LAZIO, che festa! Metti una sera a cena con LOTITO. Il presidente porta la squadra di PETKOVIC da Vladimiro

Pubblicato 
martedì, 11/09/2012
Di
Redazione LN
Tempo di lettura: 2 minuti

IL CORRIERE DELLO SPORT - Brindisi e patto per la Champions. Il patron ha voluto trasmettere stima e senso del gruppo...

 

 

RASSEGNA STAMPA - (D. Rindone) - In campo con Vlado, a cena da Vlado: "Nulla è lasciato al caso..." , se la ride Lotito. Riti propiziatori e formule scaramantiche tra i segreti dell’invito fatto dal presidente. Vlado è Vladimir Petkovic. Vlado è Vladimiro, il ristorante scelto dal patron per ospitare tutta la squadra ieri a tavola. Metti una sera a cena con Lotito: "Questa è la cena, poi ci aspetta un duro dopocena..." , è in vena di battute il presidente. Il dopocena è il tour de force che attende i laziali. Sette gare in venti giorni, un’abbuffata di calcio. In alto i calici perché così si vince, stando tutti uniti. In alto i cuori laziali, nel cuore di Roma. Cena da Champions. Lotito ha riunito la famiglia alla vigilia di un periodo ricco di impegni e fascino. Il patron ha accolto tutti col sorriso, s’è complimentato per l’ottimo inizio di stagione, s’è augurato un futuro roseo. Appuntamento conviviale, invito aperto ai dirigenti, allo staff tecnico e ai giocatori, alle mogli e alle famiglie. C’erano tutti ieri sera. Mancavano all’appello solo i nazionali Klose, Lulic, Gonzalez, Alfaro e Cana e i fuori rosa. Floccari e signora sono stati i primi ad arrivare. Capitan Rocchi e Candreva, Biava e Bizzarri. Ederson accompagnato dalla moglie. Tare, vicino a lui Stankevicius. E’ il momento di Petkovic, insieme alla moglie LjiljanaKonko, Diakitè, Ciani, Cavanda e Onazi, un clan scanzonato e affiatato. E via via ecco tutti gli altri, da Carrizo e compagna a Scaloni e signora col figlioletto, da Radu e la moglie a Mauri e la fidanzata sino al solitario Kozak. Tutti a chiedersi dov’è Zarate? Attesa ripagata, Maurito c’è, con Natalie. All’appello mancano Hernanes e Dias, sono stati gli ultimi a varcare la porta del ristorante. Cin-cin collettivo a fine serata, ma prima un menu prelibato da gustare. Il gran finale: una mega torta biancoceleste, lo stemma laziale in bella vista, la scritta 1900 ornata con la crema.

,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram