USA, GB e Francia attaccano la Siria: missili su Damasco

USA ATTACCO SIRIA – È stato lo stesso presidente americano Donald Trump – alle 3:00 di notte ora italiana – ad annunciare alla sua nazione l’inizio dei raid contro la Siria. Una pioggia di missili Tomahawk si è abbattuta sulla capitale siriana Damasco e su altri obiettivi sensibili. L’attacco militare – giustificato come risposta all’utilizzo di armi chimiche da parte del regime di Assad contro la popolazione civile – è stato portato avanti insieme alla forze militari di Francia e Gran Bretagna.

AGGIORNAMENTO ORE 12:19 – Dopo i raid della notte contro Damasco è arrivata la risposta del presidente siriano Assad:” Gli attacchi aumentano la determinazione a continuare a distruggere il terrorismo in ogni angolo della Siria. L’Occidente ha agito dopo aver perso il controllo nel conflitto siriano”.

AGGIORNAMENTO ORE 11:54 – Gli ambasciatori del Consiglio Nord Atlantico si riuniranno oggi pomeriggio nel quartier generale della Nato, a Bruxelles. Obiettivo dell’incontro è un aggiornamento di Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti sugli ultimi sviluppi in Siria.

AGGIORNAMENTO ORE 10:41 – Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, dichiara che: “dall’Italia non sono partite azioni belliche e l’intervento, circoscritto e mirato a colpire le armi chimiche, non può e non deve essere l’inizio di un’escalation”

AGGIORNAMENTO ORE 10:35 – Il premier britannico Theresa May ha definito l’attacco militare: “legale e giusto in base al passato terribile del regime siriano nell’uso di armi chimiche contro il suo popolo e non deve sorprendere nessuno”

AGGIORNAMENTO ORE 10:18 – Il presidente russo Vladimir Putin ha definito l’attacco ” un atto di aggressione contro un paese che sta combattendo il terrorismo nel suo territorio”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.