Parolo: “L’obiettivo è l’Europa, per la Champions dobbiamo migliorare”

Pubblicato il 21/12

INTERVISTE POST GARA – La Lazio non si è comportata da squadra. Il gol di Banega ha spazzato via la voglia di reagire, Marco Parolo analizza la situazione ai microfoni di Lazio Style Radio:

Undici minuti di black out dopo un bel primo tempo, perchè? 

“Purtroppo abbiamo sbagliato, è stata una partita strana. Gli episodi hanno condizionato, hanno trovato il gol di Banega su una palla sporca. Noi dobbiamo capire ed analizzare perchè questo succede a noi. Stiamo crescendo, siamo giovani, dobbiamo capire dove sbagliamo per fare il salto di qualità e restare tra le prime tre. Ci servirà per ripartire più forti, avere più rabbia, per allenarci ancora di più a Gennaio. Non eravamo fenomeni prima, non siano brocchi adesso, siamo comunque una squadra che vale”. 

Sul calo di attenzione:

“Tutti vogliamo migliorare, dobbiamo alzare l’attenzione quando il fisico cala. Perchè nel momento in cui c’è il calo dobbiamo arrivarci prima di testa, ma è normale perchè siamo una squadra giovane che deve crescere. Non siamo perfetti e questa sconfitta ci servirà, la squadra può valere ancora molto. Abbiamo tutte le basi per fare un grandissimo girone di ritorno. Vogliamo intanto chiudere quello di andata a 37 punti, che comunque non è da tutti”.

Il concetto di squadra: 

“Mi fa piacere avere una base, questo vuol dire essere squadra. Dobbiamo essere intelligenti da sapere che dobbiamo lavorare per stare tra le squadre che stanno tra le prime tre, dobbiamo ricercare qualcosa che c’è dentro di noi, essere consapevoli di ciò che siamo per migliorare sempre di più”. 

Su D’Ambrosio:

“L’episodio di D’Ambrosio non conta, ormai la partita era andata. E’ stata comunque una bella botta. Voglio comunque fare i complimenti al mister, sapevo che l’Inter sarebbe tornato sotto”.

E l’obiettivo?

“Bisogna parlare solo di Europa e voglia di migliorare. No la Champions, se la centrassimo sarebbe una cosa esagerata, ma dobbiamo ripartire da noi, ora dobbiamo ancora crescere per esserne all’altezza”.

Il giocatore ha parlato, poi, anche attraverso le telecamere di Sky 

“Manca l’attenzione al particolare, vivere il momento e la voglia di esserci sempre 90 minuti. La prima lazio aveva fatto un bel primo tempo ma finì 2-2. Dobbiamo sapere che valiamo, che quello che abbiamo fatto fino ad ora è importante. Siamo lì, vuol dire che siamo forti”

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.