CORRIERE DELLO SPORT. Lotito-Palazzi tutta la verità.

(foto Getty Images)

Il Corriere dello Sport – Tre ore di incontro, tre ore di audizione. Claudio Lotito è stato ascoltato ieri pomeriggio dal procuratore federale, Stefano Palazzi. L’appuntamento era fissato da giorni, ma non si è svolto in Figc: le parti si sono incontrate in zona Prati, nello studio dell’avvocato Gian Michele Gentile, legale del presidente della Lazio. Lotito ha dovuto fare chiarezza, ha dovuto spiegare i motivi che dopo il match con la Juventus lo spinsero a criticare il sistema, a non escludere l’intervento della giustizia ordinaria e a rievocare «il tintinnio di manette» che diventò famoso ai tempi di Tangentopoli.

[…] L’incontro è iniziato intorno alle 16.20, si è concluso tre ore dopo. Palazzi era accompagnato da due collaboratori e all’uscita non ha fatto alcuna dichiarazione. Lotito ha lasciato lo studio dell’avvocato successivamente ed è rimasto in silenzio, non ha voluto commentare la riunione, non ha voluto svelare nessun particolare. C’è il massimo riserbo sull’audizione, Palazzi deve capire se ci sono gli estremi per chiudere le indagini o per archiviare il caso, deve decidere se deferire o meno il presidente biancoceleste.

[…] In serata l’avvocato Gentile a Radiosei ha spiegato: «C’è stato uno scambio di opinioni tra Lotito e Palazzi per capire quanto si tratti di errori o di cose diverse. Siamo in fase di studio della situazione, è stata una prima presa di contatto e ne seguiranno altre».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here