PRIMAVERA. Le formazioni ufficiali di Lazio-Bari

Biancocelesti impegnati nella seconda giornata di campionato

FORMAZIONI UFFICIALI

LAZIO (4-3-3): Mosciatti; Cavanda, Crescenzi, Sbraga, Salustri; Zampa, Onazi, Cilfone; Ceccarelli, Rozzi, Barreto. A disp.Scarfagna, Ilari, Vilkaitis, De Francesco, Andreoli, Vivacqua, Emmanuel. All. Bollini

BARI: Perina, Aprile, Cascione, Catalano, Marotta, Colella, Sassanelli, De Luca, Dametti, Partipilo, Gagliardi. A disp. Pentimone, De Sario, Portoghese, Cadaletta, Lorusso, Lacriola, Leonetti

PRIMO TEMPO

La Lazio scende in campo per la seconda giornata del campionato Primavera. All’esordio i biancocelesti avevano battuto per 5 a 2 il Palermo; ora l’avversario di chiama Bari. Nel corso del primo tempo i ragazzi di Bollini partono subito all’attacco e dopo 14 minuti trovano la rete del vantaggio con Barreto che, lanciato a rete da Enrico Zampa, non sbaglia sotto porta. Il raddoppio vede protagonisti due giovani aquile che sono già entrate nel giro della prima squadra: infatti, è Cavanda che con una bella azione personale arriva dalle parti del portiere ospite e a due passi dalla porta serve Ceccarelli, che dalla breve distanza insacca per il due a zero. Il tris arriva sul finale grazie a uno scambio in velocità tra Onazi e Barreto, con quest’ultimo che batte Perina con un tiro a fil di palo. Il primo termo termina così, con un netto 3 a 0 in favore della Lazio.

SEDONDO TEMPO

La ripresa di apre all’insegna dei galletti: infatti, dopo solo tre minuti, Gagliardi accorcia le distanze mettendo a segno un calcio di rigore. Tuttavia, le speranze del Bari durano poco perché al 50′ la Lazio si porta sul 4-1 grazie alla rete di Ceccarelli e, solo due minuti più tardi, arriva anche la cinquina siglata dal dischetto dallo stesso giocatore. Da questo momento in poi, in campo c’è solo la squadra di Bollini. Al 62′ anche Barreto mette a segno la sua tripletta personale. Nei minuti finali le squadre sono stanche e il caldo di certo non aiuta i ragazzi in campo. Questa situazione avvantaggia gli ospiti che trovano il gol del 6-2 con Dametti. Dall’87’, poi, i padroni di casa giocano in 10 perché Onazi è costretto ad uscire per infortunio e i cambi a disposizione del mister biancoceleste sono finiti. Tuttavia, non succede altro nel finale di gara: la Lazio può festeggiare per questo sonoro 6-2 rifilato al Bari. I biancocelesti sono a punteggio pieno dopo due giornate di campionato, con ben 11 gol messi a segno e 4 incassati.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.