Le spine di PETKOVIC

Pubblicato 
lunedì, 20/08/2012
Di
Redazione LN
Tempo di lettura: 2 minuti

IL MESSAGGERO (G. De Bari) Hernanes e Zarate non convincono il tecnico...

 (getty images)

 

Risorse e valori aggiunti per la squadra, o problemi per l’allenatore? L’interrogativo se lo stanno ponendo i tifosi biancocelesti, a proposito di Hernanes e Zarate, dopo aver constatato la riluttanza di Petkovic a considerarli punti fermi della nuova Lazio. Tutto questo nella settimana dell’esordio in Europa League e del campionato. Per buona parte del ritiro il tecnico ha provato Hernanes al fianco di Ledesma, davanti alla difesa, in un ruolo abbastanza simile a quello che, in passato, aveva occupato con la nazionale. Gli esperimenti tattici pare non abbiano convinto Petkovic, tanto che ha preferito schierare Cana vicino all’argentino. Le parole del presidente Lotito, sull’incedibilità di Hernanes, hanno rincuorato quanti temevano una sua partenza. Ma adesso spetta a Petkovic schierare, nella posizione migliore e più funzionale, uno dei centrocampisti più interessanti e prolifici del campionato. Insieme a Klose e Zarate, anche il più talentuoso dell’organico. Pensare che il brasiliano possa diventare un problema significa mortificarne la qualità, quella che pochi possiedono e che riesce sempre a garantire la differenza in campo. Hernanes, con o senza Ederson, dovrebbe diventare uno punti di riferimento e di forza della Lazio. Un discorso analogo interessa anche Zarate. Rientrato dall’Inter, e presentatosi in ritiro tirato e ben disposto, ha subito fatto capire di volersi mettere a disposizione. Dopo aver impressionato in fase di preparazione ed essere sempre tra i migliori negli allenamenti, sembra comunque non rientrare nei piani tattici di Petkovic. Soprattutto perché il tecnico svizzero predilige il modulo con una sola punta. In questo caso, considerando Lulic il padrone della fascia sinistra, diventa difficile trovare spazio per Zarate nella formazione di partenza. Purtroppo, alla vigilia della partenza ufficiale della stagione, Hernanes e Zarate, più che delle certezze, sono delle incognite. Magari anche dei problemi. Invece la loro qualità dovrebbe assicurare alla squadra quel qualcosa in più per vincere le partite. Gli allenatori di spessore sono proprio quelli che riescono a sfruttarne al meglio le risorse tecniche, che sono improntate soprattutto alla fase offensiva. Se i calciatori più bravi diventano ostacoli, allora la strada della Lazio sarà tutta in salita.

 

 

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram