Stati Generali della Natalità, Immobile: "Bello parlare della mia famiglia"

Pubblicato 
venerdì, 14/05/2021
Di
Emanuele Castellucci
lazionews-lazio-immobile
Tempo di lettura: 2 minuti

STATI GENERALI NATALITA' LAZIO - In mattinata sono iniziati gli Stati Generali della Natalità. L'evento si sta svolgendo all'interno del Foyer dell'Auditorium della Conciliazione a Roma. Papa Francesco e il Premier Mario Draghi, vista l'importanza dell'argomento, hanno deciso di aprire in presenza la prima edizione. La crescita demografica in Italia, infatti, è in forte calo. Durante l'incontro sono intervenuti diversi personaggi illustri tra cui il presidente della Lazio Claudio Lotito e Ciro Immobile, accompagnato dalla moglie Jessica.

Intervista Ciro e Jessica Immobile: sulla famiglia

"Per noi è bello poter essere qui e parlare della nostra famiglia, da papà e mamma di tre bellissimi figli. Io vengo da una famiglia numerosissima, sono cresciuto con questa cultura. Abbiamo la benedizione del Santo Padre per il quarto figlio ma dovete parlare con Jessica di questo (ride, ndr). La mia famiglia è il mio nido quando torno a casa e loro mi aspettano, è sempre un'emozione diversa. Li vedo crescere giorno dopo giorno anche se all'inizio li ho vissuti poco. Quando abbiamo avuto Michela io giocavo in Serie B, non ero in questa situazione, non sapevo cosa sarebbe successo. Era una grossa responsabilità mettere su famiglia. Genitori? Non è semplice neanche per loro, viviamo l'80% della nostra vita fuori di casa. Durante il lockdown ho vissuto veramente i miei figli, è stato strano anche per loro perché non sono abituati a vedermi quotidianamente. A me piacerebbe accompagnare i miei figli con la mano per realizzare i loro sogni, non spingerli, come hanno fatto i miei genitori con me. Questa è la responsabilità più grande".

Immobile sull'Europeo

"Lo vedo bene, sono positivo perché il gruppo c'è. Per vincere l'Europeo devi creare una famiglia, le qualità servono fino a un certo punto se non c'è l'amalgama giusta. Pellegrini? Siamo molto amici, andiamo in vacanza insieme. La sua bambina è nata insieme a Mattia, questo resta fuori dal calcio".

Jessica su Ciro come padre

"Al terzo appuntamento mi disse sarai la madre dei miei figli. Ho pensato questo mi vuole intortare, mi sembrava un po' esagerato, invece poi è andata così. Il racconto sui social? Avviene in modo naturale perché loro sono la nostra vita. I calciatori fanno i figli giovani perché andando via di casa presto sentono la mancanza della famiglia. Penso che Ciro ha sofferto la mancanza dei genitori. Lui è un papà presente nonostante il suo lavoro, è molto più severo di me. Vuole il massimo soprattutto nell'educazione, io sono un po' più morbida. È un papà e un marito meraviglioso".

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram