LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

FOLORUNSHO LAZIO – L’ex Primavera, Michael Folorunsho, ha lasciato i colori biancocelesti da tempo ed è passato tra i professionisti del Virtus Francavilla. Ora il centrocampista si trova alla Reggina in Serie B, dove sta facendo molto bene. Michael però, non dimentica le sue origini e ai microfoni di Gazzetta Regionale ha raccontato la sua esperienza con la Lazio.

Michael Folorunsho ai microfoni di Gazzetta Regionale

“Il momento più bello è stato senza alcun dubbio la trasferta di San Siro con la prima squadra. Ricordo che si fece male Biglia e convocarono me. Condividere lo spogliatoio con campioni del calibro di Klose e Felipe Anderson è stata un’emozione che non dimenticherò mai. In generale, comunque, anche tra Under 17 e Primavera ho provato grandi sensazioni, dalle finali ai derby, ho avuto l’onore di giocare partite importanti. Con mister Simone Inzaghi ho avuto sin da subito un rapporto molto bello. Gli piacevo come giocatore e parlavamo spesso; mi diceva che avevo potenziale ma che lo sfruttavo male. Ci siamo continuati a sentire anche dopo la sua promozione in prima squadra, è stato davvero un allenatore importante, ha sempre creduto in me sin dai tempi della Primavera. È sempre complicato fare subito il salto dal vivaio alla prima squadra, devi essere bravo ma anche fortunato, magari riesci a trovare spazio nella sfortuna di un altro giocatore che si infortuna. All’epoca non avevo ancora la testa da giocatore, quando arrivi a quei livelli devi farti trovare pronto e maturo, purtroppo non lo ero”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.