COCHI: "Legge ancora bloccata in Senato ma Lotito deve presentare il progetto"

Pubblicato 
venerdì, 19/10/2012
Di
Redazione LN
Tempo di lettura: 2 minuti
(Getty Images)

COCHI SULLA LEGGE STADI - Intervenuto ai microfoni di Radio Sei, Alessandro Cochi delegato allo Sport della Capitale è tornato a parlare della legge sugli stadi e degli impianti di Lazio e Roma: La Legge sugli stadi è bloccata al Senato e li rischia di rimanere, ciò non toglie, che si potrebbero usare strumenti di legge ordinari come ha fatto la Juventus a Torino, buttando giù il Delle Alpi e costruendo lo Juventus Stadium. Per costruire uno stadio è però fondamentale che tutti gli enti siano d'accordo, dalla maggioranza all'opposizione, dalle province alle regione, ma soprattutto le sovraintendenze e le autorità di bacino, ma manca la cosa primaria, la presentazione del progetto in forma ufficiale e protocollato negli uffici competenti.  Verrà visualizzata dal Sindaco, e dall'assessore all'urbanistica, la legge avrebbe aiutato a capire qual'è la differenza tra cubatura sportiva e cubatura commerciale. E' giusto per entrambe le società di Roma pensare a strutture moderne, ma prima si deve presentare un progetto dopo aver individuato un area. Lotito e Alemanno? I rapporti tra i due sono cordiali, ma qui le prime mosse le devono fare Lazio e Roma. Se il presidente Lotito come dice vuole far vivere la lazialità sette giorni su sette in una nuova struttura, sa che deve presentare un progetto, su cui sappiamo lavora ormai da mesi. Il Sindaco ha chiamato al tavolo le due società, dandogli la possibilità di individuare un area. Ad ora sembrerebbe che la Lazio abbia scelto la via Tiberina, mentre la Roma ha una short list di tre zone, ma nessuna delle due società ci fa sapere la cubatura esatta”.

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram