NUMERI E CURIOSITA’. Lazio-Milan, storia di rinvii per nebbia e vittorie a tavolino

NUMERI E CURIOSITA’ – Si riparte con il campionato ed arriva, all’Olimpico, la prima big della stagione. E’ il Milan dell’ex capitan Biglia che, dopo il calciomercato entusiasmante, arriva a Roma da favorito ma saranno le condizioni dei giocatori, fisiche e psicologiche a giocare un ruolo fondamentale in una sfida che da sempre regala sorprese. Spesso, inaspettate.

NEBBIA IN VAL PADANA – Nei 76 incontri tra le due compagini, sono due le gare che sono state rinviate per neve (una a Milano il 15 Gennaio 1933, l’altra all’Olimpico, il 6 Gennaio 1985) mentre ben quattro sono state interrotte per nebbia (l’8 Gennaio 1961, il 23 Gennaio 1966, il 2  Febbraio 1966, ed il 17 Dicembre 1972) e tutte nel capoluogo lombardo.

QUELLA VITTORIA A TAVOLINO – In una circostanza invece, ai biancocelesti fu assegnata persino la vittoria a tavolino. Era esattamente il 30 Aprile 1978 quando all’8’ del secondo tempo, il difensore rossonero Ghedini si accasciò a terra, stordito dai petardi lanciati dai supporters rossoneri (i “commandos”). La gara riprese e all’86’ i biancocelesti passarono in vantaggio grazie a colpo di tacco di Agostinelli, assist per il gol decisivo. Nonostante la vittoria sul campo, alla Lazio alla fine venne assegnato lo 0-2 a tavolino.

Michela Santoboni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.