Pedro: "Futuro? Ho ancora un anno di contratto con la Lazio"

Pubblicato 
martedì, 29/03/2022
Di
Arianna Botticelli
lazionews-lazio-empoli-pedro
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO INTERVISTA PEDRO FUTURO - L'impatto di Pedro Rodriguez Ledesma, per tutti semplicemente Pedro, con il mondo Lazio è stato importante. Non solo 8 gol e 4 assist messi finora a referto, ma un legame nato fin da subito con il bianco e il celeste, rinsaldato nell'ultimo derby quando lo spagnolo è stato l'unico giocatore a recarsi sotto la Curva Nord.

LEGGI ANCHE --> Zaccagni è pronto all'esordio azzurro

In una lunga intervista rilasciata a Radio Marca Tenerife, Pedro ha parlato proprio di questo, del suo rapporto con la Lazio, e di molto altro, come ad esempio il personale futuro.

Lazio, Pedro e l'intervista sul futuro professionale

"Lascio tutto aperto per il futuro, anche se è vero che ho una serie di fattori personali che complicano questa opzione. Vorrei essere più vicino a Barcellona per poter divertire di più i miei figli. È ovvio che il calcio ha queste cose negative, ovvero che limita molto la tua vita personale. Perdi molte cose a causa del calcio ed è vero che ti possano capitare momenti brutti. Devi pensare che devi mettere la felicità prima del lavoro".

Il rapporto con la Lazio

“Al momento ho ancora un anno qui alla Lazio con il mio contratto, e quando sarà finito vedrò cosa farò. Non so cosa succederà, ma per ora rimarrò qui e quando sarà finita vedrò dove andrò. Penso di avere ancora uno o due anni di calcio".

Ricordi di Barcellona

“Quando sono arrivato a La Masía è stato un momento di grande incertezza. Sono andato con i miei genitori e il coordinatore di base è venuto a cercarci. Per me è stato spettacolare arrivare lì per il test, è stato impressionante per me quello che ho vissuto lì. Essere ambidestri? Nel mio caso è il risultato di un duro lavoro. Avevo un allenatore a San Isidro che era Iván Rodríguez, che era molto pesante in questo senso così da gestire entrambe le gambe allo stesso modo”.

Una carriera da protagonista

"Sono molto contento della carriera che ho fatto. Forse ci sono più giocatori con meno numeri, ma più conosciuti grazie ai media. Non condivido quasi nulla della mia vita personale e forse può influenzarmi, ma sono calmo, do molto valore a tutto ciò che ho realizzato".

La chiosa su Tenerife

“Mi sento identificato anche con altri luoghi, ma la terra è la terra. Continuo ad essere strettamente legato all'isola. Anche con diversi progetti che ho a Tenerife. Sono consapevole di ciò che accade alle Isole Canarie. È da dove vengo e ne sono orgoglioso. Adattarsi? Per i canarini è complicato perché la vita è molto diversa. È un po' difficile adattarsi, ma col tempo finisci per farlo perché coincide con più colleghi che vengono da altre parti della Spagna".

,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram