MUSLERA torna a parlare di LAZIO:''A Roma sono cresciuto, ora la porta BIANCOCELESTE è blindata''

Pubblicato 
lunedì, 09/04/2012
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 3 minuti

MUSLERA torna a parlare di LAZIO:''A Roma sono cresciuto, ora la porta BIANCOCELESTE è blindata''

Il portiere del Galatasaray ricorda con piacere gli anni alla Lazio e fa parlare di se: in Turchia va in gol su calcio di rigore...

getty images

E' tornato a parlare di Lazio un grande ex della squadra capitolina. Lui è Fernando Muslera, l'uruguaiano che diventò titolare quando davanti aveva Carrizo, ai tempi visto come una grande promessa tra i pali, ma che invece deluse le aspettative. Nella giornata di ieri, Muslera è tornato a far parlare di sé realizzando il suo primo gol in carriera  calciando dal dischetto, andando a firmare il momentaneo punteggio di 3-0 contro il Manisaspor (poi finita 0-4). Ai microfoni di Lazio Style Radio, ecco le dichiarazioni del portiere del Galatasaray:

Sono molto contento per il momento che sto vivendo qua, ed anche per quello  che è successo ieri. Sono davvero molto felice. Era da due o tre partite che la gente veniva da me dicendomi che mancava solo un gol mio, tutti gli altri avevano già segnato, volevano che calciassi qualche rigore. Ieri ce ne sono stati due: al secondo tutti i tifosi hanno cominciato a cantare il mio nome. Ma io non sono il tipo a cui piace calciarli, ma il mister mi ha detto di andarci e stare tranquilloHo vissuto quattro anni bellissimi alla Lazio, sono cresciuto tantissimo come portiere grazie a Grigioni (preparatore dei portieri della Lazio, ndr), ringrazio anche Sabatini. Se oggi sono arrivato a questo livello, lo devo a tutto quello che ho imparato in casa Lazio. Ho trovato dei ragazzi bravissimi, degli amici e della gente che è sempre stata al mio fianco anche in dei momenti non belli”.

Ora, la porta biancoceleste, è chiusa a doppia mandata da due esperti portieri come Marchetti e Bizzarri. 

“E’ ben blindata. Bizzarri, è un signor portiere con tutta l’esperienza che ha. Anche Marchetti: ho giocato contro di lui quando militava ancora nel Cagliari e non ha bisogno di dimostrare niente perché è un grandissimo portiere. Sono rimasto contento che la società abbia preso lui quando sono andato viaPer fortuna ho trovato qua in Turchia un canale italiano dove trasmettono le partite. Quando non giochiamo nello stesso orario la seguo. Ad esempio ho visto la partita contro la Juventus. Sono contento del posto in classifica che occupano, lo meritano questi ragazzi”.

Muslera poi parla del rigore di Ledesma, calciato Sabato sera contro il Napoli. Lui sa che dall'argentino può solo imparare:

“Ho visto anche la partita contro il Napoli di sabato. E’ stata una grandissima gara anche per l’impegno messo dai ragazzi. Cristian poi i rigori non li sbaglia mai: il mio l’ho calciato basso ma, calciarlo alto come ha fatto lui, per me è impossibile”.

Infine due parole sui suoi connazionali ancora in maglia biancoceleste come El Tata Gonzalez ed Emiliano Alfaro, arrivato a Gennaio:

“Il Tata, come giocatore, è un ragazzo che ce la mette tutta, fa un grande sacrificio per la squadra. Emiliano è uguale a lui, corre, ce la mette tutta e cerca sempre il gol. Anche se è giovane, credo che farà molto bene. Sono contento che la Lazio abbia due giocatori di così grande talento in squadra.  Saluto tutti i tifosi, lo staff. Sono contento di aver conosciuto grandi persone nella Lazio, sicuramente passerò a salutarvi perché mi mancate tanto”.

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram