Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO INTER FIORE INTERVISTA – Stefano Fiore ha giocato solo tre stagioni con la maglia della Lazio ma sono bastate per restare nei cuori e nei ricordi di tutti i tifosi. Giocatore di fascia con il gol nelle gambe, il laterale arrivò a Roma nel 2001 insieme a Giannichedda per rimanerci sino al 2004. 95 presenze e 17 gol per lui di cui due in una semifinale storica di Coppa Italia contro il Milan. L’ex laziale è intervenuto a ‘Sky Sport’ per raccontare le sue sensazioni in vista dello scontro Champions dell’ ‘Olimpico’ di questa sera: queste le sue dichiarazioni.

LAZIO-INTER – “Bellissima partita e bellissimo epilogo di un campionato che ha riservato scontri sia al vertice che per la Champions. Inter e Lazio sono meritevoli di giocarsi questa partita anche all’ultima giornata perché hanno fatto un campionato, sopratutto nella prima parte, eccellente che addirittura le doveva vedere quasi lottare per il titolo perché se andiamo a vedere gli scontri diretti l’Inter ha fatto il bilancio migliore di tutte. La Lazio ha fatto qualcosa di straordinario, è stata molto più continua e ha espresso un gioco offensivo straordinario con degli interpreti che hanno dimostrato di poter stare insieme benissimo. Se esiste una giustizia suprema dovrebbe andare la Lazio però l’Inter ha fatto delle cose belle ed è giusto che si giochi questa partita che è aperta a tutti i risultati. La chiave secondo me sarà la fascia destra dell’Inter con Cancelo e Candreva da una parte e Milinkovic-Savic che potrebbe sfruttare gli spazi lasciati dal portoghese”.

CASO DE VRIJ “Se fossi stato nei suoi panni avrei giocato sicuramente, non ho nessun dubbio che lui faccia il professionista esemplare; da allenatore però probabilmente avrei fatto la scelta di non farlo giocare anche se non ho dubbi sulla professionalità e sull’impegno: per quanto uno sia forte mentalmente non si può pensare che uno scenda in campo senza risentire di tutto quello che è stato e che può essere. Immaginatevi cosa succederebbe in caso di fallo da ultimo uomo su Icardi. Credo che de Vrij sia stato messo in una situazione difficilissima e quindi per questo motivo lo terrei fuori”.

ICARDI O IMMOBILE “Icardi è un uomo d’area di rigore mentre Immobile non dà punti di riferimento e crea degli spazi fantastici per i centrocampisti della Lazio che sono bravissimi ad aggredire gli spazi e quindi, anche se non sarà al massimo, Inzaghi avrà comunque delle garanzie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.