Mai come stavolta tante storie laziali nel Mundial

Pubblicato 
sabato, 14/06/2014
Di
Redazione LN
Tempo di lettura: < 1 minuto

RASSEGNA STAMPA SS LAZIO- E' la grande contraddizione del club: scarso apprezzamento da parte dei tifosi e sette giocatori convocati al mondiale. Merito della società che è stata in grado negli anni di lanciare nuove stelle del calcio mondiale, basta pensare all'imprendibile Candreva e all'infaticabile Lulic, sperando che siano ancora biancocelesti il prossimo anno. Il primo forse lo vedremo in azione già da stasera contro l'Inghilterra mentre per veder giocare il bosniaco bisognerà aspettare il 16 giugno quando affronterà l'Argentina di un altro laziale, Lucas Biglia. Lo stesso giorno, ricorda il Corriere dello Sport (F.Melli), comincerà anche il mondiale di Onazi che guiderà la Nigeria contro l'Iran. Allora forse quello che è mancato a questi campioni è la continuità e Klose ne è un esempio lampante. Si è dichiarato in perfetta fora fisica in vista dell'impegno contro il Portogallo e agguerrito nel voler battere il record del "fenomeno" Ronaldo. Ma il Portogallo è anche quello di un altro nazionale biancoceleste, Helder Postiga, che, nonostante non abbia trovato grande spazio nella Lazio, è considerato imprescindibile dal ct  Bento. Per non parlare poi di quelli che laziali potrebbero diventare. Ha segnato ieri sera all'esordio il giovane difensore olandese De Vrij e sono attesi Parolo ma soprattutto Paletta, titolare questa sera, per dimostrare tutto il loro valore in maglia azzurra. La Lazio vanta già numerosi campioni del mondo da Piola a Oddo, speriamo di aggiungerne altri al novero, speriamo che la loro maglia sia azzurra.

, , , , , , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram