CALCIOMERCATO

Il ribaltone di Lotito: i dubbi del patron su Inzaghi e Tare

- Advertisement -
Tempo di lettura: 2 minuti
- Advertisement -

LAZIO LOTITO INZAGHI TARE – Le evoluzioni – o involuzioni, a seconda dei punti di vista – dell’infinta telenovela riguardante il rinnovo di contratto di Simone Inzaghi si sono arricchite di un ulteriore tassello. Inaspettato, per certi versi. Se fino a pochi giorni fa il nodo della questione era la volontà del tecnico piacentino di proseguire il suo matrimonio coi biancocelesti, le ultime prestazioni – e l’uscita definitiva dalla corsa Champions, sancita dalla sconfitta nel Derby – hanno in qualche modo ribaltato l’ordine dei fattori. Ora sarebbe il Presidente Lotito quello dubbioso sul futuro di Inzaghi come allenatore della Lazio per le prossime stagioni. Ma i colpi di scena non sarebbero finiti qui: anche il DS Tare, già protagonista di contrasti col Presidente nei mesi scorsi, sarebbe finito sul banco degli imputati per le deludenti scelte operate sul mercato. Ma andiamo con ordine.

Lazio, Lotito si interroga su Inzaghi e Tare

La situazione si è fatta paradossale. Per molto tempo, per lo meno da marzo, mese in cui Lotito recapitò ad Inzaghi l’ultima proposta di rinnovo sulla base di 2,5 milioni di euro annui per tre anni, il nodo della questione era la presunta volontà del tecnico di proseguire il rapporto. Non era, e forse ancora non è in discussione, da parte dell’allenatore, la questione economica. Quanto i programmi di rafforzamento della società, della crescita di un progetto vincente. Vi abbiamo già raccontato in questo articolo i pericoli di una Lazio fuori dalla Champions in merito ad una ridotta operatività sul mercato. Rumors provenienti dalla tifoseria laziale parlavano del serio rischio di un dietrofront di Inzaghi che, già scontento del precedente mercato, avrebbe potuto puntare i piedi in caso di diminuita liquidità da investire. Ebbene, ora i termini sembrano essersi rovesciati. Lotito non ha digerito nè le utlime prestazioni nè tantomeno il Derby perso in quel modo. Il numero uno capitolino si starebbe interrogando se davvero Inzaghi sia arrivato alla fine del suo pur ultrapositivo percorso con la Lazio.

Le voci sui possibili successori

Da sabato sera impazzano le voci su presunti nuovi candidati alla panchina biancoceleste. Contestualmente, starebbero (ri)prendendo piede le indiscrezioni su un rinnovato interesse della Juve nei confronti del tecnico. Per la guida tecnica della Lazio i nomi sono sempre quelli caldeggiati all’epoca della trattativa in stato embrionale tra patron ed allenatore: Sinisa Mihjalovic e Rino Gattuso. Tramontata definitivamente l’ipotesi Luca Gotti, il tecnico dell’Udinese. Quel che è certo è che i prossimi saranno giorni caldi negli uffici del Presidente. Lotito vuole programmare il futuro con un certo anticipo. E vuole essere certo che Inzaghi sia davvero l’uomo giusto per ripartire di slancio. Nessuno si sente però ora di poter escludere un doppio ribaltone: via Inzaghi e via Tare. A quel punto la rivoluzione sarebbe realtà.

Alessio Cherubini

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI