Restiamo in contatto

APPROFONDIMENTI

FOCUS | Come giocherà la nuova Lazio? Rosa e scelte a disposizione di Sarri

Pubblicato

il

lazionews-lazio-sarri-grafica
Tempo di lettura: 2 minuti

FOCUS ROSA LAZIO – Felipe Anderson, Hysaj, Pedro, Zaccagni e tanti altri. Il mercato dello Lazio è stato, al solito, interminabile. Dall’indice di liquidità al mancato tesseramento di Kamenovic, senza dimenticare la telenovela Kostic, l’estate di trattative biancoceleste ha assunto, come sempre, tratti intriganti e avvincenti. Adesso, però, la palla passa definitivamente al campo, tornando tra le idee di chi all’informe massa laziale dovrà dare amalgama e sfumature vincenti: Maurizio Sarri. Perciò, ora che la campagna trasferimenti si è conclusa, andiamo ad analizzare, reparto per reparto, le scelte a disposizione dell’allenatore aquilotto.

LEGGI ANCHE –> Il focus tattico su Lazio – Spezia

I portieri: Reina, il fedele soldato

Non siamo certo nel sistema politico bi-centrico americano, ma il dualismo ReinaStrakosha, da almeno un anno, riempie pagine e pagine di giornali. Tuttavia, con l’arrivo di ‘Mau’ sulla panchina biancoceleste, le gerarchie sembrano presto fatte: lo spagnolo sarà il titolare; l’albanese un dodicesimo aggiunto di sicuro affidamento. A completare il reparto ci sarà poi Marius Adamonis, che bene ha fatto tra Auronzo e Marienfeld.

Difesa: chiavi in mano ad Acerbi

“Roma non fu costruita in un giorno” – si disse, intorno al XII secolo, alla corte di Filippo d’Alsazio. Allo stesso modo, ergere le barricate di una difesa a quattro sulla macerie di una a tre non sarà compito facile. Eppure, nonostante qualche balbettamento di inizio gara, la Lazio sembra sulla strada giusta. Merito, sicuramente, di chi a modulo e schemi preferisce l’affidabilità: Francesco Acerbi. Cambiano allenatori e tattiche, ma il ‘Leone’ è sempre il perno difensivo della squadra. Al suo fianco, acciacchi permettendo, si muoverà Luiz Felipe. Hysaj, il volto nuovo del reparto arretrato, sarà il padrone della corsia sinistra; mentre dall’altra parte Lazzari parte leggermente avanti rispetto a Marusic. Subito dietro i titolari, infine, il veterano Radu e il multi-ruolo Patric. Non tesserato Kamenovic: si valuterà nelle prossime ore l’inserimento in lista di Lukaku o Durmisi.

I centrocampisti: la filastrocca continua

Non sarà come ‘Zoff-Burgnich-Facchetti…’, ma per i tifosi biancocelesti MilinkovicLucas LeivaLuis Alberto è ormai diventata una filastrocca. Una canzonetta alla quale lo stesso Sarri, dopo Inzaghi, si affiderà per far fruttare la sua Lazio. Sulle spalle dei giganti poi, scomodando Umberto Eco, si posano altri interpreti del reparto. Da Akpa Akpro, del quale il ‘Comandante’ ha già dimostrato di apprezzare il dinamismo, al nuovo acquisto Basic, senza dimenticare le presenze di Danilo Cataldi e Gonzalo Escalante.

Attacco: la corte di Re Ciro

Un Re sul trono, e una corte pronta a servirlo. Così si potrebbe descrivere il reparto avanzato della Lazio, pronto ad armarsi per questa stagione. Ciro Immobile, come ampiamente dimostrato nelle prime uscite stagionali, sarà ancora l’attaccante principe della squadra. E non v’erano dubbi. Intorno a lui, abituato negli ultimi cinque anni a muoversi solo per le praterie avversarie, ci sarà una schiera di mezze punte pronte a servirlo. I vice-re saranno, con ogni probabilità, Pedro e Felipe Anderson. Ai loro servigi, i vassalli Zaccagni (la cui fantasia sarà spendibile anche in mezzo al campo), Raul Moro e Luka Romero. Davvero niente male.

Daniele Izzo

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *