GAZZETTA DELLO SPORT. Frustalupi: «Quel giorno all'Eur con Chinaglia... Ma a volte al cuore si comanda»

Pubblicato 
venerdì, 06/04/2012
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 2 minuti

GAZZETTA DELLO SPORT. Frustalupi: «Quel giorno all'Eur con Chinaglia... Ma a volte al cuore si comanda»

Il figlio dell'ex giocatore biancoceleste torna all'Olimpico come vice di Mazzarri

(getty images)

Nicolò Frustalupi aveva il poster in camera della Lazio dello scudetto del 1974, quindi la sfida di domani sera per lui ha un sapore particolare: «In realtà – dice Frustalupi junior, oggi vice di Mazzarri a Napoli -, per me quella fotografia rappresentava essenzialmente un ricordo di papà». Già, perché Mario Frustalupi, tragicamente scomparso in un incidente d'auto nel 1990, era l'anima di quella squadra allenata da Maestrelli che conquisto il tricolore, come ricorda La Gazzetta dello Sport.

«Ho imparato a conoscerlo anche grazie ai racconti dei compagni di squadra», afferma oggi Nicolò. Tra gli altri, Oddi, Wilson e Chinaglia, la cui morte ha profondamente colpito il popolo laziale: «Io l'ho conosciuto in occasione di una partita che abbiamo disputato insieme al Palaeur – ricorda Frustalupi - Fu una serata davvero speciale, indossai la maglia di mio padre ed ebbi modo di capire quale ricordo ha lasciato in chi ha condiviso con lui lo spogliatoio della Lazio. Soprattutto Oddi, che era stato suo compagno pure a Cesena, mi raccontò una serie di aneddoti di quel periodo».

L'Olimpico genera sempre sensazioni particolari in Nicolo Frustalupi: «Ogni qual volta sono venuto a Roma ho percepito una certa emozione, soprattutto però per il fatto che in tanti mi fermano e mi parlano di papà. In campo, invece, è diverso. Non faccio il giocatore e dunque, piuttosto che pensare al contesto che mi circonda, cerco di concentrarmi sul mio lavoro in panchina».

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram