CALCIOMERCATO. Milicevic consiglia la Lazio: “Milinkovic un fuoriclasse, Proto ha personalità”. E su Wesley…

CALCIOMERCATO LAZIO INTERVISTA MILICEVIC – Il campionato belga continua ad essere terra di investimenti per la dirigenza biancoceleste: dopo gli arrivi di Marusic e Lukaku, la Lazio potrebbe pescare proprio nella ‘Pro League’ nuovi giocatori da inserire nella rosa a disposizione di mister Inzaghi. Daniijel Milicevic, centrocampista svizzero classe 1986, gioca dal 2011 in Belgio, anche se gli ultimi sei mesi li ha passati in prestito al Metz, in Francia: con le maglie del Charleroi prima e del Gent poi, ha avuto modo di testare da vicino il livello di questo campionato ed affrontare giocatori oggi finiti nei radar biancocelesti. Milicevic è intervenuto ai microfoni di ‘Radio Incontro Olympia’ per parlare del mercato della Lazio: queste le sue dichiarazioni.

MILINKOVIC – “Già quando lo acquistò la Lazio dissi che era un gran talento, poi ha vinto il Mondiale Under 20 con la Serbia. È un alieno, ha conquistato la piazza biancoceleste. Per un fuoriclasse come lui, che ha fatto la differenza in un campionato come la Serie A, è normale che grandi club si muovano. Le cifre che girano non sono spropositate”.

MARUSIC E LUKAKU – “L’adattamento in Italia dura un po’ di tempo: su Marusic non avevo dubbi, visto che è un ragazzo a cui piace lavorare. Lukaku ha sfruttato le sue qualità atletiche. L’Italia è una nazione che richiede molto dal punto di vista tattico, quindi è molto formativa per un giocatore”.

PROTO – “Un ragazzo eccezionale, sempre stato innamorato del vostro campionato perché ha origini italiane, ha sempre ambito alla Serie A. Portiere di grandi riflessi sulla linea e parecchia personalità, sopra le righe ma bel personaggio. Ha fatto stagioni importanti all’Anderlecht, ha grande esperienza europea e vanta presenze anche in nazionale. Darà concorrenza a Strakosha visto che Silvio è un ambizioso, ma a 34-35 anni il secondo può essere il ruolo giusto”.

WESLEY – “Sono un paio di anni che sta al Bruges: ha grandi potenzialità, ottima prestanza fisica, è dotato tecnicamente e ha tanto coraggio nei duelli. Quest’anno è andato in doppia cifra e alla sua età non è facile. Nella vittoria del campionato è stato protagonista. Lui è un centravanti vero anche se diverso da Immobile: Wesley è un riferimento che fa salire la squadra pur essendo molto veloce, avendo tanta potenza nelle gambe. Vale tanto perché è molto giovane, anche se forse 20 milioni sono troppi. Può essere un colpo alla Milinkovic”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.