LAZIO-ATALANTA Floccari gol

NUMERI E CURIOSITA’ – Nella carriera di ogni giocatore c’è inequivocabilmente una squadra che si soffre in maniera particolare, le cosidette “bestie nere”. E se l’ATALANTA deve preoccuparsi della LAZIO visto che espugna l’Atleti Azzurri di Italia da due anni di fila, anche CONSIGLI non può stare altrettanto tranquillo. Tolto il primo incrocio datato 26 aprile 2009, quando i bergamaschi vinsero all’Olimpico con il gol dell’ex TALAMONTI, l’estremo difensore lombardo non ha più vinto contro la LAZIO. Quattro sconfitte consecutive che vanno dall’agosto del 2009 al gennaio scorso nelle quali ha subito in totale 6 gol (2 Hernanes, 1 Klose, 1 Floccari, 1 Rocchi e un’autorete di Brivio). Aguzzando bene lo sguardo sull’elenco di questi precedenti si nota poi una curiosa alternanza di risultati: LAZIO-ATALANTA 1-0 (23/08/2009), LAZIO-ATALANTA 2-0 (15/01/2012), ATALANTA-LAZIO 0-1 (26/08/2012), LAZIO-ATALANTA 2-0 (13/01/2013). Se il calcio fosse una scienza esatta ci si dovrebbe aspettare quindi una vittoria biancoceleste per 0-1…

“MAL DI GOL” IN TRASFERTA – La LAZIO non vince in trasferta da ormai cinque mesi. Fuori casa si fa fatica a dominare l’avversario come quando si gioca tra le mura amiche e questo dato si ripercuote inevitabilmente anche sotto il profilo realizzativo: degli 11 gol messi a segno nelle prime sette giornate, solamente 3 sono stati realizzati in trasferta. Ma la gara col TRABZONSPOR potrebbe aver segnato uno spartiacque per la stagione biancoceleste: a Trebisonda si è rivista una squadra vogliosa di lottare su ogni pallone e di attaccare in maniera armoniosa, tutto questo grazie anche alla “ventata di freschezza” portata da FELIPE ANDERSON e PEREA. E non è un caso che all’Hüseyin Avni Aker sono state messe a segno tre reti, le stesse realizzate in un mese e mezzo di campionato.

Daniele Gargiulo

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.