Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO SPAL – 2 febbraio 2020, una domenica unica per tutti i tifosi della Lazio. Il popolo biancoceleste si ritrova allo stadio Olimpico, alle ore 15:00, per il match di campionato contro la Spal. Prima partita casalinga dopo il derby, e poco importa se il calciomercato non ha regalato il colpo che ci si augurava. La prima domenica di febbraio sarà speciale per tutti gli aquilotti, con una cornice di pubblico da grande occasione.

Tra i sogni e la realtà

La Lazio di Simone Inzaghi è lì, al terzo posto, con la vetta a vista ormai da settimane. La squadra, la società, i tifosi, sognano l’imprevedibile, nell’anno dei 120 anni di storia. I tre punti da conquistare contro la Spal sono il primo passo di una scalata lunga ancora cinque mesi. Per quello ci sarà bisogno della spinta di tutti i tifosi, e contro i ferraresi saranno almeno 40mila i laziali sugli spalti. Una cifra importante, raggiunta anche grazie ai prezzi popolari fissati dalla società (Tribuna Tevere da 14 euro, Monte Mario da 45 euro). Tutti insieme per un sogno, in una cornice di trofei reali. In occasione del match contro la Spal, infatti, avrà inizio il progetto del museo itinerante voluto dal presidente Claudio Lotito. Lo spazio antistante la Curva Nord accoglierà i 16 trofei, nazionali ed internazionali, conquistati dalla Lazio nel corso della sua storia. A dispetto di chi, anche ironicamente, stuzzicava gli ambienti di Formello rimarcando le sole 6 coppe esposte (quelle vinte nell’era Lotito) durante i festeggiamenti a Castel Sant’Angelo per i 120 anni. Discorso chiuso con questa coinvolgente idea, che interesserà i tifosi fino al match di campionato contro il Bologna.

I bambini della So.Spe. allo stadio Olimpico

Una festa biancoceleste, che arriva nella settimana in cui la Lazio ha portato un sorriso alla So.Spe. di Suor Paola. Dopo l’evento di mercoledì scorso nel quale Ciro Immobile, Francesco Acerbi, Danilo Cataldi e Marco Parolo si sono “trasformati” in camerieri per una cena solidale, tutti i bambini ospiti della So.Spe. faranno il loro ingresso in campo con i calciatori della Lazio, in modo da regalare loro un momento speciale. Un evento che rientra nell’ambito dell’iniziativa “Giù le mani dai bambini“, fortemente voluta dal presidente Lotito. Come direbbe il presidente della Polisportiva, Antonio Buccioni, “la Lazio è una famiglia, è una catena di affetti e questo, nel 2020, rappresenta un qualcosa di straordinario“. 

Marco Barbaliscia

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.