ROME, ITALY - NOVEMBER 07: SS Lazio " Curva Nord " stand remains empty after being closed by UEFA as punishment for the Lazio fan's racist chanting at a match against Legia Warsaw in September, during the Uefa Europa League Group J match between SS Lazio and Apollon Limassol FC at Stadio Olimpico on November 7, 2013 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
Tempo di lettura: 2 minuti

Pubblicato il 10/03

ZOOM AVVERSARIA TORINO – Una sfida tra ex. Si presenta così lo scontro tra Lazio e Torino di lunedì. L’Olimpico riaccoglierà MihajlovicImmobile riabbraccerà i colori granata. Il tecnico serbo, però, non si farà troppo corrompere dalla nostalgia. E’ già pronto per dare battaglia alla formazione del suo ex compagno di squadra, Simone Inzaghi. Il Toro ha puntato il suo obiettivo. La vittoria arrembante contro il Palermo ha sicuramente ridato smalto agli undici di Sinisa: ora nel mirino ci sono i capitolini. La Lazio, però, s’è scoperta squadra. Sa che la vera marcia in più è la compattezza e che, quando è unita, può far male… eccome.

L’ALLENATORE – Tra presente e passato. Sei stagioni e 189 presenze. Questi i numeri collezionati da Mihajlovic a Roma. Una parentesi dolcissima nella sua carriera da giocatore. Ora il rettangolo verde lo osserva dalla panchina e in giacca e cravatta. Negli anni, però, non è venuto meno il suo marchio di fabbrica: il carattere. L’elemento che lo ha sempre contraddistinto. ‘Il sergente di ferro’ punta più ad imprimere alla squadra la giusta mentalità che a sfruttare la tattica. Spregiudicato, sfida l’avversario a viso aperto, negli occhi dei suoi giocatori vuole vedere la fame della vittoria. Uno sguardo particolare lo rivolge anche ai giovani, senza di lui, probabilmente oggi non staremmo a parlare di Donnarumma e Romagnoli.

GIOCATORE CHIAVE – Questa è facile. Qualche indizio: 23 anni, 24 presenze in Serie A, 22 gol, è soprannominato il Gallo. Sì, dai… era veramente troppo facile. Non si può parlare di Torino senza far cenno a Belotti. Da quella doppietta contro il Frosinone nella scorsa stagione non s’è più fermato. Guida la classifica dei cannonieri grazie alla sua abilità nel possesso palla, alla capacità di trovare lo specchio della porta sia dalla distanza che a pochi metri, alla supremazia che impone nei duelli aerei. Tutto accompagnato dall’importante prestanza fisica e dal talento cristallino che gli scorre nelle vene.

COME SCENDERANNO IN CAMPO (4-3-3) – I granata dovrebbero giocarsi la carta Ljajic nel tridente offensivo. Benassi, invece, si riappropria del centrocampo dopo essere stato fermato dal giudice sportivo per squalifica. Dentro anche Lukic, date le condizioni fisiche da stabilire di Valdifiori. Il mister potrà contare anche su Castan e Carlao che sono tornati a disposizione.

PROBABILE FORMAZIONE – Hart; Zappacosta, Rossettini, Moretti, Barreca; Benassi, Lukic, Caselli;Falque, Belotti, Ljajic. All.: Mihajlovic

Lavinia Labella

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.