Restiamo in contatto

NOTIZIE

Sarri-Luis Alberto, spunta un retroscena

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO LUIS ALBERTO SARRI – In casa Lazio tiene ancora banco il caso Luis Alberto. Lo spagnolo, indubbiamente uno dei giocatori di maggior talento dell’intera rosa, nelle ultime tre gare è finito in panchina, sacrificato sull’altare di un equlibrio tattico che comunque, almento nel fragoroso caso della disfatta del Bentegodi, non ha impedito alla squadra di subire tantissimo in fase difensiva. Il rapporto tra il Comandante ed il Mago, già iniziato non sotto i migliori auspici ad Auronzo di Cadore, non decolla. Non ci sarebbero solo divergenze squisitamente tattiche alle base della difficile convivenza tra i due. Sarri ha infatti fatto più volte leva, parlando in generale ovviamente, sulla serietà nei comportamenti e sulla dedizione alla causa: l’iberico, come già riportato nelle scorse settimane dalla stampa, era abituato ad una gestione più “free” nell’era Inzaghi. Se a questo si aggiunge la difficile collocazione in campo dello spagnolo, la frittata è fatta.

LEGGI ANCHE –> Il caso Luis Alberto: si può ancora fare a meno del Mago?

Il confronto Sarri-Luis Alberto: spunta un retroscena

Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport nell’edizione odierna, qualcosa si sarebbe rotto dopo la sconfitta di Bologna, match dal quale la Lazio è usicta con le ossa rotte ma in cui, per inciso, il Mago è partito titolare. Resta quella, a tutt’oggi, l’utima maglia da titolare indossata dall’ex Liverpool. Durante la sosta, seguita al match del Dall’Ara, ci sarebbe stato un aspro confronto tra i due, come riferisce il quotidiano. Non difficile da credere, considerando le successive scelte del Comandante. Le ipotesi ventilate su un possibile cambio di modulo da parte del tecnico toscano potrebbero far rientrare in corsa Luis Alberto, che dovrà rispondere sul campo alle insofferenze mostrate negli utimi mesi. Sempre che il tecnico gli (ri)consegni le chiavi del centrocampo come era solito fare il suo predecessore…

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *