Restiamo in contatto

INTERVISTE

Ballotta: “Reina é una garanzia, Strakosha va tutelato”

Pubblicato

il

lazionews.eu-lazio-marco-ballotta-modena-
Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO INTER BALLOTTA – Ci si avvicina sempre di più alla sfida di Sabato pomeriggio allo Stadio Olimpico di Roma. Tra i tanti temi che offre questa partita c’é ovviamente l’accoglienza che verrá data a Simone Inzaghi. Il tecnico nerazzurro dopo vent’anni gioca contro la squadra che gli ha dato tutto, che l’ha fatto diventare qualcuno nel mondo del calcio. Si é soffermato su questo anche Marco Ballotta, ex portiere di entrambe le squadre, ai microfoni di TMW News. L’ora dirigente, inoltre, ha parlato anche della situazione complicata per quanto riguarda la porta biancoceleste, dando una sua opinione su chi dovrebbe difendere i pali della Lazio.

Le parole di Ballotta

“Inizia ad essere una sfida delicata e un risultato negativo da una parte o dall’altra peserebbe. Se la Lazio sbaglia iniziano ad essere problemi seri a livello d’ambiente e qualche campanello d’allarme suonerebbe. Per Inzaghi sarà il ritorno a Roma e sarà sentita anche da parte sua: a mio parere sarà accolto positivamente. Vent’anni di Lazio tra giocatore e allenatore sono significativi. L’assenza di Acerbi si farà sentire, la difesa non è rodata ancora bene e la Lazio deve trovare un’identità. Ho visto cose egregie ma anche la partita sbagliata col Bologna e non me l’aspettavo. Per quanto riguarda la porta della Lazio, Reina può aver commesso un errore ultimamente ma resta una garanzia. E’ chiaro che il club deve fare delle scelte anche di capitale e Strakosha va tutelato. Un’opportunità a Strakosha gliela darei, per vedere se fa il definitivo salto di qualità e se si è ritrovato”.

LEGGI ANCHE: FOCUS Lazio-Inter: Inzaghi torna all’Olimpico da avversario

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.