Spalletti in conferenza: "Il nostro calcio deve fare innamorare"

Pubblicato 
venerdì, 08/09/2023
Di
Redazione Lazionews.eu
Spalletti, CT dell'Italia, in conferenza stampa
Tempo di lettura: 2 minuti

SPALLETTI CONFERENZA STAMPA MACEDONIA ITALIA- Il neo CT della Nazionale Italiana Luciano Spalletti è intervenuto nella conferenza stampa alla vigilia di Macedonia-Italia. Ecco le parole dell'allenatore degli Azzurri, emozionato in vista del debutto.

LEGGI ANCHE----> Zaccagni-Nazionale, è pace fatta: titolare con la Macedonia

Le parole di Spalletti nella conferenza stampa alla vigilia di Macedonia - Italia

Spalletti sul lavoro all' Italia

"Quella con l'Italia è una cosa che è iniziata quando il Presidente mi ha chiamato per la prima volta e non riesco a staccarmi. Sono emozionato, domani l'emozione quando sentirò l'inno ci sarà, senza dubbio. E' una cosa che mi darà lo slancio necessario per stare su questa panchina. E poi il Presidente mi ha comprato tutti i giocatori che volevo e mi ha detto che ne può prendere anche altri... Per fare questo mestiere è la migliore soluzione possibile: i calciatori li ho scelti io, non me li ha indicati nessuno, e voglio la risposta corretta".

Spalletti su Macedonia - Italia

"Domani sopra ogni altra cosa c'è un atteggiamento da tenere. Non dobbiamo mai sentirci vittime e dobbiamo andare alla ricerca di ciò di cui abbiamo parlato tutta la settimana, poi si spera sempre che il risultato sia una conseguenza. Noi abbiamo dei calciatori forti nella nostra Nazionale, abbiamo tutto ciò che ci vuole per fare un buon calcio. Bisogna essere un po' organizzati e su questo abbiamo speso molte ore del nostro tempo a Coverciano: dentro la corretta organizzazione c'è il fatto di lasciare spazio all'estro e alla fantasia del calciatori, queste cose non vanno mai ingabbiate. Nell'organizzazione la cosa difficile diventa non attaccare sempre o aspettare sempre, ma saper leggere i momenti della partita. L'importante è che tutti siano disponibili nell'essere un blocco squadra: ci saranno momenti in cui loro gestiranno la palla e noi dobbiamo essere nove giocatori al limite della nostra area. Bisogna far vedere un'idea di calcio che faccia innamorare tutti coloro che ci vogliono bene e hanno a cuore le sorti della Nazionale".

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram