” Vai LAZIO, te li mangi TUTTI”

 

IL CORRIERE DELLO SPORT (D.Rindone) Quattro ore di allenamento ieri, forse qualcosa in più. Alla fine tutti nel lago di Santa Caterina per raffreddare i muscoli bollenti. E’ la cura Petkovic, farà nascere una Lazio di ferro. « Quest’anno ce li mangiamo tutti!» , urla Paolo Rongoni, 40 anni, marchigiano, è il nuovo preparatore atletico biancoceleste. Carica il gruppo, dà energia, forza, ritmo e convinzione. Petkovic vuole una squadra supersonica e ogni giorno affida i giocatori alle cure del “prof”. Rongoni è un uomo di fiducia, un uomo di campo all’avanguardia. Vlado sta trasmettendo una mentalità vincente, lo stesso fanno i suoi collaboratori.  E’ lui che ha programmato gli allenamenti alle 7.45, è lui che fa correre la squadra sotto il sole e sotto la pioggia, alle 8 di mattina, alle 10 e alle 17. Le sedute di lavoro durano sempre due ore, non si fanno sconti. «Quest’anno ce li mangiamo tutti, siete un gruppo eccezionale» , gridava il “prof” ieri mattina in campo.

Distribuiva elogi, ma quando c’era bisogno interveniva per dare consigli, per bacchettare (a volte) e chiedere più forza. Rongoni è una delle facce nuove della stagione, è giovane, ma ha fatto esperienza in Europa. Ha iniziato nel Perugia (stagione 1997-98), ha lavorato nel Sion e nel Lugano, poi nel Servette. E’ sbarcato in Francia, è stato nello staff tecnico del Le Mans e ha seguito Petkovic in Turchia (nel Samsunspor). Rongoni non ama le previsioni, per lui contano i fatti. Ma l’obiettivo di Petkovic è raggiungere il 75% della forma fisica entro il 26 luglio, giorno in cui terminerà la prima fase del precampionato.

[……]Rongoni, insieme al tecnico bosniaco-croato, ha messo a punto la tabella di marcia degli allenamenti. C’è una base fissa e ogni sera, durante lunghe riunioni, viene impreziosita. I carichi di lavoro sono stati subito pesanti: l’inizio di settimana serve per caricare, gli ultimi giorni per scaricare.  L’allenamento militaresco delle 7.45 sarà replicato stamane, la sveglia suonerà alle 7.30. «Non si era mai lavorato a questi ritmi» , è la voce che arriva dagli spogliatoi. I giocatori iniziano a sentire la fatica, ma non mollano. Nei giorni dell’alzataccia e della corsa a bordo lago in tutto svolgono tre allenamenti (il secondo alle 10, il terzo alle 17). La colazione viene effettuata alle 8.45, si lavora a stomaco vuoto per bruciare più grassi. I tre allenamenti vengono previsti anche per dividere le fasi di lavoro e per non rendere le sedute lunghissime.

Petkovic e Rongoni stanno lavorando per prevenire gli infortuni muscolari, hanno studiato le carriere dei giocatori, i guai fisici che li hanno riguardati nella Lazio e in passato. Il ritiro di Auronzo si concluderà il 26 luglio, la squadra rientrerà a Roma, riposerà alcuni giorni. E per agosto è stata prevista una seconda fase di ritiro a Fiuggi. Sembrava annullata, si farà. I giorni sono da stabilire, dovrebbero essere al massimo sette.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.