CORRIERE DELLO SPORT. Klose: «Lazio, saremo noi la sorpresa»

E’ partito col piede giusto, col piede da cannoniere: «Sto bene alla Lazio e non ho nessun tipo di rimpianto. Abbia­mo giocato contro avversari di basso li­vello quindi le prove con­tano poco adesso, non bi­sogna esaltarsi troppo.

L’importante sarà farsi trovare pronti per l’inizio della stagione. Non riesco a ricordare quanti gol ho segnato nelle partite di prova…» . Miroslav Klose a furia di segnare ha per­so il conto. Quanti palloni ha messo den­tro? Dieci in cinque amichevoli, è questo il bottino del panzer.

[…]

Nella prima fase di lavoro svolta ad Auronzo ha raggiunto la doppia cifra, ha regalato lampi di classe, ha innescato i compagni, è stato centra­vanti e rifinitore. Ma per uno come lui è la normalità: «Molti mi fanno i compli­menti e anche se non riesco ancora a leg­gere i giornali nella maniera migliore per via della lingua, la cosa mi fa piacere» .

IL FUTURO –Klose ha con­cesso un’intervista alla “Bild”, è partito alla grande, ha concluso il ri­tiro, è rientrato in Ger­mania per vivere i giorni di riposo concessi da Re­ja, domani si presenterà a Formello e insieme ai compagni raggiungerà il quartier generale di Fiuggi:«Per una squadra come la nostra, nuova in molti elementi, è decisivo un inizio positivo. L’euforia e l’entusiasmo sono importanti e potremo sorprendere», ha detto l’attac­cante promettendo una stagione da urlo ai tifosi. Nella Lazio si è ambientato su­bito:«Sono stato accolto benissimo, dico­no che porterò esperienza al mio club, ma io credo che un giocatore sia protago­nistasolo quando lo dimostra sul cam­po ».

I COMPAGNI –Klose e Cissè, si parla so­prattutto di loro nel mondo biancocele­ste. Sono due grandi bomber, stanno di­ventando amici, fanno parte di una Lazio multi­nazionale, tutti insieme dovranno capirsi in cam­po…:«Nello spogliatoio ci capiamo parlando in va­rie lingue, ma devo asso­lutamente imparare l’ita­liano, sono ancora indie­tro. Ho i miei libri e stocercando di recepire più cose possibili. L’italiano è una lingua melodica, è bel­lissimo, ma la grammatica è molto com­plicata. Mia moglie è già molto avanti». Klose ha iniziato a studiare, ha scelto la Lazio per il suo futuro, il Bayern Monaco è il passato:«Sono andato via perché amo questo sport, per me è divertimento. Al Bayern ho vissuto anni splendidi, ma con Van Gaal avevamo idee diverse».

[…]

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.