lazionews-lazio-spezia-caicedo
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO SPEZIA PAGELLE – Finisce 2-1 la gara tra Lazio e Spezia con Caicedo che, come al solito, la decide nei minuti finali. Per la squadra ospite a segno Verde con una prodezza, mentre ad aprila ci ha pensato Lazzari, espulso a fine gara per una reazione su Agudelo. Espulso anche Correa per doppia ammonizione. Queste le paelle del nostro direttore, Paolo Cericola.

Lazio-Spezia, le pagelle di Paolo Cericola

Reina 6 – Sempre sicuro. Un buon intervento nel primo tempo, spettatore nella ripresa. La rete di Verde è imprendibile.
Marusic 6,5 – Sta bene fisicamente e si vede. Spinge molto ma fatica a tenere Gyasi.
Acerbi 7 – Bravo a leggere la velocità degli avanti liguri con regolare puntualità e precisione
Radu 6,5 – Colleziona la presenza n. 402, supera anche Favalli per presenze in biancoceleste. Da vita ad un gran duello con Farias, vinto con convinzione.
Lazzari 5 – Accende raramente il motorino ma quando lo fa è travolgente. Sfrutta al meglio l’assist di Correa per la rete del vantaggio. Rovina tutto nel finale facendosi buttare fuori per reazione.
Milinkovic 6,5 – Giganteggia a centrocampo. Accende le trame offensive rendendosi anche pericoloso in avanti
Leiva 6 – Fatica nei primi minuti a trovare tempi e giocate. Migliora con il passare dei minuti ma è sempre messo in mezzo.
Pereira 5 – Fatica a trovare la mattonella giusta. Una sola giocata poi vaga per il campo
Lulic 5 – Non riesce a trovare i suoi ritmi. È ancora lontana la forma migliore e si vede
Immobile 6 – Fatica a trovare palle giocabili. Il ritmo cambia quando entra Luis Alberto ma non ne trae beneficio.
Correa 4 – Sbaglia tutto ciò che si può sbagliare sotto porta. Gli manca cattiveria in esecuzione e lucidità nella finalizzazione. Il solo lampo l’assist per Lazzari. Si fa anche buttare fuori.
Inzaghi 6,5 – La vince senza brillare ma il risultato è fondamentale a questo punto della stagione. Lo Spezia ha velocità e lucidità per mettere in difficoltà i biancocelesti, il tasso tecnico superiore dei biancocelesti e l’ingresso di Luis Alberto cambiano la gara ma il cambio di Milinkovic… Ora la Champions è più vicina.
Luis Alberto 6,5 – Non doveva ne essere convocato ne tantomeno giocare, ed invece in pochi minuti cambia la Lazio e la gara. Indispensabile.
Caicedo 6,5 – È l’uomo della provvidenza, mette dentro un rigore pesantissimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
Nella notte dei tempi, era il 1994, decisi che il giornalismo doveva essere la mia strada; così è stato. Ho iniziato con il nuoto poi il calcio dei grandi. Ho consegnato giornali nei bar, nei circoli, per strada, annusando il profumo delle rotative ed il fascino della stampa su carta. Mondiali, europei, Nazionale, il miglior momento del calcio Nazionale con le ‘7 sorelle’....non mi sono fatto mancare nulla. Ho lavorato per il Corriere dello Sport, il Tempo, il Giornale, l’agenzia di Stampa Dire, Radio Incontro e dal 1997 sono inviato di Radio Radio. L’unico hobby che ho coltivato ed al quale non rinuncio: 3 figli meravigliosi.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.