Tre tifosi ciociari pestati a Sofia: "colpa" dello stemma della Lazio

Pubblicato 
venerdì, 05/10/2018
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 2 minuti

TIFOSI CIOCIARI - Un weekend di divertimento per tre ragazzi di Anagni si è trasformato in un incubo. I ragazzi, in vacanza a Sofia, sono stati aggrediti dagli ultras della CSKA, squadra della città. Il motivo è lo stemma della Lazio che uno dei ragazzi aveva sulla tuta. Come riporta Il Messaggero, i ciociari erano in vacanza nella Capitale bulgara per un addio al celibato. Arrivati in città avevano scoperto che il sabato si sarebbe giocato il derby tra Cska Sofia e Levski e avevano deciso di andarlo a vedere. Arrivati il venerdì nei pressi dello stadio per farsi una passeggiata, i tre sono stati avvicinati dai tifosi della squadra di casa, che proprio in quel punto si ritrovano quotidianamente. Una decine di bulgari hanno accerchiato il gruppo e iniziato ad additare in particolare uno dei ragazzi, colpevole di avere una tuta con lo stemma della Lazio. La squadra che il giorno dopo avrebbero affrontato, il Levski, è infatti gemellato con i biancocelesti. Per questo i tifosi sono stati aggrediti dai bulgari.

IL RACCONTO - "Ci siamo buttati a terra per tentare di parare i colpi, non abbiamo reagito. Non ricordo quanto sia durato il pestaggio, forse un paio di minuti. Io e un altro siamo riusciti a scappare, il terzo amico purtroppo no ed è rimasto di più ed è lui che ha avuto la peggio. Noi abbiamo riportato qualche costola incrinata, occhi neri e lividi. Lui invece è stato gravemente ferito al viso, a uno zigomo. Dall’ambasciata si sono limitati a dirci che sul sito web c’era una lista di avvocati che avremmo potuto contattare a nostre spese. Avremmo voluto anticipare il ritorno, ma anche in questo caso non potevano aiutarci. Fatto sta che dall’ospedale ci hanno dimesso sostenendo che stava tutto a posto. Io e uno dei due amici abbiamo avuto qualche costola incrinata e lesioni varie, ma è al terzo di noi, quello pestato più a lungo, che è andata male. Ha avuto uno zigomo gravemente lesionato e ha dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico presso l’ospedale di Tor Vergata. Stiamo valutando se avviare un’azione legale" ha raccontato uno dei ragazzi.

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram