 1372 i contagiati e 35 le vittime.

Ore 16:30, la Germania chiude le frontiere con Francia, Svizzera e Austria

Come riportato dalla Bild, il governo tedesco da domani chiuderà le frontiere con Francia, Svizzera e Austria per fermare la diffusione del coronavirus. La circolazione delle merci dovrebbe essere comunque garantita cosi’ come gli spostamenti dei pendolari. Al momento in Germania ci sono 5.072 casi di Covid-19.

Ore 15:30, superati i 6000 morti da coronavirus nel mondo

L’Afp ha realizzato un nuovo bilancio mondiali sui casi da coronavirus. I morti salgono a 6.036 mentre i contagiati sono 159.844 in tutto il mondo. Il Paese più colpito rimane la Cina con 3.199 morti ma l’epidemia in Europa si estende progressivamente con 1.907 vittime. Italia e Spagna le nazioni al momento più colpite, rispettivamente con 1.441 e 288 decessi.

Ore 15:00, nuovo bollettino della Spagna sul coronavirus

Sono aumentati di molto, come da previsione, i numeri in Spagna per quanto riguarda i casi collegati al coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati circa 2mila casi e 100 morti che portano ad un totale di 7.753 contagiati e 288 deceduti. Lo ha reso noto il nuovo bollettino emesso dalle autorità locali con cui la Spagna è diventato il secondo Paese più colpito in Europa dopo l’Italia. Colpiti anche diversi giocatori della Liga.

Ore 12:00, stop al Curling: sospeso il campionato del mondo maschile

Arriva un altro stop nel mondo dello sport. Questa volta ad essere interessato è il Curling. Infatti, è stato cancellato il mondiale maschile previsto in Scozia dal 28 marzo.

Ore 11:00, primo caso in Liga: è Garay del Valencia

Primo caso di contagio anche nella Liga Spagnola, in cui ad essere contagiato è stato Ezequiel Garay del Valencia. Il giocatore lo ha reso noto tramite un post su Instagram.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 14 marzo

Ore 20:00, l’assessore al welfare lombardo, Gallura, lancia l’allarme terapia intensiva: “Pochi posti a disposizione”.

La Lombardia continua a essere flagellata dal Coronavirus. L’assessore al welfare, Gallura, ha lanciato l’allarme per il sovraccarico dei posti di terapia intensiva nella regione. Per il momento sarebbero circa 20 i letti disponibili per eventuali pazienti che presentano una forma grave della malattia.

Ore 18:00, nuovo bollettino della Protezione Civile: 3500 contagiati in più. Calano le morti e aumentano i guariti

Il nuovo bollettino emanato dalla Protezione Civile pare essere meno pesante rispetto ai giorni precedenti. Malgrado cresca il numero dei contagiati, oggi se ne sono contati 3500, scende il numero dei decessi (157). Il dato confortante sono gli aumenti delle guarigioni totali nella sola giornata di oggi (500). Nel Lazio la situazione appare tutto sommato sotto controllo. Infatti rispetto a ieri, sono soltanto 80 i nuovi contagiati.

Ore 16:00 Bergamo, muore un operatore del 118. La Ferrari chiude sino al 27

Un operatore tecnico del 118 di Bergamo, in servizio alla Soreu, la centrale operativa dell’ospedale Papa Giovanni XXIII, ospedale al centro dell’emergenza coronavirus, è morto la notte scorsa dopo essere stato contagiato dal Covid-19. Aveva 47 anni. Già alcune notti fa la centrale era stata chiusa e sanificata, anche perché altri operatori avevano accusato sintomi ed erano stati a casa. Le chiamate erano state dirottate ad altre centrali lombarde. Intanto anche la Ferrari sospende la produzione a causa della pandemia da Coronavirus. Il Cavallino ha comunicato oggi che le attività sono sospese con effetto immediato e fino al 27 marzo.

Ore 12:00 Si attende il superdecreto, Apple chiude tutti i negozi fuori dalla Cina

Stop alle scadenze fiscali di lunedì per tutti, già assicurato. In arrivo anche ammortizzatori sociali, congedi speciali, sostegno alla liquidità delle imprese e nuove misure per aiutare il servizio sanitario. Il governo tenta di stringere e lavora a una sorta di ‘superdecreto’ che potrebbe accogliere anche i tanti suggerimenti presentati dai ministeri. Intanto, a causa del coronavirus, Apple chiude tutti i suoi negozi nel mondo, a eccezione dei 42 Store in Cina che la compagnia ha riaperto ieri.

Ore 11:30 Raggiunta l’intesa tra sindacati ed imprese

Raggiunta l’intesa tra sindacati e imprese. Dopo un lungo confronto andato avanti nella notte, anche in videoconferenza con il governo, è stato firmato il “protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”. “Sappiamo che il momento è difficile e sappiamo che i lavoratori e le lavoratrici italiane sapranno agire e contribuire, con la responsabilità che hanno sempre saputo dimostrare, nell’adeguare l’organizzazione aziendale e i ritmi produttivi per garantire la massima sicurezza possibile e la continuazione produttiva essenziale per non fermare il Paese“. Così Cgil, Cisl e Uil, dopo la firma del protocollo.

Ore 10:30 Positivi al Coronavirus anche Pezzella e Cutrone della Fiorentina

Dopo Vhlaovic, sono risultati positivi al Coronavirus anche German Pezzella e Patrick Cutrone della Fiorentina.

Ore 9:30 rinviata Germania-Italia del 31 marzo

È arrivata l’ufficialità del rinvio dell’amichevole tra Germania e Italia in programma il prossimo 31 marzo a Norimberga. (Qui il tweet della nazionale italiana).

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 13 marzo

Ore 21:00 Trump: “Negli USA emergenza nazionale”

Donald Trump, in una conferenza stampa indetta in serata, ha dichiarato il coronavirus emergenza nazionale negli Stati Uniti. Finora i casi sono stati più di 1.900 casi con almeno 41 morti. Il Presidente ha affermato: “Gli Usa sconfiggeranno la minaccia del coronavirus, saremo in grado di garantire più posti letto. Tutti gli ospedali si tengano pronti”.

Ore 18:30 Il punto del giorno e i dati aggiornati dalla Protezione Civile

Il commissario per l’emergenza, Angelo Borrelli, è intervenuto nella quotidiana conferenza stampa indetta dalla Protezione Civile per aggiornare il bollettino e i dati sul coronavirus in Italia. Come dichiarato “sono 14.955 i malati di coronavirus in Italia, 2.116 in più di ieri, mentre il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 17.660. Nel Lazio sono 242 i malati, 70 più di ieri. Quanto alle vittime 11 nel Lazio, 2 più di ieri. Sono 1.266 i morti per coronavirus in Italia, 250 in un solo giorno, secondo i dati forniti dalla Protezione civile. Ieri l’aumento era stato di 189 decessi. Sono 1.439 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 181 in più di ieri.

Ore 18:00 Il flash mob degli italiani contro il Coronavirus

Gli italiani combattono il Coronavirus unendosi, anche mantenendosi l’uno distante dall’altro. Puntuali, alle ore 18:00, l’Italia si è incontrata all’aria aperta, sui balconi. In tutta la penisola ci si è emozionati sulle note dell’Inno d’Italia e poi della musica propria di ogni territorio. Stornelli, canzoni popolari, semplici stereo lasciati ad alto volume. Un flash mob nato sui social e diventato reale grazie ai tanti cittadini che hanno aderito all’iniziativa.

Ore 17:30 Nuovo bollettino dell’Oms: 5000 morti per Covid-19

Cresce di ora in ora l’emergenza in tutta Europa a causa del coronavirus. Mentre la Cina sta gradualmente uscendo da questo incubo il nostro continente è alle prese con il continuo aumento del numero di contagiati. L’Oms (organizzazione mondiale della sanità) ha infatti individuato nell’Europa, ora, l’epicentro della pandemia. Sale anche il numero di morti globali a causa del virus che, come reso noto dal direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha superato quota 5000. Più di 132 mila invece i casi di Covid-19 segnalati.

Ore 16:30 Sospesa anche la Bundesliga

Mancava solo la Germania all’appello ma ora è arrivata l’ufficialità. Anche la Bundesliga si ferma a causa del coronavirus. Tutti i principali campionati europei sono ora sospesi, oltre alle competizioni UEFA.

Ore 15:30 La Spagna dichiara lo stato di emergenza

È arrivata dalla Spagna la dichiarazione dello stato d’allerta. Continuano infatti ad aumentare i casi positivi al coronavirus e per cercare di tamponare l’epidemia sono state indette delle misure restrittive. Come reso noto dai media spagnoli, tale disposizione consentirebbe di limitare temporaneamente la circolazione delle persone.

Ore 14:30 Le parole della sindaca Raggi

Intervenuta a SkyTG24 la sindaca di Roma Virginia Raggi ha reso noti alcuni interventi di sanificazione straordinaria nella capitale. Ecco le sue parole.

“Abbiamo avviato una sanificazione straordinaria riguardante autobus, tram, metropolitane. Per sanificazione s’intende una pulizia con prodotti specifici, presidi medico-chirurgici che abbattono la carica virale. Sono state sanificate strade, cassonetti, centri anziani e scuole, abbiamo avviato da subito azioni importanti per sanificare.”

Ore 13:50 La Francia chiude scuole e università

Anche la Francia costretta a provvedimenti straordinari a causa dell’espandersi del COVID-19. Le scuole e le università sono state chiuse, dopo che già erano stati sospesi i campionati di Ligue 1 e Ligue 2. Sono circa 3mila i casi registrati nel Paese.

Ore 13:30 Si fermano tutti i principali campionati europei

Oltre alla Liga spagnola, che ha deciso di fermarsi ieri, anche gli altri campionati europei stanno andando verso questa direzione. Sono stati sospesi infatti la Ligue 1 in Francia, la Premier League in Inghilterra e la Scottish Premier League in Scozia. Si va verso lo stop anche in Germania ma solo al termine di questa giornata che intanto verrà disputata a porte chiuse.

Ore 11:30 Coronavirus, UFFICIALE: sospese Champions ed Europa League

Dopo la decisione di Serie A e Liga di interrompere momentaneamente il campionato, anche l’UEFA ha ufficialmente sospeso le proprie competizioni per club.

Ore 11:00 Coronavirus, Macron: “È la più grande crisi sanitaria da un secolo”

 Il primo ministro francese Emmanuel Macron ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “È la più grave crisi sanitaria che la Francia abbia conosciuto da un secolo”. Ed anche in Francia via all’ordinanza di scuole ed università chiuse

Ore 09:30 Coronavirus, Hudson-Odoi del Chlesea positivo

Dopo i primi casi in Serie A, arrivano anche quelli in Premier League. Il classe 2000 del Chelsea Hudson-Odoi è infatti risultato positivo al tampone per il Covid-19

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 12 marzo

Ore 21:30 Coronavirus, 121 membri della Juventus in isolamento

Dopo la notizia della positività di Daniele Rugani, sono 121 tra squadra, staff tecnico, dirigenti, accompagnatori e dipendenti della società ad essere in isolamento.

Ore 19:10 Coronavirus, paura per tre calciatori del Leicester

Tre calciatori del Leicester mostrano i sintomi del coronavirus, scatta la quarantena precauzionale. La Premier League intanto dovrebbe giocare regolarmente nel prossimo weekend.

Ore 18:15 Coronavirus, 2.249 contagi nella giornata di oggi

La Protezione Civile ha comunicato i dati odierni odierni del coronavirus. In totale in Italia ci sono 12.839 casi (2.249 solo oggi) e 1.016 deceduti (189 in più rispetto a ieri). I guariti di oggi invece sono 213 e in totale 1.258.

Ore 15:30 Sampdoria, Gabbiadini positivo

Arriva il secondo caso di Coronavirus in Serie A: Dopo Rugani, Manolo Gabbiadini della Sampdoria è stato trovato positivo al COVID-19.

Ore 14:00 Si ferma la Liga, Uefa verso lo stop di Champions ed Europa League

Dopo la Serie A, a fermarsi è anche la Liga che ha bloccato le gare per i prossimi due weekend. Anche la Uefa starebbe pensando di sospendere le proprie competizioni.

Ore 9:35 Tre positivi a Cuba: sono italiani

Primi casi anche a Cuba. Si tratta di tre turisti italiani, nessuno in pericolo di vita. Lo ha confermato il Ministro della Saluta dell’isola.

Ore 9:30 Cina: “Picco superato”

La Cina ha annunciato di aver superato il picco dell’epidemia di Coronavirus. Lo ha reso noto Mi Feng, portavoce del ministero della Salute cinese, citato dal New York Times: “Il picco dell’epidemia in Cina è già passato, il numero di nuovi casi continua a diminuire”. Solo 15 nuovi casi e 11 decessi nelle ultime 24 ore in Cina.

Ore 8:00 Trump blinda gli USA

Nella notte, Donald Trump ha deciso di chiudere le frontiere all’Europa per 30 giorni a partire da venerdì. Il presidente degli Stati Uniti lo ha chiamato il “Virus straniero”.

Ore 8:00 Rugani positivo, la Nba si ferma

Arrivano due importanti notizie dal mondo dello sport. Daniele Rugani, difensore della Juventus, è risultato positivo al Coronavirus. Squadra in quarantena, così come l’Inter che domenica ha giocato all’Allianz Stadium. Sospesa, poi, anche l’Nba: Rudy Gobert, giocatore degli Utah Jazz, positivo al Covid-19.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti dell’11 marzo

Ore 18:30 La conferenza stampa di Borrelli

Il commissario per l’emergenza, Angelo Borrelli, è intervenuto nella quotidiana conferenza stampa indetta dalla Protezione Civile per aggiornare il bollettino e i dati sul coronavirus in Italia. Come dichiarato, “sono 1.045 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il virus, 41 in più di ieri. Sono 10.590 i malati di coronavirus in Italia, 2.076 in più di ieri, mentre il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 12.462. Le vittime sono complessivamente 827: rispetto a ieri sono 196 in più. Borrelli ha poi spiegato che “i dati della Lombardia erano parziali e oggi abbiamo numeri che fanno sì che i dati possano apparire come un numero elevato, ma in realtà la crescita odierna è nel trend dei giorni scorsi”.

Ore 18:00 L’OMS dichiara la pandemia

“Abbiamo valutato che il COVID-19 può essere caratterizzato come una situazione pandemica”. Lo ha annunciato il capo dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus nel briefing da Ginevra sull’epidemia di coronavirus. “L’Oms ha valutato questa epidemia giorno dopo giorno e siamo profondamente preoccupati sia dai livelli allarmanti di diffusione e gravità, sia dai livelli allarmanti di inazione. Nei giorni e nelle settimane a venire prevediamo un aumento del numero di casi, del numero di morti e del numero di Paesi colpiti”.

Ore 17:30, cancellazione voli da e per l’Italia

Cresce di ora in ora il numero di Paesi e compagnie aeree che stanno cancellando tutti i voli da e per l’Italia. Oltre al Portogallo, ultimo in ordine cronologico, anche Danimarca, Austria, Ungheria, Albania, Marocco, Tunisia, Giappone, Malta, Turchia e Canada hanno annullato tutti o in gran parte i voli da e per il nostro Paese. Tra le compagnie aeree Klm ha sospeso tutti i voli per Milano, Napoli e Venezia fino al prossimo 3 aprile, Brussels Airlines tutti i suoi voli da e per l’Italia tra il 12 marzo e il 3 aprile, e la compagnia aerea nazionale finlandese Finnair ha annunciato la cancellazione di tutti i voli diretti da e per Milano e Roma tra il 12 marzo e il 7 aprile. Tutte le disposizioni introdotte dai singoli Paesi sono disponibili sul sito della Farnesina.

Ore 12:00, la conferenza stampa di Giuseppe Conte

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha tenuto stamane una conferenza stampa in cui ha affrontato diverse tematiche. Oltre alle misure prese per far fronte all’emergenza, il premier si è soffermato anche sul campionato di Serie A. Ecco un estratto.

Misure più restrittive

“L’atteggiamento del governo è di nessuna chiusura verso eventuali misure più restrittive. Siamo disponibili a seguire l’evolversi del contagio, la curva epidemiologica, e a valutare le richieste che ci dovessero pervenire dalla Lombardia o dalle altre regioni. Accanto all’obiettivo prioritario della tutela della salute, dobbiamo tener conto che ci sono libertà civili e la libertà di impresa. Dobbiamo sempre procedere con attenzione. Vedo sondaggi che dicono che la maggioranza degli italiani è favorevole a misure più restrittive. Stiamo attenti: non affidiamoci a istanze emotive. Non vorrei che si levasse un dibattito pubblico che chiede in modo parossistico misure sempre più restrittive e domani accorgerci che gli altri interessi in gioco non rimarrebbero più in piedi, che sarebbero stati completamente conculcati”.

Sullo stop totale richiesto da Fontana

“Ieri in Protezione civile c’è stata una videoconferenza con i governatori del territorio ho dato mandato al ministro della Salute Roberto Speranza di sollecitare il governatore della Lombardia Attilio Fontana a formalizzare le sue richieste di stop totale, motivandole”.

Ore 10:40, l’epidemia in Italia non è arrivata direttamente dalla Cina

Stando a quanto riporta La Repubblica, uno studio dell’Istituto superiore sanità avrebbe individuato che nessun caso dell’epidemia di Coronavirus che si sta diffondendo in Italia in questo momento ha a che fare direttamente con la Cina. I tre malati, due turisti e un italiano rientrato da Wuhan, che si sono infettati in quel Paese sono infatti stati isolati e non hanno trasmesso a nessuno la malattia. 

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 9 marzo

Ore 21:50, l’Italia diventa zona rossa

Tutta l’Italia diventa zona rossa. Fino al 3 aprile divieto di disputare competizioni sportive e chiusura di scuole e università di qualunque ordine e grado. (Qui l’intervento di Conte).

Ore 21:15, tra pochi minuti la comunicazione ufficiale di Conte

Tra pochi minuti il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte comunicherà a tutto il paese le decisioni d’urgenza per arginare la diffusione del COVID-19.

Ore 20:00, il bollettino sul Coronavirus

Il contagio non si ferma. Ad oggi la situazione vede un aumento di 1598 casi che porta il conto degli italiani attualmente positivi al coronavirus a 7985 persone. Di questi 733 sono ricoverati in terapia intensiva più altri 4316 ospedalizzati con sintomi: si tratta di 5049 degenti totali. 2936 si trovano invece in isolamento domiciliare. Sono invece 102 i pazienti guariti nelle ultime 24 ore, che porta il totale dei guariti a 724, ieri erano 622. I pazienti deceduti sono 463 (ieri erano 366) su un totale di 9172 casi contagiati totali (ieri erano 7375).

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti dell’8 marzo

Ore 18:30, nuovo bollettino della Protezione Civile

Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli è intervenuto in conferenza stampa per il consueto bollettino giornaliero sul coronavirus. Rispetto alla giornata di ieri sono 133 i decessi e 33 i guariti in più in Italia, per un conteggio totale che sale a 366 morti e 622 guariti. Sono 6.387 invece i contagiati con un aumento di 1.326 persone rispetto a ieri.

Ore 13:30, la Lega Calcio dà il via libera alla 26esima di campionato

Dopo un’attenta valutazione, la Lega Calcio ha deciso di far disputare regolarmente le partite in programma per oggi, compreso il big match di stasera tra Juventus e Inter.

Ore 11:20 Trovato positivo il presidente del Novara Calcio

Arrivano i primi casi di Coronavirus anche nel mondo del calcio italiano. Il presidente del Novara Maurizio Rullo è risultato positivo all’analisi per il COVID-19. Di seguito il comunicato del club piemontese.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 7 marzo

Ore 21:30 Bozza dpcm: stop entrate e uscite dalla Lombardia

La bozza del dpcm, che dovrebbe essere ufficializzato nelle prossime ore, prevede di “evitare in modo assoluto ogni spostamento in entrata e in uscita” nella Lombardia e in 11 province di Veneto, Emilia Romagna, Piemonte e Marche dall’8 marzo al 3 aprile. Le province in questione sono quelle di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria. È consentito il passaggio solo per “indifferibili esigenze lavorative o emergenze”. Questa decisione permetterebbe comunque alla Serie A di andare avanti.

Ore 18:30 Nuovo bilancio Protezione Civile: 5.061 positivi

Sale a 5.061 il numero dei malati per coronavirus in Italia, 1.145 in più rispetto a ieri, e 233 i morti, 36 in più. Il nuovo dato è stato fornito dal commissario Angelo Borrelli nella conferenza stampa alla Protezione Civile. Sono 567 i malati ricoverati in terapia intensiva, 105 in più rispetto a ieri. Di questi ben 359 sono in Lombardia, che ha avuto un incremento in un giorno di 50 casi. Sono invece 2651 i malati con sintomi ricoverati e 1843 quelli in isolamento domiciliare.

Ore 15:00 Coronavirus, Gravina e l’ipotesi di sospendere il campionato

A causa della continua emergenza che sta colpendo l’Italia, gli organi decisionali prendono in considerazione tutte le ipotesi per tutelare la salute della popolazione. Gabriele Gravina, Presidente della FIGC non esclude una possibile sospensione del campionato in caso un giocatore risulti positivo. (Qui le sue parole)

Ore 13:00 Coronavirus, Zingaretti positivo al tampone

Risulta positivo al tampone Nicola Zingaretti, segretario del PD. (Qui la news)

Ore 9:00 Coronavirus, ipotesi estensione zona rossa

L’emergenza Coronavirus in Italia non si ferma, sebbene per gli esperti siamo ancora lontani dal picco. La situazione è particolarmente critica in Lombardia, dove potrebbe estendersi la zona rossa, per ora limitata a Codogno e agli altri comuni della bassa lodigiana. In particolare sono due i centri che il governo pensa di isolare con l’invio di 250 tra poliziotti, carabinieri e militari dell’esercito: Alzano e Nembro, nella provincia di Bergamo. Inoltre news per le scuole: difficilmente lunedì 16 marzo gli studenti torneranno sui banchi. I consulenti del ministero della Sanità reputano scontata una proroga dei lucchetti sino almeno ad aprile, quando è atteso il picco dell’epidemia di coronavirus.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 6 marzo

Ore 18:45 Coronavirus, il bollettino ufficiale della giornata

Nel quotidiano bollettino della Protezione civile, il commissario a capo dell’emergenza Borrelli ha comunicato che ieri ci sono stati 49 morti, facendo così salire il numero delle vittime a 197. I guariti, invece, sono 523. Al momento sale a 4.636 il numero dei contagi in Italia.

Ore 18:00 Coronavirus, Arbitri italiani esclusi da Champions ed Europa League

È arrivata la decisione della UEFA di escludere gli arbitri italiani dalla direzione delle gare di andata degli ottavi di finale di Europa League e Champions League. (Qui la notizia)

Ore 11.20 Coronavirus, Damiano Tommasi preoccupato per l’Europeo

Intervenuto ai microfoni dell’ANSA, il presidente dell’Assocalciatori Damiano Tommasi ha chiesto di monitorare la situazione del coronavirus anche in vista dell’Europeo, che secondo lui potrebbe essere anche rinviato: clicca qui per leggere le sue dichiarazioni.

Ore 08:45 Coronavirus, prima vittima a Roma

C’è una prima vittima a Roma, lo comunica l’Ospedale San Giovanni Addolorata. Si tratta di una paziente cardiopatica che è stata trovata positiva al test sul coronavirus. “Stante il complesso quadro clinico è possibile affermare che la donna sia deceduta ‘con’ il COVID-19 e non a causa dello stesso”, presicsa l’ospedale.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 5 marzo

Ore 20:00 Coronavirus, a Norimberga è stato chiesto l’annullamento di Germania-Italia

Come ha riferito la Bild pochi minuti fa, la città di Norimberga non vuole ospitare l’amichevole tra Germania e Italia, in programma il 31 marzo. Infatti, l’amministrazione locale prevede l’arrivo di molti tifosi dal Nord Italia, uno dei focolai del Coronavirus. Una risposta definitiva però si avrà soltanto nella giornata di mercoledì prossimo.

Ore 19:30 Coronavirus, il discorso di Sergio Mattarella

Continua l’emergenza del Coronavirus e a tal proposito è intervenuto con un discorso alla Nazione il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. (Qui il discorso completo)

Ore 18:00 Coronavirus a Roma, si registra un morto sospetto al San Giovanni. Nel Lazio salgono a 44 le persone contagiate

Si aggrava anche nel Lazio la situazione per quanto concerne l’emergenza del Coronavirus. Poco fa la notizia – come riporta Il Messaggero – di un uomo che è morto all’ospedale San Giovanni. Nel frattempo si registrano nuovi casi di contagio in altri ospedali e di conseguenza la quarantena di medici e infermieri. Si sono registrati fino ad ora 44 casi nel Lazio: 20 i ricoveri, di cui 7 in terapia intensiva, mentre 14 sono quelli in isolamento domiciliare. Sono i 3 i guariti fino ad oggi.

Ore 10:30 Primi casi in Valle D’Aosta, Di Maio: “Dimostriamo di essere un Paese forte e consapevole”

Il Coronavirus è arrivato anche in Valle D’Aosta, unica regione italiana che al momento non registrava casi. A comunicarlo la Presidenza della regione che aggiunge che i tamponi sono stati inviati all’Istituto superiore di sanità per la conferma. Gli esami effettuati ieri su due pazienti presi in carico dal Servizio sanitario regionale sono risultati positivi. Le persone risultate positive manifestano sintomatologie lievi. I pazienti appartengono allo stesso nucleo familiare. Intanto, su Facebook, il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, scrive: “A noi tutti, istituzioni e politica, dico: abbassiamo i toni, evitiamo colpi di testa e agiamo con la massima lealtà verso lo Stato. Diamo un esempio di serietà anche all’estero, dimostriamo di essere un Paese forte e consapevole“. Il bilancio aggiornato parla di 107 morti, 3089 casi di positività e 276 persone guarite.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 4 marzo

Ore 19.00: Conte: “Scuole chiuse per evitare che il sistema sanitario vada in sovraccarico”

“Per il governo non è stata una decisione semplice, abbiamo deciso di sospendere le attività didattiche da domani al 15 marzo”, ha detto il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina parlando a Palazzo Chigi. “Noi della trasparenza abbiamo fatto sempre la nostra regola d’azione”, dice il premier Conte spiegando che stamattina “era stato chiesto al comitato tecnico-scientifico un ulteriore approfondimento”. Per questo “la notizia che è fuoriuscita è stata totalmente improvvida”. Perché la chiusura delle scuole? “Perché in questo momento siamo concentrati ad adottare tutte le misure di contenimento diretto del virus o di ritardo della sua diffusione perché il sistema sanitario per quanto efficiente e eccellente rischia di andare in sovraccarico” in particolare “per la terapia intensiva e sub-intensiva”, dice Conte.

Le parole di Laura Castelli ed Elena Bonetti

“Ci stiamo muovendo con la massima celerità e determinazione a tutela dei lavoratori pubblici e privati. È in fase di definizione una norma che prevede la possibilità per uno dei genitori, in caso di chiusura delle scuole, di assentarsi dal lavoro per accudire i figli minorenni. Ne ho già parlato con il Ministro Gualtieri e gli altri competenti”, ha detto Laura Castelli. “Sappiamo che la chiusura delle scuole comporta la necessità di riorganizzare la vita familiare. Ho già proposto misure di sostegno e aiuto alle famiglie: sostegno economico per le spese di babysitting e estensione dei congedi parentali per le lavoratrici e i lavoratori. Una particolare attenzione la dobbiamo alle famiglie del personale sanitario che è mobilitato a servizio di tutta la popolazione. Sono certa che sapremo mettere in campo rigore e serietà”. Lo afferma Elena Bonetti, ministro le la Famiglia.

Ore 18.30: scuole chiuse fino alla metà del mese

Ora è finalmente ufficiale. Lo hanno confermato il Premier Conte e il ministro dell’istruzione, Lucia Azzolina, in conferenza stampa a Palazzo Chigi: le scuole italiane, così come le università, resteranno chiuse da giovedì 5 marzo fino alla metà del mese. Risolto anche questo caso.

Ore 14:00 Azzolina: “Ancora nessuna decisione sulle scuole”

Il ministro Azzolina ha dichiarato che è stato chiesto un approfondimento al comitato tecnico-scientifico per prendere una decisione sull’eventuale chiusura delle scuole. Tutto fa credere che alla fine si vada in questa direzione anche se manca ancora l’ufficialità che è attesa nelle prossime ore.

Ore 13:00 Rinviata Napoli-Inter di Coppa Italia

È ufficiale anche il rinvio dell’altra semifinale di Coppa Italia Napoli-Inter a data da destinarsi. La notizia era nell’aria e ora la Lega ha reso la decisione ufficiale.

Ore 8:00 Il Premier Conte: “Non è da escludere una chiusura totale delle scuole”

Il premier Giuseppe Conte, dopo aver parlato con i rappresentanti delle forze politiche, chiamati a Palazzo Chigi per un confronto sull’emergenza sanitaria, questa mattina incontrerà i ministri. Conte ha detto che “La nostra linea è improntata alla massima trasparenza, vogliamo coinvolgere le Regioni, ma dobbiamo stare attenti a non discostarci dalle linee guida degli scienziati. L’attenzione è massima, stiamo prendendo delle decisioni che incidono sullo stile di vita degli italiani e siamo ancora in una situazione di allarme, secondo i dati scientifici. Il contagio potrebbe anche estendersi, non sappiamo quando raggiungeremo il picco. Sarà la Lega Calcio a decidere se giocare a porte chiuse o rinviare le partite. Inoltre non possiamo escludere in assoluto la chiusura totale delle scuole, anche se non è stata ancora chiesta dagli scienziati”.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 3 marzo

Ore 18:00

Salgono a 2263 i contagi in tutta Italia e di conseguenza, come si temeva, aumentano anche le morti. Per il momento sono 79 i decessi.

Ore 10:30 Anche EURO 2020 a rischio

È previsto per oggi il 44′ Congresso dell’Uefa che sarà l’occasione giusta per discutere del problema coronavirus per il prossimo Europeo. Tra i paesi coinvolti in cui si dovrebbero disputare le partite, solo l’Ungheria presenta 0 casi legati al coronavirus. Il presidente Ceferin a 100 giorni dall’inizio del torneo farà il punto della situazione valutando bene ogni ipotesi. (NEWS COMPLETA)

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 2 marzo

Ore 22:00 Salgono a 1835 i contagiati

Secondo quanto il dato fornito dal commissario Angelo Borrelli il dato dei contagiati in Italia è salito a 1835. A questi vanno aggiunti i 149 guariti (66 in più rispetto a ieri) e i 52 morti (18 in più di ieri).

Ore 16.30 Medici Roma: “Nessun focolaio nella Capitale”

A seguito dei 12 contagi nel Lazio, il Presidente dell’Ordine dei medici di Roma Antonio Magi ha dichiarato: “Qui a Roma abbiamo fatto delle riunioni per preparaci a situazioni come quelle che si stanno verificando. La cosa importante da dire è che parliamo di persone infette che sono venuti a contatto con soggetti dei focolai del nord. Sono casi importati, non ci sono casi di focolai a Roma. A Roma abbiamo posti letto e non siamo in emergenza”.

Ore 13 Roma, positivo al primo test un agente della Questura

Un agente della Questura di Roma è risultato positivo al primo test per Coronavirus. Adesso sono attese conferme dal secondo test effettuato allo Spallanzani. L’agente, come riportato da Il Messaggero, era assente dal lavoro dal 25 febbraio per sintomi influenzali. Il contagio potrebbe essere arrivato a seguito di una visita di un amico proveniente da una delle zone della Lombardia da cui si è diffuso il Coronavirus.

Coronavirus Italia, news e aggiornamenti del 29 febbraio

Ore 18:30 Le cifre del contagio aggiornate

Il bollettino medico della Protezione Civile aggiorna i numeri sul contagio del Coronavirus. In Italia sono 1128, metà dei quali sono sostanzialmente senza sintomi, e sono saliti a 29 i decessi. Per questo si è deciso di prolungare di una settimana la chiusura delle scuole in Lombardia, Veneto e Emilia Romagna. Verso la totale riapertura le altre regioni che la settimana scorsa avevano deciso di sospendere le lezioni preventivamente (Piemonte, Liguria, Friuli Venezia Giulia e Marche).

Ore 10:00 Lega Calcio, ipotesi rinvio per Juventus-Inter

La Lega calcio starebbe valutando l’ipotesi di slittamento di 5 gare, tra le quali il big match della 26esima giornata di Serie A, tra Juventus e Inter. (NEWS COMPLETA)

Ore 00:05 Gli Stati Uniti sconsigliano i viaggi in Italia

Gli Stati Uniti hanno consigliato i cittadini americani di non partire per l’Italia a causa dell’emergenza coronavirus. Anche il nostro Paese sale al livello “3” di allerta, dopo Cina e Corea de Sud.

28 febbraio

Ore 23:55 Coronavirus Italia: aggiornamento sul numero dei contagiati

Come riporta il bollettino della Protezione Civile, i casi di Coronavirus riscontrati in Italia sono 821. Al momento i decessi sono 21, mentre 46 persone sono già guarite.

Ore 23:40 Scuole chiuse per coronavirus, nessun rischio bocciatura per gli studenti

Come riferisce l’Ansa, gli studenti delle scuole chiuse non perderanno l’anno scolastico. Nel decreto sul Coronavirus, infatti, è stata inserita una norma del Ministero dell’Istruzione che deroga al limite dei 200 giorni minimi per la validità dell’anno scolastico. 

Ore 21:45 Primo caso di Coronavirus nel Lazio

La notizia arriva dall’Istituto Nazionale Malattie Infettive Spallanzani di Roma, attraverso un comunicato. “L’esito dei test dall’Istituto Spallanzani effettuati in data odierna conferma un caso di positività al COVID-19. I test sono stati inviati all’Istituto Superiore di Sanità (ISS) per la convalida”. La donna risultata positiva era di ritorno da Bergamo, dove era andata a trovare dei parenti. Accusando dei sintomi influenzali, ha subito avvisto la Asl di competenza. Ora si trova in “isolamento” con il resto della famiglia ed è in buone condizioni di salute.

Ore 19:00 Emergenza coronavirus, l’Uefa monitora la situazione in vista di Euro 2020

Secondo il The Independent, anche l’Uefa è in contatto con i principali ministri per tenere sotto controllo la situazione in vista di Euro 2020. Al momento non c’è nessun cambiamento, ma non sono da escludere variazioni nelle prossime settimane o nei prossimi mesi.

Ore 18:15 Confermati quattro casi di coronavirus in Serie C

Quattro casi confermati in Serie C. La Pianese ha svolto il tampone per i propri tesserati e sono risultati positivi tre calciatori e un collaboratore.

26 febbraio

Ore 18:30 – Sale a 400 il numero dei contagiati in Italia, 8 dei quali sono minorenni. “Abbiamo 258 contagiati in Lombardia, 71 in Veneto, 47 in Emilia Roma, 11 in Liguria, 3 in Piemonte, Lazio e Sicilia, 2 in Toscana, 1 nella provincia di Bolzano“, ha detto Borrelli. In serata arriveranno le mascherine destinate agli operatori sanitari, distribuite dalla protezione civile nelle regioni interessate dal coronavirus. Per quanto riguarda i bambini contagiati, 7 risiedono in Lombardia, 1 in Veneto. “Due sono stati dimessi e due sono in ospedale ma stanno bene, tutti provengono dalla zona di Codogno“, ha detto all’Adnkronos Salute Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia.

AGGIORNAMENTO ORE 14:00 – Sale a 12 il numero delle vittime da coronavirus in Italia. L’ultima è un uomo di Lodi di 69 anni, con patologie respiratorie pregresse, morto in Emilia Romagna. Sale a 4 invece il numero di bambini contagiati, tutti in Lombardia. Alla già nota bimba di 4 anni se ne aggiungono due di 10 anni e un ragazzo di 15.

AGGIORNAMENTO ORE 12:00 – Anche l’Atalanta ha annullato la conferenza stampa di Gian Piero Gasperini in programma sabato prima del match di campionato contro il Lecce. I bergamaschi faranno parlare il tecnico solo ai microfoni ufficiali della società.

AGGIORNAMENTO ORE 11.40 – L’Inter conferma che la partita contro il Ludogorets, che si giocherà domani sera alle 21 a San Siro a porte chiuse, e le conferenze stampa della vigilia sono accessibili sono ai broadcaster ”rightsholders” in possesso di pass UEFA.

AGGIORNAMENTO ORE 11 – Coronavirus, in Italia contagiata la prima bimba: ha 4 anni
La bimba di Castiglione d’Adda è risultata positiva: il contagio potrebbe essere avvenuto nell’ospedale di Codogno. Ora è confinata a casa, ma sta bene.

AGGIORNAMENTO ORE 8.00 – E’ di 325 contagiati di cui 11 morti il bilancio del coronavirus in 9 regioni d’Italia: 240 casi con 9 vittime in Lombardia; 45 casi con 2 morti in Veneto; 26 casi in Emilia Romagna; 3 in Piemonte, Lazio e Sicilia; 2 in Toscana e Liguria; 1 in Alto Adige. Le vittime sono tutte persone anziane spesso con patologie pregresse. Attesa oggi la conferma di una positività nelle Marche.

Coronavirus, news e aggiornamenti del 24 febbraio

AGGIORNAMENTO ORE 20.30 – Il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha parlato della diffusione del coronavirus ed ha annunciato: Non possiamo parlare ancora di pandemia ma solo di epidemia. Dobbiamo concentrarci sul contenimento e allo stesso tempo fare ogni cosa possibile per prepararci ad una potenziale pandemia. Ogni Paese deve fare le sue valutazioni a seconda del proprio contesto. Anche noi lo faremo, monitorando 24 ore su 24 la situazione. C’è necessità di misure cautelative, ma non di paura”.

AGGIORNAMENTO 19:00 – Salgono a 10 le vittime del Coronavirus.

AGGIORNAMENTO ORE 18 – Il Ftse Mib finale ha chiuso a quota 23.427 punti in flessione del 5,43% dopo aver toccato nel finale anche il -6%. Colpiti anche gli altri mercati europei: Francoforte ha concluso in calo del 4,01%, Parigi in ribasso del 3,94%, mentre Londra ha perso il 3,34% finale. Sono 6 le vittime, oltre 200 i contagiati.

AGGIORNAMENTO ORE 15.30 –  Il ministro per le politihe giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, ha proposto al Presidente del Consiglio lo schema DPCM, che prevede la possibilità di svolgere partite a porte chiuse nelle aree a rischio contagio da coronavirus. La decisione sarebbe stata presa già nella serata di ieri.

AGGIORNAMENTO ORE 13 – Salgono a cinque le vittime del virus. Il capo della Protezione Civile Borrelli ha appena annunciato infatti la presenza di una quinta persona deceduta in Lombardia, un 88enne di Caselle Landi, sempre nella provincia di Lodi.

AGGIORNAMENTO ORE 8.30 – Secondo fonti ufficiali della Regione Lombardia, un uomo di 84 ricoverato all’Ospedela Papa Giovanni XXIII per patologie pregresse, è morto per Coronavirus. E intanto salgono a oltre 160 i contagi in Italia; 165 solo in Lombardia.

Coronavirus, aggiornamenti del 23 febbraio

AGGIORNAMENTO ORE 17:00 – Salgono a 3 le vittime. Una donna di 77 anni è deceduta a Cremona

AGGIORNAMENTO ORE 11:30 – Arriva il rinvio anche di TorinoParma. 2 i casi di Coronavirus a Torino e per questo arriva la decisione della FIGC.

AGGIORNAMENTO ORE 11:15 – Domani alle ore 10:00, presso la sede della FIGC, ci sarà una task force di medici della Federazione per analizzare la situazione e dare indicazioni precise circa l’attività delle Squadre Nazionali. Alla riunione con Gravina, parteciperanno il Prof. Paolo Zeppilli, il Prof. Andrea Ferretti e il dott. Carmine Costabile, oltre al Prof Roberto Cauda, direttore dell’Area Clinica e dell’Unità Operativa Complessa di Microbiologia e Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma. 

AGGIORNAMENTO ORE 11:00 – Sale a 100 il bilancio degli infettati in Italia. Sono 89 quelli in Lombardia. Il presidente della Lombardia Attilio Fontana e i numeri sui contagi: positivo un 17enne in Valtellina e 2 a Torino. Fino ad ora sono oltre 50 mila persone in quarantena in 11 comuni diversi.

AGGIORNAMENTO ORE 8:00 – Proseguono i disagi a causa della diffusione del Coronavirus. Nella serata di ieri il premier Conte ha annunciato il provvedimento deciso dal ministro Spadafora di rinviare tre partite: Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari e Inter-Sampdoria.

Coronavirus, aggiornamenti del 22 febbraio 2020

Coronavirus in Italia, i primi casi a Milano e Torino

AGGIORNAMENTO ORE 18:30 – Primo caso a Torino e a Milano. Nel capoluogo lombardo è infatti risultato positivo un uomo di Sesto San Giovanni ricoverato al San Raffaele da una settimana. Ancora non è chiaro se sia collegato o meno ai contagi del Lodigiano, ma si stanno ricostruendo i movimenti e i contatti, compresi quelli durante il ricovero. A Torino un uomo di 40 anni è risultato positivo al test. Il paziente era entrato in contatto con il 38enne di Codogno alla mezza maratona di Portofino-Santa Margherita Ligure del 2 febbraio.

AGGIORNAMENTO ORE 16:30 – A Piacenza sono stati riscontrati tre casi di positività, tutti legati alla Lodigiano. Uno è l’infermiere che aveva effettuato il triage sul 38enne nell’ospedale di Codogno. Anche qui scuole chiuse, così come gli impianti sportivi pubblici e privati, fino a martedì 25 febbraio.

AGGIORNAMENTO ORE 14:20 – Il GOS decide di rinviare Ascoli – Cremonese per mancanza di misure per evitare la diffusione del virus allo stadio.

AGGIORNAMENTO ORE 12.13 – Anche lo sport segue le vicende legate al coronavirus. A tal proposito, ha parlato il presidente del CONI Giovanni Malagò il quale ha evidenziato che nelle aree colpite lo sport deve inevitabilmente fermarsi. Clicca qui per leggere le sue parole.

AGGIORNAMENTO ORE 11.53 – Arrivano informazioni sulla seconda vittima. È una donna di 78 anni di Casalpusterlengo passata al pronto soccorso di Codogno.

AGGIORNAMENTO ORE 11.08 – Cresce il numero delle persone contagiate e delle vittime. Come riporta l’Ansa, ora tra Lombardia e Veneto ci sono 29 persone contagiate. Due le vittime: ieri notte è deceduto il 78enne del Veneto, questa mattina non ce l’ha fatta una donna della Lombardia.

AGGIORNAMENTO ORE 9:32 – In Lombardia sono stati riscontrati 16 casi di persone “infettate” dal Coronavirus, ma non solo: ce ne sono anche 3 nel Lazio e 1 in Veneto. Come riporta l’Ansa un 38enne è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale di Codogno in provincia di Lodi poiché risultato positivo al test del virus. Ieri sera tardi è deceduto anche il primo italiano contagiato nei giorni scorsi, si tratta di Adriano Trevisan, anni 78. Dal mondo del calcio però non sembrano arrivare allarmismi.

Coronavirus, aggiornamenti del 21 febbraio 2020

Secondo quanto riporta l’Ansa, la Figc (in costante contatto con il Ministero della Salute) ritiene che non ci sarebbero elementi per rinviare le partite previste nel fine settimane in Lombardia. Al momento quindi non sarebbero a rischio le gare di Serie A: Brescia-Napoli, Atalanta-Sassuolo ed Inter- Sampdoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

1 commento

  1. Complimenti, veramente complimenti. La storia in Italia del coronavirus ce l’avete raccontata benissimo, con lealtà e “””sostanza””” professionale. Bravi ancora.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.