Spezia - Lazio al 'Picco': l'unico precedente è storia

Pubblicato 
sabato, 30/04/2022
Di
Daniele Izzo
lazionewseu-lazionews-lazio-picco-la-spezia
Tempo di lettura: 2 minuti

SPEZIA LAZIO PRECEDENTE PICCO - Ci sono partite, come ad esempio il derby capitolino oppure le grandi classiche contro le squadre del nord, che ogni anno aggiungono un capitolo al librone dell'infinita storia. Altre invece, come Spezia-Lazio, che trattengono nell'unicum dei precedenti il fascino di racconti lontani, persi tra i meandri del calcio italiano.

Spezia - Lazio, l'unico precedente al 'Picco'

"Gli azzurri danno spettacolo e Romagnoli e Gualtieri sono i più ammirati". Con questo sottotitolo, le cronache dell'epoca spiegarono il 2-5 maturato tra Spezia e Lazio allo stadio 'Alberto Picco'. Il primo, e finora unico, precedente tra liguri e laziali nell'impianto, dal momento che nella scorsa Serie A la partita tra le due compagini da calendario in casa spezzina si giocò al 'Manuzzi' di Cesena.

Coppa Italia 1940/41: i percorsi di Spezia e Lazio

Correva l'anno 1941 quando Spezia e Lazio si affrontarono per la prima volta. Minacciosi venti di guerra stavano per investire l'Italia tutta, ma, come spesso è accaduto, il calcio in quella soleggiata domenica ligure del 25 maggio provò a fornire una sorta di distrazione. In palio vi era infatti un prestigioso traguardo: le semifinali di Coppa Italia. Per giungere fino a lì, ai quarti di finale, entrambe le compagini avevano dovuto imporsi in difficili trasferte: i laziali sul campo del Milan (allora denominato Milano); gli spezzini su quello dell'Unione Sportiva Fiumana (società polisportiva della città di Fiume, oggi croata).

Spezia - Lazio 2-5: la partita

La Lazio, per la prima volta ospite nell'impianto inaugurato nel 1919 e dedicato ad Alberto Picco, schierava giocatori di prim'ordine che hanno fatto la storia del club. Si ricordano, ad esempio, il leggendario portiere Uber Gradella e il centrocampista tutto estro e fantasia Enrique Domingo Flamini, per tutti Enrico Flamini. Lo Spezia rispondeva con una squadra coriacea e ben messa in campo, rafforzata da alcuni calciatori che solamente qualche anno dopo il tricolore consegnò al mito: Wando Persia, Eraldo Borrini e il bomber Giovanni Costa. Con questi protagonisti, Spezia e Lazio iniziarono la battaglia del 'Picco'.
Bastarono tre minuti a Italo Romagnoli, soprannominato 'Palla di Gomma' grazie a incredibili doti acrobatiche, per bucare la retroguardia spezzina. Un vantaggio al quale Vettraino, brevilineo e scattante esterno biancoceleste, aggiunse un altro gol al 28' del primo tempo. Così, sul risultato di 0-2, le squadra rientrarono negli spogliatoi. Al rientro dai quindici canonici minuti poi, due episodi indirizzarono definitivamente la partita: il primo fu l'infortunio dello spezzino Persia, costretto a uscire dal campo lasciando i suoi in dieci (allora non erano previsti cambi); il secondo fu la doppietta, siglata al 55', di uno scatenato Romagnoli. Da quel momento in poi la Lazio amministrò la gara. Pisa, al 59', portò l'incontro sullo 0-4, prima che l'attaccante dello Spezia Costanzo mettesse a segno una rapida, ma inutile, doppietta. A consegnare alla storia la partita sul risultato di 2-5 ci pensò all'89' Gualtieri. Pertanto l'Aquila ligure lasciò la competizione, mentre quella laziale continuò a volare in Coppa Italia. Almeno sino alle semifinali, dove venne eliminata dal fortissimo Venezia.

Spezia - Lazio: il tabellino dell'incontro

Coppa Italia - Quarti di finale
Stadio 'Alberto Picco' di La Spezia
Domenica 25 maggio 1941, ore 15.00

SPEZIA (5-2-3): Camerario; Persia, Zappelli, Meregalli, Borrini, Morosi; Sodini, Rallo; Costanzo, Lippi, Costa
All. Antonio Sassarini

LAZIO (5-2-3): Gradella; Fazio, Monza, Baldo, Ramella, Ferri; Gualtieri, Pisa; Romagnoli, Flamini, Vettraino
All. Ferenc Molnar

Marcatori: 3' Romagnoli (L), 28' Vettraino (L), 55' Romagnoli (L), 59' Pisa (L), 79' Costanzo (S), 82' Costanzo (S), 89' Gualtieri (L)

Articolo a cura di Daniele Izzo

LEGGI ANCHE --> Spezia, l'approfondimento sulle aquile liguri

, , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram