Tempo di lettura: 3 minuti

SENTI CHI PARLA DELLA LAZIO – La rubrica di Lazionews.eu dedicata ai commenti, ai pensieri e alle riflessioni dei giornalisti, degli speaker radiofonici e degli opinionisti del mondo Lazio… 

GIULIANO GIANNICHEDDA (ex calciatore) a RMC Sport: “Lazio e Roma ora saranno impegnate nelle coppe, l’Inter invece no. La squadra di Spalletti è quella più in difficoltà, sopratutto se dovesse mancare ogni tanto Icardi. Per me in Champions ci andranno le due romane”.

MASSIMO UGOLINI (giornalista) a Radio Kiss Kiss: “All’andata c’era stata un’ottima Lazio, quella gara era stata condizionata dagli infortuni anche se poi il Napoli nella ripresa aveva dilagato. È una partita difficile per il Napoli, la sconfitta con il Genoa della squadra di Inzaghi aggiunge una criticità in più. Su Mertens abbiamo avuti tutti la sensazione positiva sin dai minuti successivi alla gara con il Benevento”.

FRANCESCO BAIANO (ex calciatore) a Radio Kiss Kiss: “Un brusco stop per la Lazio contro il Genoa, ma già sabato c’è la possibilità di riscatto. I biancocelesti se la vedranno con il Napoli al San Paolo, in una trasferta tra le più difficili della stagione. La sconfitta di ieri della Lazio contro il Genoa è qualcosa di poco significativo visto che mancavano elementi fondamentali come Milinkovic e Lulic. Sabato al San Paolo il Napoli affronterà una squadra totalmente diversa, ma la Lazio tornerà quella di sempre”.

FRANCO MELLI (giornalista) a Radio Radio: “Laxalt si porta avanti la palla con il braccio. Non ho sentito la stessa veemenza quando la Lazio però è stata derubata in passato”.

ROBERTO RENGA (giornalista) a Radio Radio: “Cambi dannosi, bisognava accontentarsi del pareggio. Ieri a Ballardini non sembrava vero quando ha visto la Lazio spaccata in due. E’ come se si fosse offerta al Genoa”

FURIO FOCOLARI (giornalista) a Radio Radio: “Se vogliamo addebitare la colpa della sconfitta a Nani ed Anderson. L’atteggiamento di Felipe è da metterlo fuori rosa, io non voglio più difenderlo. La colpa di ieri sera è stata di De Vrij, Immobile e Luis Alberto. Ballardini ha giocato una partita intelligente. Il primo gol di Laxalt era da annullare”.

SANDRO SABATINI (giornalista) a Radio Radio: “Anderson mi ricorda Recoba. E’ indolente, mi ricordo solo una sua grande stagione, quella del 2015/2016”.

NANDO ORSI (ex giocatore) a Radio Radio: “Felipe Anderson è irritante. Va a sprazzi, non è un campione. Quando gli capita una giornata no non ne prende una”.

ROBERTO PRUZZO (ex giocatore) a Radio Radio: “Inzaghi è stato un po’ troppo presuntuoso a cambiare in gara l’assetto della squadra. Anderson deve entrare dal primo minuto, la responsabilità della sconfitta non è sua”.

PIETRO LO MONACO (ad del Catania) a Radio Incontro Olympia: “La Lazio è una squadra in salute che non esprime un calcio bellissimo ma solido e redditizio. La sconfitta di ieri non fa testo. In Europa League affronterà una squadra inferiore: può sicuramente andare avanti. Paragone Napoli-Lazio? La concezione di gioco è completamente diversa. Il Napoli attacca attraverso possesso palla privo di punti di riferimento. La Lazio è ben messa in campo, equilibrata e forte fisicamente. Ha delle individualità di spessore. Milinkovic è una bomba inesplosa che può arrivare a livelli altissimi. Caceres è un difensore polivalente che sa svolgere più di un ruolo. È un ottimo acquisto. De Vrij credo che sappia già quello che vuole fare. Penso che alla fine andrà via. Felipe Anderson è un gran giocatore che però si è sopito. Lotito è bravo nella gestione del club e devastante nel calcio italiano. Tare è bravissimo a portare in Italia giocatori sconosciuti e a valorizzarli”.

GIULIANO GIANNICHEDDA (ex giocatore) A RMC SPORT – “Lazio e Roma ora saranno impegnate nelle coppe, l’Inter invece no. La squadra di Spalletti è quella più in difficoltà, sopratutto se dovesse mancare ogni tanto Icardi. Per me in Champions ci andranno le due romane”.

HERNAN CRESPO (ex giocatore) A RMC SPORT – “Peccato per ieri sera contro il Genoa, ma la Lazio non ha ancora avuto il suo calo. Roma e Inter invece sì. Quindi mi aspetterei un periodo difficile per i biancocelesti. È difficile dire chi resterà fuori, sarà un duello avvincente e affascinante”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.