Pellissier e il gol alla Lazio: “Ho abbracciato mio figlio per una promessa”

PELLISSIER GOL – Il gol contro la Lazio è stata una gioia unica per Pellissier. Per i tifosi biancocelesti quella rete equivale al pareggio contro l’ultima in classifica, ma dietro c’è una storia speciale che il bomber del Chievo ha raccontato ai microfoni del Corriere Veneto.

GOL ALLA LAZIO – “C’è stato un momento nel passato recente in cui Matteo pativa più di me il fatto che non giocassi. Gli dispiaceva talmente tanto da sentire la rabbia dentro. Finché un giorno mi ha detto: “Papà, non voglio più venire allo stadio”. Rifletto sempre su quello che mi dicono lui, Sofia e Filippo, ci ho pensato su e mi è parso giusto rispondergli così: “Se non vuoi più venire perché non ti piace, va bene. Ma se non vuoi più venire perché non gioco allora no, non devi reagire così. Mai mollare, crederci sempre. Se lo fai vedrai che un giorno gioco, faccio gol e ci abbracceremo in campo”. All’inizio ho sfogato la rabbia, nell’esultare. Poi, uscito dall’abbraccio dei compagni, mi sono ricordato di Matteo (che faceva il raccattapalle, ndr) e di quella promessa. E l’ho cercato con lo sguardo…”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.