CONFERENZA GATTUSO MILAN LAZIO – Il Milan non perde il primato in casa contro la Lazio e Gattuso può esultare grazie al rigore realizzato da Kessie. Il tecnico dei rossoneri ha parlato del match in conferenza stampa, soffermandosi sulla prestazione dei suoi.

Dalla Sala Conferenze di San Siro
Michela Santoboni

L’AVVERSARIA – “La Lazio ha caratteristiche precise, abbina velocità a qualità ed ha fisicità. E’ una squadra che fa paura su questo fondamentale. Siamo stati bravi, siamo andati su un campo che non ci piace. Oggi abbiamo fatto quello che dovevamo fare”.

OBIETTIVI – “Nei momenti di difficoltà non ho avuto dubbi sulla rosa, facevamo fatica a vincere all’inizio. Prima c’era tanta depressione, oggi la cosa importante è mettere i giocatori nella condizione migliore. Stiamo provando a fare qualcosa di diverso, poi ci vuole anche un pizzico di fortuna”.

LAXALT – “Oggi bisogna provare e capire come puoi mettere in difficoltà l’avversario. Laxalt era giusto metterlo, ha una gamba da quinto”.

LA MAGLIA DI ACERBI SOTTO LA CURVA – “Chiediamo scusa per la maglia di Acerbi sotto la Curva. E’ arrivato il momento che i grandi club comincino a smetterla di smanettare. Gli account per i professionisti dovrebbero essere limitati. Penso che bisogna concentrarsi di più e smanettare meno”.

TARE – “Io non mi lamento mai, ma credo sia eccessivo. Penso che l’arbitro ha fatto quello che doveva fare. Gli episodi giudicateli voi”.

RIGORE – “Non c’è stato nessun battibecco, dovevano decidere Piatek e Kessie. Ci vuole grande personalità, non ho visto nessuna polemica. Penso che è una questione che è chiusa nello spogliatoio”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.