IL CORRIERE DELLO SPORT. Con i gioielli che ha la Lazio può solo brillare

IL CORRIERE DELLO SPORT. Con i gioielli che ha la Lazio può solo brillare

Uno stralcio dell’articolo de Il Corriere dello Sport. L’angolo di Mauro Mazza…

Al giro di boa della prepara­zione, per la Lazio di Auron­zo le luci prevalgono nettamen­te sulle ombre. Certezze e sor­prese positive hanno la meglio su dubbi residui e prime delu­sioni. Lo si misura dall’entusia­smo che accompagna la squa­dra e dai primi riscontri della campagna abbonamenti. La chiave di volta? Probabil­mente sta nell’arrivo alla Lazio di due protagonisti del calcio internazionale come Klose e Cissè, che hanno accettato la proposta di indossare la maglia biancoceleste considerandola in grado di dare alla loro car­riera altre stagioni di grande ri­lievo. La loro presenza è un toc­casana per l’attacco della squa­dra, che nel recente passato è stato la nota dolente, visto che proprio la penuria di goleador di razza ha impedito alla Lazio di coronare con l’ingresso nella Champions League una stagio­ne estremamente positiva. Quanto pesi Klose nell’econo­mia del gioco, dopo le prime amichevoli, lo si è visto sabato scorso quando la sua assenza ha condizionato negativamen­te la squadra, apparsa arruggi­nita e provata dai duri allena­menti in alta quota e vogliosa di un primo, meritato break. An­che Cissè, senza il riferimento al centro dell’attacco si è limi­tato a pochi spunti. E Zarate ha confermato che le sue buone in­tenzioni hanno bisogno di esse­re confermate dalla fiducia di un ambiente (tecnico e società) che probabilmente non gli sem­bra incondizionata. Eppure, l’ultima amichevole sulle Dolomiti ha mostrato al­cune sorprese di rilievo. Su tut­te, la prestazione di Del Nero, protagonista della rimonta del­la Lazio nel secondo tempo, in buona condizione fisica e con un impegno impressionante.[…]

Le perplessità residue riguar­dano l’impiego e la forza di Ca­na in un centrocampo che ne­cessita ancora di un interno di destra, in attesa del “campione d’America” Gonzalez e in alter­nanza con Brocchi, ma non di un vice-Ledesma che all’occor­renza può essere un Matuzalem apparso in gran forma e capa­ce di dettare passaggi e ritmi molto meglio del prestante al­banese ancora smarrito e incer­to sul da farsi. Qualche dubbio – a proposito di rincalzi – hanno suscitato il portiere Bizzarri e l’esterno Garrido, per non dire dell’esperto Biava, colpevole del secondo gol dello Slavia Praga con l’ingenuità di un principiante.

Ora comincia la seconda fase della preparazione e Reja cer­tamente cercherà con più insi­stenza una formazione e un mo­dulo- base su cui lavorare con più assiduità. Arriva il tempo delle scelte chiare: un gruppo di titolari e di prime scelte, uno schema tattico di partenza, non immodificabile, ma migliore sulla carta. […] La Lazio quest’an­no non si può nascondere. Le ambizioni dichiarate e la fama di alcuni suoi “gioielli” sono il suo impegnativo biglietto da vi­sita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.