IL CORRIERE DELLO SPORT. Il ct della Bosnia: «Un grande esterno, in pochi mesi Lulic conquisterà tutti»

IL CORRIERE DELLO SPORT. Il ct della Bosnia: «Un grande esterno, in pochi mesi Lulic conquisterà tutti»

Uno stralcio dell’articolo de Il Corriere dello Sport. Safet Susic parla del nuovo acquisto della società biancoceleste…

(foto Getty Images)

ROMA – Ama la pastasciutta, preferi­sce il Jazz alla musica Rock e odia Fa­cebook. Passioni e hobby di Senad Lu­lic, il nuovo jolly arrivato dalla Bo­snia. E’ nato a Mostar (ex Jugoslavia) il 18 gennaio 1986 e da pochi giorni è un nuovo giocatore della Lazio. Ha iniziato la sua avventura calcistica nel 2003 in Svizzera, a soli sedici anni, nello Chur 97: qualche stagione più tardi il trasferimento al Bellinzona, poi il Gra­sshopper e nel 2010 la chiamata dello Young Boys. […] Ora in Bosnia tutti aspettano l’esplo­sione definitiva del nuovo esterno biancoceleste, mentre Safet Susic, at­tuale tecnico della rappresentativa bosniaca, non ha mai avuto troppi dubbi sulle sue potenzialità: «Lulic è un giocatore con doti tecniche e fisi­che incredibili – ha raccontato l’alle­natore al sito SportSport. ba –sono molto felice per il suo passaggio alla Lazio. Entra a far parte di un club sto­rico, con un’organizzazione importan­te, di primo livello. Inoltre durante la stagione potrà lottare per diversi obiettivi, questo è fondamentale per la crescita di un calciatore ». Nessunparagone con Kolarov, Lulic è un gio­catore diverso. Difende e fa gol, dife­sa o centrocampo, si trova benissimo anche nel ruolo di trequartista, è do­tato di una tecnica sopraffina:« E’ completamente differente dal serbo– ha detto Susic –ma non credo che avrà difficoltà nel trovare spazio. Lui è un giocatore polivalente, uno di quelli che tutti gli allenatori vorreb­bero avere. Si adatta be­nissimo in varie posizio­ni del campo, gioca in maniera naturale sia con il piede destro che con il sinistro. Ogni gior­no cresce sempre di più, sono convinto che non fallirà la sua missione. La Lazio ha fatto un otti­mo acquisto, soprattutto per il futuro. Nel giro di qualche mese vedrete il ve­ro Senad Lulic ».

Tutte esperienze importanti, fonda­mentali per la sua crescita: prima la serie B svizzera, poi la nazionale ed ora la Lazio, il grande sogno. Lulic si è già innamorato della sua nuova squadra, ha visitato anche la capitale, è rimasto impressionato da tanta bel­lezza. In Svizzera veniva soprannomi­nato “Speedy” per la sua velocità, ma non solo: 33 reti in 185 gare in carrie­ra, 9 nella stagione appena trascorsa con lo Young Boys, il vizio del gol nel sangue. Ora è in vacanza con la mo­glie, tornerà a Roma per il raduno a Formello. […]

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.