Lazio, Ripert: "Vi spiego come stanno i giocatori. Fiorentina? Era la più difficile..."

Pubblicato 
venerdì, 12/10/2018
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 2 minuti

RIPERT LAZIO - Ai microfoni della radio ufficiale biancoceleste è intervenuto il preparatore atletico biancoceleste Fabio Ripert che ha parlato della sosta, della condizione dei giocatori e non solo. “Mercoledì prossimo rientrano i Nazionali e avremo il gruppo al completo. Chi non è partito ha svolto un lavoro mirato e personalizzato. Quando c’è l’infrasettimanale è difficile gestire l’aspetto atletico. Noi con le Nazionali dei rispettivi giocatori siamo sempre in collegamento, quindi ci vengono spediti tutti i report degli allenamenti. Quando un giocatore fa grandi trasferte si deve fare un lavoro di recupero piuttosto che integrativo. Con il ragazzo valutiamo la situazione, c’è un continuo feedback che è fondamentale. Siamo 4 preparatori, quindi lavoriamo in modo molto analitico con tutta la squadra. Come dice il mister lo staff è fondamentale per creare gruppo e andare avanti”.

SULLA CONDIZIONE FISICA – “I risultati influiscono molto sul giudizio della gente. Se confrontiamo i dati di oggi con quelli dello scorso anno è evidente che non stiamo peggio fisicamente. La vittoria o la sconfitta condizionano il parere delle persone che non hanno le giuste conoscenze per fare una valutazione. La preparazione è sempre la stessa, non esiste partenza sprint o lenta, come sento dire spesso. Si tratta di un momento in cui si vanno a migliorare tutti i parametri fisici, di resistenza o di forza. Magari si può lavorare più sull’aspetto muscolare piuttosto che su quello aerobico, o viceversa. Ci sono giocatori che hanno caratteristiche diverse, e con cui quindi lavoriamo in maniera diversa. C’è chi durante la partita percorre tanti metri e quindi restituisce dati di alta intensità, chi invece gioca diversamente e non deve ricoprire quelle distanze”.

SU LUKAKU – “Jordan è un giocatore che sorprende per doti atletiche. Nel derby con la Roma mi ricordo che rimasi impressionato per la sua forza. Sprigionava altissime intensità. Ora è rientrato in gruppo, si sta impegnando tantissimo e vuole rimettersi in gioco. Per noi sarà fondamentale”.

SUL DERBY – “Noi ci teniamo moltissimo alla stracittadina, aver perso è stato veramente un duro colpo. Avremo occasione di rifarci al ritorno. Con la Fiorentina, però, era la partita più difficile da affrontare: sono veramente ben allenati e ben organizzati. Aver vinto ha dimostrato che la squadra non era in difficoltà, i ragazzi hanno dato l’anima, correndo più di quelli della Fiorentina. E non dimentichiamo che la Lazio aveva giocato già in Europa League con l’Eintracht, prima in 10 e poi addirittura in 9”.

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram