CAPELLO: "Che vergogna quel derby bloccato dagli ultrà"

Pubblicato 
domenica, 26/08/2012
Di
Redazione LN
Tempo di lettura: 2 minuti

L'ex allenatore della Roma torna sull'episodio del 2004 quando la stracittadina venne rinviata...

(getty images)
 
Nell'edizione odierna, 'La Repubblica' propone un'intervista esclusiva a Fabio Capello. L'ex allenatore della Roma e attuale Ct della Russia, si racconta, svelando anche alcuni retroscena capitategli durante la sua carriera. Il ct ha avuto modo di parlare anche di Lazio e più precisamente del derby con la Roma del 21 marzo del 2004 quando un gruppo di tifosi fece sospendere e poi rinviare l match dopo la diffusione della notizia dell'uccisione di un sostenitore laziale dopo lo scontro con la polizia.
 
 Ecco gli estratti dell'intervista a riguardo dell'episodio:

 «Quello che non accetto è il ricatto degli ultrà: alcuni club sono troppo deboli e ne diventano ostaggio. La più grande vergogna della mia carriera da allenatore la vissi a Roma, dopo un´eliminazione in Coppa Italia contro l´Atalanta: gli ultrà vennero a parlare nello spogliatoio, ne dissero di tutti i colori, sembravano loro i padroni. Come quell´altra volta, quando bloccarono il Derby dell´Olimpico. O come a Marassi, quest´anno, quando hanno obbligato i giocatori del Genoa a togliersi le maglie: una scena incredibile, tristissima. Ecco, cose del genere all´estero sono impossibili».  

Il ct ha parlato anche di calcioscommesse - «Vorrei che si potesse di nuovo parlare solo di calcio, ma come si fa? Quello che è successo è terribile, inspiegabile, anche se certe decisioni mi lasciano molto perplesso. Mi piacerebbe che i giocatori capissero che hanno tutto e non possono rovinarsi la vita facendo stupidaggini: c´è stato un vuoto, questi ragazzi li abbiamo lasciati troppo soli. Noi allenatori, e anche i procuratori che ormai sono le persone a loro più vicine. Anche le famiglie, certo, ma spesso i genitori sono gli ultimi a sapere».  

CLICCA QUI PER LEGGERE LE ALTRE DICHIARAZIONI DI CAPELLO

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram