CALCIOMERCATO

Lazio, caso tamponi: la Procura chiude le indagini. Lotito ha 15 giorni per difendersi

- Advertisement -
Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO CASO TAMPONI LOTITO – Dopo diverso tempo, torna in auge il caso relativo ai tamponi della Lazio. La Procura federale, il 3 novembre scorso, ha aperto un’inchiesta nei confronti del club biancoceleste per accertare eventuali violazioni dei protocolli sanitari. In particolare, sono stati oggetto di analisi i mancati rapporti con le Asl. Giuseppe Chinè, capo della Procura, ha finalmente raccolto tutte le informazioni che gli servivano per capire come muoversi e ha deciso di chiudere l’indagine.

Caso tamponi, Lotito ha 15 giorni per produrre una memoria difensiva e cercare il patteggiamento

Come riporta La Gazzetta dello Sport, la Procura federale ha notificato alla Lazio la conclusione delle indagini scattate ad inizio novembre. In questa comunicazione sono esplicitate tutte le accuse e da questo momento la società ha 15 giorni di tempo per produrre una memoria difensiva e cercare il patteggiamento. Qualora non si trovasse un accordo, scatterà il deferimento nei confronti del club di Claudio Lotito, che porterebbe la Lazio di fronte al tribunale federale o all’archiviazione del caso. Questa ipotesi, però, appare alquanto improbabile.

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI